Novembre 29, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Italia dà rifugio alla ragazza verde del National Geographic, Sharbat Gula, dopo l’acquisizione dei talebani

L’Italia ha offerto un rifugio sicuro a Sharbat Gula, la “ragazza afgana” dagli occhi verdi la cui foto del National Geographic del 1985 è diventata un simbolo delle guerre del suo Paese.

L’ufficio del primo ministro Mario Draghi ha detto che il governo è intervenuto dopo che la signora Gola ha chiesto aiuto per lasciare l’Afghanistan dopo che i talebani hanno preso il controllo del paese ad agosto.

Ha aggiunto che il suo arrivo faceva parte di un programma più ampio per evacuare e integrare i cittadini afgani.

Il fotografo americano Steve McCurry ha catturato questa foto della signora Gola quando era una bambina che viveva in un campo profughi al confine tra Pakistan e Afghanistan.

I suoi splendidi occhi verdi che spuntavano dal velo con un misto di ferocia e dolore l’hanno resa nota a livello internazionale, ma la sua identità è stata scoperta solo nel 2002 quando Makari è tornata nella zona e l’ha rintracciata.

Il National Geographic ha detto all’epoca che un analista dell’FBI, scultore forense e inventore del riconoscimento dell’iride stava verificando la sua identità.

Primo piano di Sharbat Gula nel novembre 2016.
La signora Gula è stata fotografata nel 2016, arrivando per incontrare l’allora presidente afghano, Ashraf Ghani.(Reuters)

Nel 2016, la signora Gola è stata arrestata dal Pakistan con l’accusa di aver falsificato una carta d’identità nazionale nel tentativo di vivere nel paese.

L’allora presidente afghano Ashraf Ghani l’ha accolta di nuovo e ha promesso di darle un appartamento che le avrebbe garantito “di vivere in dignità e sicurezza nella sua patria”.

Da quando hanno preso il potere, i leader talebani hanno affermato che rispetteranno i diritti delle donne secondo la legge islamica.

Ma sotto i talebani dal 1996 al 2001, le donne non potevano lavorare e alle ragazze era impedito di andare a scuola.

Le donne dovevano coprirsi il volto ed essere accompagnate da un parente maschio quando uscivano di casa.

Reuters

READ  Il primo ministro israeliano inizia le indagini dopo la fuga precipitosa a Lag Bomer, uccidendo 45 persone