Maggio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L'Ospedale per animali di Parigi cura la fauna selvatica in tutta la città

Maisons-Alfort, Francia – L'ossigeno viene pompato attraverso un tubo nell'unità di terapia intensiva, mentre il direttore dell'ospedale sfoglia la cartella clinica e sussurra i dettagli di quanto ossigeno viene pompato per evitare che disturbi il paziente: Hedgehog.

Come molte delle creature che finiscono qui al Von Alfort, l'unico ospedale della regione parigina che si prende cura di tutti gli animali selvatici, questo riccio era in contrasto con l'ambiente urbano. È stato trovato bloccato con la zampa ferita nella recinzione del giardino.

L'anno scorso, un record di 7.730 animali appartenenti a 121 specie diverse hanno varcato le porte dell'ospedale, che si trova all'interno di una scuola veterinaria alla periferia di Parigi. Questo numero aumenta ogni anno, poiché la capitale francese in espansione diventa troppo grande per gli habitat degli animali e poiché la fauna selvatica si sforza, e talvolta fatica, di adattarsi alla vita cittadina.

“Non è necessario andare dall'altra parte del mondo per incontrare animali selvatici”, ha detto la direttrice Céline Grisso, indossando un camice da laboratorio verde oliva. “Si trovano sempre più spesso nelle aree urbane, perché questi animali selvatici vengono a trovare rifugio quando non c'è posto per loro, perché il loro territorio viene invaso. Questi animali hanno una straordinaria capacità di resilienza.

Che si tratti di maiali a Roma e in Giappone, o di lontre a Singapore, Pantere a Mumbai O le onnipresenti volpi urbane di Londra, animali selvatici che imparano a convivere con gli umani, spesso lontano dalla vista.

I funzionari dicono che i cinghiali che vagano per Roma dovrebbero essere uccisi

Il programma di Parigi è animato dall'idea che gli abitanti della città e Veterinari È necessario guardare oltre gli animali domestici e prendersi cura anche della fauna selvatica in mezzo a loro.

READ  Nuove foto mostrano John Glenn in orbita attorno alla Terra nel 60° anniversario della sua fondazione

Animali infetti e malati Ha confessato a von Alfort Ricevere cure mediche in ospedale e poi riabilitare in un recinto o in una gabbia. L'obiettivo è prepararli per il rilascio e riportarli nel luogo in cui sono stati trovati o in un altro habitat adatto.

Per sopravvivere a lungo termine, devono partire con una sana paura per la sicurezza delle persone. Quindi lo staff e i volontari del centro stanno cercando di aiutarli a riprendersi riducendo al minimo l’interazione umana.

In fondo al corridoio, di fronte al riccio, i dipendenti stavano dando da mangiare agli uccelli, non più grandi del palmo di una mano, con pinzette e siringhe. Uno degli uccelli recuperati è sfuggito alle mani di un custode ed è atterrato su uno scaffale.

Due anatroccoli sguazzano in una vasca piena d'acqua con una soffice oca grigia lasciata dalla madre. Quando sarà grande, i paperi dovranno essere separati dagli anatroccoli, per non confondere i suoi istinti naturali, ma per ora ha trovato una famiglia temporanea.

All'ospedale venivano curati aironi cenerini, allocchi, pipistrelli, gabbiani, marmotte, tassi, conigli e persino occasionalmente volpi o facoceri della periferia. Finiranno qui i cigni che vagano per i Giardini del Lussemburgo a Parigi e i piccoli piccioni abbandonati lungo le rive della Senna.

I motivi per cui questi animali vengono ricoverati in ospedale sono i più vari: molti sono bambini, altri sono stati investiti da auto o aggrediti da predatori. Durante i suoi otto anni con von Alfort – prima come volontaria, poi come dipendente e ora come manager – Griso ricorda di aver visto animali catturati in trappole per le gambe (sebbene siano state vietate in Francia dagli anni '90), e falchi con fratture multiple alle ali protetto. Specie con ferite da arma da fuoco che continuano a sopravvivere a diversi interventi chirurgici prima di essere rimesse in libertà.

READ  Gli scienziati hanno detto che una grande esplosione solare è scoppiata al sole sabato scorso

Oltre allo spostamento della città negli habitat di questi animali, c'è anche l'impatto del cambiamento climatico e molte delle loro vittime finiscono davanti alla porta di Grisot. Ha fornito alcuni esempi, tra cui una tempesta di sabbia nel deserto che ha colpito Parigi nel 2022, distruggendo molti nidi di rondini; Temperature elevate dovute all'ondata di caldo, che ha spinto i piccoli ad uscire dai nidi e sui marciapiedi in cerca di conforto; I ricci si svegliano presto dal letargo a causa delle temperature moderate e dell'incapacità di trovare cibo a sufficienza.

Gli storni a Roma creano uno spettacolo mozzafiato. E caos.

Il personale parlava a bassa voce per mantenere gli animali calmi, quindi gli unici suoni erano lo stridio e il cinguettio degli uccelli e il cinguettio degli animali che facevano colazione. In fondo al corridoio, lontano dagli uccelli più piccoli, c'è la stanza dei rapaci, che in quel particolare giorno ospitava una pernice, un corvo, un falco, un gufo e un verdone, tutti tenuti in gabbie separate delle dimensioni di un armadio.

A parte il trambusto di pulire le ferite e dare da mangiare agli animali (alcuni bambini hanno bisogno di essere nutriti ogni ora o due) c'è un'enorme quantità di lavoro domestico dedicato alla cura di così tanti animali. La lavatrice è sempre in funzione per garantire che ci siano asciugamani puliti, ha detto Grisot.

Sugli scaffali d’acciaio sono allineati quasi fino al soffitto contenitori per alimenti di ogni forma e dimensione, etichettati “piccioni”, “ricci”, “gazze” e così via. Il frigorifero è pieno di topi e vermi morti. Sacchi di pellet e altri cereali sono allineati lungo un'altra parete del magazzino. C'è anche una vasca di plastica piena di baguette stantie.

READ  L'influenza e altri virus respiratori continuano ad aumentare negli Stati Uniti

Studenti di veterinaria e volontari supportano la piccola squadra che si prende cura di migliaia di animali ogni anno.

Dopo tre anni e centinaia di morti orribili, il caso dell'”assassino di gatti” britannico è stato risolto

L'ospedale, che occupa una stretta ala di spazio su diverse rampe di scale all'estremità del vasto campus della scuola veterinaria della capitale, ha ricevuto solo 20.000 euro dal comune nel 2023 e mantiene un'esistenza precaria facendo affidamento su Donazioni E cura.

Circa il 90% degli animali vengono portati qui non da agenti di controllo degli animali ma da parigini o abitanti dei sobborghi che notano un animale in difficoltà e cercano di aiutare, avvolgendo una volpe in asciugamani o mettendo un uccello in una scatola da scarpe e consegnandolo qui.

Grisot ha detto che a volte può essere difficile vedere l'impatto della sua squadra. “Abbiamo messo alcuni cerotti. Questo è tutto ciò che possiamo fare”, ha detto.

Il vero cambiamento, ha detto, richiede che gli esseri umani immaginino se stessi in un modo completamente diverso: comprendano che sono un animale tra i tanti che vivono nella città di Parigi, e che convivono con dozzine di specie ogni giorno.

“Quando guardi Parigi dal cielo, non appena ti allontani dal centro, ti accorgi di essere circondato da foreste e spazi verdi”, ha detto. “Dobbiamo diventare più umili e fare uno sforzo per avere il minor impatto possibile sull’ambiente”.