Dicembre 3, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il funzionario cinese prende la posizione dell’Interpol nonostante l’opposizione dei legislatori australiani

Un funzionario del governo cinese è stato nominato nel comitato esecutivo dell’Interpol, nonostante le obiezioni di un gruppo di parlamentari australiani e di organizzazioni internazionali per i diritti umani.

L’organismo di polizia internazionale ha anche eletto un controverso funzionario degli Emirati Arabi Uniti come nuovo capo durante la sua assemblea generale annuale tenutasi giovedì in Turchia.

Hu Binchen, un funzionario del Ministero della Pubblica Sicurezza cinese, è stato eletto per entrare a far parte del Comitato Esecutivo dell’Interpol come delegato dall’Asia.

Il signor Hu è stato sostenuto dal governo cinese, che è stato accusato di usare le forze di polizia mondiali per dare la caccia ai dissidenti in esilio e nascondere i propri cittadini.

Lo ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian La Cina stava rendendo il mondo un posto più sicuro Attraverso la “raccomandazione di candidati idonei per la candidatura a membro del Comitato Esecutivo”.

All’inizio di questa settimana, sei legislatori e senatori australiani hanno firmato una lettera all’Alleanza interparlamentare sulla Cina (IPAC) esortando i membri dell’Interpol a bloccare l’elezione di Hu per la preoccupazione che Pechino possa utilizzare il sistema di avviso rosso dell’Interpol per colpire gli attivisti in esilio.

La senatrice liberale Consita Ferravanti Welles, che era tra i firmatari, si è detta molto preoccupata per la possibilità che la Cina utilizzi l’Interpol come veicolo per le sue politiche repressive e danneggi la posizione internazionale dell’Interpol.

L’agenzia, con sede a Lione, in Francia, funge da intermediario per i servizi di polizia nazionali che cercano di rintracciare i sospetti oltre i propri confini.

Il suo statuto dovrebbe vietare l’uso di avvisi di polizia per motivi politici.

Scarica

Il nuovo leader dell’Interpol

Il prossimo capo dell’Interpol è il maggiore generale Ahmed Nasser Al Raisi, l’ispettore generale del ministero degli Interni degli Emirati Arabi Uniti, accusato da gruppi per i diritti umani di coinvolgimento nella tortura e negli arresti arbitrari negli Emirati Arabi Uniti.

L’Interpol ha affermato che la brigata maggiore è stata eletta giovedì per un mandato di quattro anni dopo tre turni di votazione e ha ricevuto il 68,9% dei voti nell’ultimo turno.

Ahmed Nasser Al-Raisi in piedi dietro il pulpito.
Il maggiore generale Ahmed Nasser Al Raisi è stato accusato di complicità in torture e violazioni dei diritti umani negli Emirati Arabi Uniti.(Interpol. polizia internazionale)

“L’Interpol è un’organizzazione indispensabile costruita sulla forza delle sue partnership”, ha affermato l’Interpol.

Il voto sul presidente è stato seguito da vicino da quando il primo presidente cinese, Meng Hongwei, è scomparso a metà del suo mandato di quattro anni durante un viaggio di ritorno in Cina nel 2018.

In seguito è emerso che era stato detenuto e accusato di corruzione e altri presunti reati.

Ali Ahmed e Matthew Hedges seduti sul divano.
Ali Ahmed e Matthew Hedges affermano di essere stati torturati dalle forze di sicurezza degli Emirati.(Reuters: Yessim Dikman)

Il maggior generale è accusato di tortura e ha denunce penali contro di lui in cinque paesi, tra cui la Francia, dove ha sede l’Interpol, e la Turchia, dove si sono svolte le elezioni.

La sua elezione ha suscitato reazioni rabbiose da parte dei due britannici che hanno sporto denuncia.

“Questo è un giorno triste per la giustizia internazionale e la polizia globale”, ha detto Matthew Hedges, uno studente di dottorato britannico che è stato imprigionato negli Emirati Arabi Uniti per quasi sette mesi nel 2018 con l’accusa di spionaggio. Il signor Hedges dice di essere stato torturato e tenuto per mesi in isolamento.

Ali Issa Ahmed, un tifoso di calcio che ha affermato di essere stato torturato dall’apparato di sicurezza degli Emirati Arabi Uniti durante la Coppa d’Asia AFC 2019, ha dichiarato: “Non fermerò la mia lotta per la giustizia per le torture e gli abusi a cui sono stato sottoposto sotto Al Raisi. Spero L’Interpol non gli permetterà di abusare di nessun altro”.

Il loro avvocato, Rodney Dixon, ha affermato che i suoi clienti “raddoppieranno i loro sforzi per chiedere giustizia per le loro torture e per perseguire il maggiore generale nei tribunali nazionali ovunque si rechi nella sua nuova posizione”.

Il presidente degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Khalifa bin Zayed Al Nahyan, ha graziato il signor Hedges, ma i funzionari degli Emirati insistono ancora sul fatto che Hedges stesse spiando per conto dell’MI6, senza fornire prove conclusive a sostegno delle loro accuse.

Lui, la sua famiglia e i diplomatici britannici hanno più volte negato le accuse.

Syed Ahmed Alwadaei, attivista del Bahrain Institute for Rights and Democracy, ha avvertito che l’elezione del maggiore generale Al Raisi “segna l’inizio di un’era pericolosa, in cui i regimi autoritari sono ora in grado di dettare la polizia internazionale”.

“Nessuno è al sicuro dagli abusi dell’Interpol e dei regimi autoritari”, ha affermato Alwadaei in una nota.

La brigata maggiore sostituisce Kim Jong Yan della Corea del Sud, il vicepresidente che è stato rapidamente eletto come sostituto per servire il resto del mandato di Mr. Meng.

Sebbene il Segretario Generale dell’INTERPOL gestisca l’INTERPOL quotidianamente, il Presidente svolge un ruolo nel sovrintendere al lavoro della polizia e nel dirigere la sua direzione generale.

Il presidente presiede le assemblee generali dell’INTERPOL e il suo Comitato Esecutivo.

Il tedesco Jürgen Stock attualmente ricopre la carica di Segretario Generale.

Circa 470 capi di polizia, ministri e altri rappresentanti di oltre 160 paesi hanno partecipato all’incontro di tre giorni. Ogni Stato presente dispone di un voto.

ABC / AP

READ  Gli Stati Uniti e l'Unione europea si impegnano a un'azione congiunta su tecnologia, semiconduttori e questioni cinesi