Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità avverte che la crescente diffusione dell’influenza aviaria tra gli esseri umani è “enorme preoccupazione”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità avverte che la crescente diffusione dell’influenza aviaria tra gli esseri umani è “enorme preoccupazione”.

Giovedì l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha espresso allarme per la crescente diffusione del virus dell’influenza aviaria H5N1 tra nuove specie, compreso l’uomo, che devono affrontare un tasso di mortalità “straordinariamente alto”.

“Penso che questa rimanga una delle maggiori preoccupazioni”, ha detto ai giornalisti a Ginevra Jeremy Farrar, capo scienziato dell'agenzia sanitaria delle Nazioni Unite.

L’attuale epidemia di influenza aviaria è iniziata nel 2020 e ha ucciso decine di milioni di pollame, infettando uccelli selvatici e mammiferi terrestri e marini.

Mucche e capre si sono aggiunte alla lista il mese scorso, uno sviluppo sorprendente per gli esperti perché non si pensava che fossero suscettibili a questo tipo di influenza.

Farrar ha affermato che il ceppo A (H5N1) è diventato una “pandemia animale globale”.

“La preoccupazione più grande, ovviamente, è che man mano che si infettano anatre e polli e poi sempre più mammiferi, questo virus si sta evolvendo e sviluppando la capacità di infettare gli esseri umani e quindi la capacità di trasmettersi da uomo a uomo”.

Non esistono ancora prove che il virus dell’influenza A(H5N1) si diffonda tra gli esseri umani.

Nelle centinaia di casi in cui gli esseri umani sono stati infettati attraverso il contatto con animali, “il tasso di mortalità è straordinariamente alto”, ha detto Farrar.

Dal 2003 al 1 aprile di quest’anno, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato di aver registrato 463 decessi su 889 casi umani in 23 paesi, portando il tasso di mortalità al 52%.

Con uno sviluppo preoccupante, le autorità statunitensi hanno dichiarato all'inizio di questo mese che una persona in Texas si stava riprendendo dall'influenza aviaria dopo essere stata esposta al bestiame da latte.

READ  Elettroni "alla velocità della luce" che si muovono in 4 dimensioni scoperti per la prima volta: ScienceAlert

Questo è solo il secondo caso di un essere umano positivo al test per l'influenza aviaria nel paese, ed è arrivato dopo gli allevamenti infetti dal virus che apparentemente erano stati esposti a uccelli selvatici in Texas, Kansas e altri stati.

L'OMS ha affermato che questa sembra essere anche la prima infezione umana da parte del ceppo virale dell'influenza A (H5N1) attraverso il contatto con un mammifero infetto.

“Quando ti unisci al gruppo dei mammiferi, ti avvicini agli umani”, ha detto Farrar, avvertendo che “questo virus sta solo cercando nuovi, nuovi ospiti”.

“È una vera preoccupazione”.

Farrar ha chiesto una maggiore sorveglianza, sottolineando che “è molto importante comprendere il numero di infezioni umane che si verificano… perché è qui che avverrà l'adattamento (al virus)”.

“È tragico dirlo, ma se prendi l'H5N1 e muori, tutto finisce. Se vai in giro per la comunità e lo diffondi a qualcun altro, inizi il ciclo.”

Ha affermato che sono in corso sforzi per sviluppare vaccini e trattamenti per il virus H5N1 e ha sottolineato la necessità di garantire che le autorità sanitarie regionali e nazionali di tutto il mondo abbiano la capacità di diagnosticare il virus.

Ciò viene fatto in modo che “se il virus H5N1 raggiunge gli esseri umani e viene trasmesso da uomo a uomo”, il mondo sarà “in grado di rispondere immediatamente”, ha affermato Farrar, sollecitando un accesso equo ai vaccini, ai trattamenti e alla diagnostica.

© Agenzia France-Presse