Giugno 15, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Organizzazione mondiale della sanità conta sull’Australia per fermare la prossima pandemia

La lezione generale che si può trarre dal rapporto – i cui autori includevano l’ex primo ministro neozelandese Helen Clarke – è che abbiamo bisogno di un maggiore e migliore coordinamento globale. I forti contributi a uno sforzo globale non sono beneficienza, ma investimenti razionali. Questo punto non dovrebbe essere perso per l’Australia, attore influente nell’Organizzazione mondiale della sanità e nella regione.

Poiché l’Asia è diventata l’epicentro dei numeri di casi globali, il declino dell’isolazionismo e del nazionalismo dei vaccini minaccia il nostro risultato faticosamente conquistato di contenere COVID-19.

Nei prossimi mesi ci sono passi concreti che possiamo e dobbiamo compiere. L’Australia deve impegnarsi in sforzi globali per creare una pipeline di vaccini in grado di fornire a 92 paesi a basso e medio reddito almeno un miliardo di dosi di vaccino entro dicembre 2021, con l’obiettivo di raggiungere più di due miliardi di dosi entro la metà del 2022.

L’Australia dovrebbe aggiungere la sua voce influente alla spinta a rinunciare ai diritti di proprietà intellettuale sui vaccini, riducendo ulteriormente le barriere alla vaccinazione nei paesi a basso e medio reddito. Ecco un grande passo: le aziende produttrici di vaccini dovrebbero essere incoraggiate ad assumersi il tipo di rischi che devono affrontare con COVID-19, ma se la rinuncia è necessaria, lo è ora. Molti paesi devono essere in grado di produrre vaccini, hanno solo bisogno di quel via libera.

L’Organizzazione mondiale della sanità richiederà finanziamenti costanti e maggiori da parte degli Stati membri. Attribuisci a lui:AP

Tra una serie di raccomandazioni chiave, il rapporto raccomanda che l’Organizzazione mondiale della sanità istituisca un nuovo sistema di sorveglianza globale basato sulla completa trasparenza. L’Organizzazione Mondiale della Sanità dovrebbe avere l’autorità esplicita di pubblicare immediatamente informazioni su possibili focolai di malattie epidemiche senza richiedere il permesso al governo interessato. L’Organizzazione mondiale della sanità dovrebbe anche avere il potere di inviare esperti per indagare sulle minacce epidemiche in qualsiasi paese il prima possibile. Il rapporto raccomanda di riformare e rafforzare l’Organizzazione mondiale della sanità e di concedere una maggiore indipendenza finanziaria sulla base di risorse completamente non contrassegnate e di un aumento delle tasse degli Stati membri.

READ  Medico Covid-19 picchiato dalla folla dopo la morte di un paziente in India

È indiscutibile che sono necessari più fondi per la preparazione e la risposta. Un nuovo strumento di finanziamento per una pandemia internazionale mobiliterà fino a 10 miliardi di dollari all’anno per la preparazione, con il potenziale per spendere dai 50 ai 100 miliardi di dollari con breve preavviso in caso di pandemia.

Caricamento in corso

È ora di imparare da questa esperienza e prepararsi per il futuro. La salute globale non è qualcosa che finanziamo solo. È anche la nostra salute e dobbiamo agire a casa e sulla scena mondiale. È una frase comunemente usata, ma la dura realtà è che gli effetti della pandemia non sono finiti per la nostra nazione fino a quando non finisce in ogni paese, indipendentemente dalla sua ricchezza o dal suo governo. L’accumulo di vaccini dei paesi ricchi è controproducente. Dobbiamo unirci ad altri paesi per vaccinare tutti per porre fine a questa epidemia ora. E assicurati che il mondo sia preparato meglio la prossima volta.

Sebbene ci sia molto che l’Australia deve fare attraverso canali formali e informali, la misura più influente è probabilmente l’espressione pubblica chiara e partigiana di quanto sia importante la presenza dell’OMS nella preparazione e risposta alla pandemia, e nel sostenere il corso della rapporto lì.

Jane Halton è presidente di CEPI, la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations. Il professor Brendan Crabbe è l’amministratore delegato del Burnet Institute e presidente di Friends of the Pacific for Global Health.