Novembre 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’idea di un “fossile vivente” si è estinta per 273 milioni di anni sul fondo dell’oceano

È stata scoperta una relazione simbiotica tra due forme di vita marina che prosperano sul fondo dell’oceano, scomparse dalla documentazione fossile per centinaia di milioni di anni.

Gli scienziati hanno scoperto che i coralli non scheletrici crescono dagli steli di animali marini noti come crinoidi, O gigli di mare, sul fondo dell’Oceano Pacifico, al largo della costa di Honshu e Shikoku in Giappone.

“Questi campioni rappresentano le prime registrazioni dettagliate e gli esami recenti Sin vivo Associazione tra crinoide (ospite) ed esacorale (epibiont), ” I ricercatori hanno scritto nel loro articoloL’analisi di queste associazioni potrebbe quindi gettare nuova luce sulla nostra comprensione di queste comuni associazioni paleozoiche.

Durante il Paleozoico, le creature in fiore ei coralli sembrano essersi evoluti molto bene. La documentazione fossile del fondo marino ne è piena, producendo innumerevoli esempi di coralli che crescono su steli di crocifere per arrampicarsi sul fondo del mare fino alla colonna d’acqua, alle correnti oceaniche più potenti per alimentare la percolazione.

Tuttavia, questi organismi bentonici sono scomparsi dalla documentazione fossile circa 273 milioni di anni fa, dopo l’estinzione di specifici organismi da fiore e coralli. Altre specie di crinoidi e coralli apparvero nel Mesozoico, dopo il Permiano – estinzione del Triassico – ma non le abbiamo mai più viste insieme in una relazione simbiotica.

Simbiosi(Zapalski et al., Palaeogeogr. Palaeoclimatol. Palaeoecol., 2021)

Bene, finora. A profondità di oltre 100 metri (330 piedi) sotto la superficie dell’oceano, gli scienziati hanno scoperto due diversi tipi di barriere coralline: le specie esagonali. Abyssoanthus, Che è molto raro, e Metridioidea, una specie di anemone di mare – cresce dagli steli di gigli di mare giapponesi vivi (Metacrinus rotundus).

READ  Dove aspettarsi aumenti di Covid negli USA e consigli sulla sicurezza

Il team di ricerca congiunto polacco-giapponese, guidato dal paleontologo Mikwaj Zapalski dell’Università di Varsavia in Polonia, per la prima volta ha utilizzato la microscopia stereoscopica per osservare e fotografare campioni.

Successivamente, hanno utilizzato l’imaging al microscopio non distruttivo per scansionare i campioni per rivelare le loro strutture interne e il codice del DNA per identificare la specie.

Hanno scoperto che le barriere coralline, che rimangono bloccate sotto i ventagli di alimentazione dei crinoidi, è probabile che non competano con i loro ospiti per il cibo. Essendo non scheletrico, probabilmente non ha influenzato la flessibilità degli steli delle crocifere, sebbene gli anemoni abbiano impedito il movimento dei cirri dell’ospite, i fili sottili che rivestono lo stelo.

Inoltre non è chiaro quale beneficio traggano gli organismi in fiore dal loro rapporto con i coralli, ma è emersa una cosa interessante: a differenza dei coralli antichi, i nuovi esemplari non hanno alterato la struttura scheletrica del chinoide.

Questo potrebbe aiutare a spiegare il divario nella documentazione fossile, hanno detto i ricercatori. I fossili paleozoici di coralli simbiotici e kenoidi includono coralli che hanno uno scheletro di calcite, come Rugosa e Tabulata.

I fossili di organismi dal corpo molle, come i coralli non scheletrici, sono rari. Zoantharia piace Abyssoanthus Non hanno una documentazione fossile comprovata e l’actinaria come Metridioidea (vista come un esemplare secco nell’immagine sotto) è molto limitata.

Coesistenza 2(Zapalski et al., Palaeogeogr. Palaeoclimatol. Palaeoecol., 2021)

Se questi coralli non avevano modificato l’ospite e non avevano lasciato tracce fossili, probabilmente avevano una lunga relazione con i crinoidi che semplicemente non erano stati registrati.

Ciò significa che la relazione moderna tra corallo e crociato potrebbe contenere alcuni indizi sulle interazioni paleozoiche tra corallo e crociato. Ci sono prove che suggeriscono che xantharyans e coralli rosa condividono un antenato comune, per esempio.

READ  Guarda Giove e la Luna avvicinarsi nel cielo notturno

Il numero di esemplari recuperati finora è esiguo, ma ora che sappiamo che sono lì, forse si può ancora lavorare per scoprire la storia di questa meravigliosa amicizia.

“Poiché sia ​​l’actinaria che lo xantharium hanno profonde radici filogenetiche nel periodo paleozoico e le associazioni corallo-crinoidi erano comuni tra i coralli tabulati paleozoici e rugosi, possiamo ipotizzare che i coralli non scheletrici dell’era paleozoica abbiano sviluppato questa strategia per stabilirsi sugli organismi in fiore, ” I ricercatori hanno scritto nel loro articolo.

“Le società corallo-crinoidi, caratteristiche delle antiche società bentoniche, sono scomparse alla fine del periodo Permiano, e questo presente lavoro rappresenta il primo esame dettagliato della loro riscoperta nei mari moderni”.

La ricerca è stata pubblicata in Paleogeografia, paleobiologia, paleobiologia.