Novembre 29, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Nel vuoto dello spazio, la Voyager 1 rileva un ronzio al plasma

Credito: Pixabay / CC0 Public Domain

Voyager 1 – una delle navicelle gemelle della NASA lanciata 44 anni fa ed è ora l’oggetto più distante creato dall’uomo nello spazio – sta ancora correndo e si sta dirigendo verso l’infinito.


La sonda ha da tempo attraversato il confine del sistema solare attraverso l’eliosfera, il confine del sistema solare con una stella interstellare Lo spazioNel mezzo interstellare. Ora, i suoi dispositivi hanno rivelato la presenza di un drone a gas interstellare stazionario (Onde al plasma), Secondo una ricerca della Cornell University e pubblicata in Astronomia naturale.

Esaminando i dati trasmessi lentamente da una distanza di oltre 14 miliardi di miglia, Stella Koch-Acker, studentessa di dottorato presso la Cornell University in Astronomy, ha rivelato la rinascita. “È molto debole e monotono, perché è su una larghezza di banda ridotta”, ha detto Oker. “Stiamo monitorando il debole, continuo ronzio del gas interstellare”.

Questo lavoro consente agli scienziati di capire come interagisce il mezzo interstellare Vento solareCome la bolla di protezione da Sistema solareL’eliosfera è modellata e modificata dall’ambiente interstellare.

La sonda Voyager 1 è stata lanciata nel settembre 1977 e ha volato vicino a Giove nel 1979 e poi a Saturno alla fine del 1980. La Voyager 1 ha viaggiato a circa 38.000 miglia all’ora e attraverso l’eliosfera nell’agosto 2012.

Dopo essere entrato nello spazio interstellare, il sistema di onde al plasma della sonda rileva le perturbazioni nel gas. Ma tra quelle eruzioni – causate dal nostro sole tempestoso – i ricercatori hanno scoperto un’impronta costante e continua creata dal fragile vuoto vicino allo spazio.

“Il Mezzo interstellare L’autore principale James Cordes, professore di astronomia alla George Feldstein, ha detto che era come una pioggia calma o dolce. “In caso di eruzione solare, è come rilevare un’esplosione di fulmini in un temporale e poi tornare a una pioggia leggera”.

Oker ritiene che ci sia più attività di basso livello nel gas interstellare di quanto gli scienziati pensassero in precedenza, consentendo ai ricercatori di tracciare la distribuzione spaziale del plasma, cioè quando non è influenzato. Torce solari.

Il ricercatore della Cornell University Shami Chatterjee ha spiegato come il monitoraggio continuo di un’intensità Spazio interstellare È importante. “Non abbiamo mai avuto l’opportunità di valutarlo. Ora sappiamo che non abbiamo bisogno di un evento correlato al sole accidentale per misurare il plasma interstellare”, ha detto Chatterjee. “Non importa cosa fa il sole, la Voyager restituisce i dettagli”. L’imbarcazione dice: “Ecco l’intensità con cui sto nuotando ora. Ed eccolo adesso. Ed eccolo adesso. Ed eccolo adesso. “La Voyager è troppo lontana e lo farà sempre.”

La Voyager 1 lasciò la Terra con un record d’oro stabilito da un comitato presieduto dal defunto professore della Cornell University Carl Sagan, così come la tecnologia a metà degli anni ’70. Per inviare un segnale alla Terra, ci sono voluti 22 watt, secondo il Jet Propulsion Laboratory della NASA. Il veicolo contiene circa 70 kilobyte (KB) di memoria del computer e, all’inizio dell’attività, una velocità di trasmissione dati di 21 kilobit al secondo.

Data una distanza di 14 miliardi di miglia, la velocità di connessione da allora è scesa a 160 bps, ovvero circa la metà della velocità di 300 baud.


La NASA Voyager 2 potrebbe essere vicina allo spazio interstellare


maggiori informazioni:
Onde di plasma continue nello spazio interstellare rilevate da Voyager 1, Astronomia naturale (2021). DOI: 10.1038 / s41550-021-01363-7

Introduzione di
Università Cornell

la citazione: Nel vuoto dello spazio, la Voyager 1 scopre un “ronzio” al plasma (2021, 10 maggio) Estratto il 10 maggio 2021 da https://phys.org/news/2021-05-space-voyager-plasma.html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi trattamento equo ai fini di studio o ricerca privata, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto viene fornito solo a scopo informativo.

READ  L'anello di fuoco dell'eclissi solare 2021: come e quando guardare giovedì