Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L'eterna magia della settima arte – El Globo

L'eterna magia della settima arte – El Globo

Il viaggio nel Bel Paese è iniziato con ST. Ali Italian Film Festival, presentato da Palace Cinema. Comprende recenti successi al botteghino, cortometraggi inediti e una retrospettiva su Massimo Troisi. Il festival si aprirà con il film L'ultima notte di Amore, diretto da Andrea Di Stefano e interpretato da Pierfrancesco Favino.

Le porte sono già spalancate e i proiettori sono pronti con il loro consueto ronzio. Con film direttamente dall'Italia, Cinema del Palazzo Ci porta la magia della settima arte, accompagnata dai rituali dei popcorn e dal suggestivo buio del cinema.

Classici senza tempo che esaltano storie d'amore, nuovi spettacoli pronti a unire generazioni di nonni e nipoti: l'eclettica edizione 2023 porterà gli spettatori australiani in un viaggio emozionante, con partenza il 21 settembre a Melbourne, il 20 settembre ad Adelaide e il 28 settembre a Perth.

Dai segreti inaccessibili del Vaticano, con il dramma storico Coniglio (Rapiti) di Marco Bellocchio, alla fiaba toscana Nessuna chimera Scritto da Alice Rohrwacher; Dalle Alpi Bianche Nelle Otto Montagne (Le Otto Montagne), con Luca Marinelli e Alessandro Borghi, alla Puglia in bianco e nero con Ti amo (Burning Hearts), che precede una speciale retrospettiva dell'indimenticabile artista napoletano Massimo Troisi Con laggiù qualcuno mi ama (Là fuori qualcuno mi ama) di Mario Martone.

Ci sarà anche Proiezione di dieci cortometraggi italiani – Si svolgerà in tutte le principali città australiane domenica 17 e 24 settembre, organizzato dagli Istituti Italiani di Cultura di Melbourne e Sydney in collaborazione con il National Short Film Centre di Torino.

Sarà il thriller veloce e stiloso del regista e sceneggiatore Andrea Di Stefano ad aprire la nuova edizione di ST. Ali Festival del Cinema ItalianoUltimo minuto nei miei affari (La mia ultima notte).

READ  Recensione ABC di "Abbott Elementary": il miglior nuovo programma televisivo rilassante

Lo straordinario Pierfrancesco Favino interpreta Franco Amore, un onesto tenente di polizia, che in trentacinque anni di onorato servizio non ha mai sparato a nessuno, e che alla vigilia del suo pensionamento si ritrova improvvisamente perso in una rete di criminalità e corruzione. Inizia così la notte più lunga e difficile della sua vita, e ciò che conta è preservare il suo amore profondo per la moglie Viviana, il ricordo del collega Dino e il suo ruolo di servitore dello Stato, per non parlare della sua vita privata.

Dopo due film dal sapore internazionale (Escobar Con Benicio del Toro e Investigatore Con Rosamund Pike e Clive Owen), Andrea Di Stefano rivolge nuovamente lo sguardo all'Italia, ingaggiando l'attore italiano più talentuoso e accoppiandolo con la sorprendente Linda Caridi, una donna la cui assertività fa da contrappunto alla presunta debolezza del marito.

Il regista ha utilizzato Milano per girare il suo terzo film, un film noir che si sviluppa attraverso una narrazione elaborata che utilizza il tempo per comprimere gli eventi.

“È una storia come una parabola religiosa, un monito a coloro che tradiscono la propria natura per inseguire l'illusione di una vita migliore”, mi ha detto Di Stefano durante la nostra video intervista, in diretta dalla sua casa di Parigi.

“Le scorciatoie etiche non sono per tutti e Franco Amore semplicemente non è pensato per avventure del genere.”

Regista e attore Andrea Di Stefano

È stato un processo di scrittura quasi catartico per il regista, che ha ritenuto di poter in qualche modo raccontare anche il personaggio di suo padre.

Ha continuato: “Un uomo che ha lavorato per lo Stato tutta la sua vita e si è reso conto tardi nella sua vita che ha dato molto e ha ottenuto molto poco”.

READ  RGPAC ospita la Festa dei Sette Pesci

“Come il protagonista, mio ​​padre ha sempre aspirato a essere un gran lavoratore. Era un ingegnere e una persona onesta, ma non si è mai sentito gratificato. Infatti ho scritto il film con molto pathos, che mi ha commosso.

“I sacrifici, la pensione sconfitta, la burocrazia che spesso premia la furbizia; Questi sono temi familiari per me, li avevo già visti quando ascoltavo le dolorose lamentele di mio padre.

Ultimo minuto nei miei affari Ci mostra anche il capoluogo lombardo sotto una nuova luce mentre la 'Ndrangheta si mescola alla criminalità organizzata cinese, regalandoci immagini notturne che creano suspense e una luce del giorno che sembra non arrivare mai.

“Durante il periodo di ricerca, ho parlato con molti agenti di polizia e tutti mi hanno detto come Milano abbia delle dinamiche uniche”, ha detto.

“Per fare affari gruppi criminali di diversa provenienza si uniscono come non accade in altre parti d’Italia”.

«È una città che mi ha dato la possibilità di parlare degli aspetti positivi e negativi: la Milano scintillante, gli eventi sportivi, la moda, ma anche la Milano notturna, la malavita.

Nel film proiettato a ST. All'Ali Festival del Cinema Italiano, non è solo Favino a stupire per il regista “forse il più grande attore al mondo della scena contemporanea”, ma anche Antonio Girardi, celebre attore italiano degli ultimi anni al fianco di Linda Caridi. “A True Discovery” inizia a margine della storia e diventa il centro della scena.

«Sono tornato in Italia e ho lavorato con grandi artisti, per certi versi siamo organizzati CassinariIl direttore ha detto.

“Non esiste un’industria, non esistono stereotipi, siamo tutti archetipi e ognuno ha la propria metodologia.

READ  La premiata Trattoria Cori offre un assaggio di casa dallo chef siciliano

Del resto sono completamente d'accordo con quanto affermato da Favino all'attuale Mostra del Cinema di Venezia. Siamo stanchi di vedere film americani che raccontano, senza alcun rispetto, dei nostri grandi creatori italiani: Ferrari, Gucci, solo per citarne alcuni.

“Personaggi con accenti e manierismi ridicoli, che urlano e gesticolano e sono terribili Maquette (Caricatura).

“Sinceramente è stancante – ha proseguito Di Stefano – queste cose non raccontano l'Italia, ma piuttosto mostrano l'idea distorta che registi e produttori hanno del nostro Paese quando vengono in vacanza a Capri”.

“Non ci permetteremmo mai di fare un film su George Washington e assumere attori italiani”.

“Come regista che lavora all'estero, ho presentato le sceneggiature e sono stato fermato, due film prima delle riprese, da persone che mi guardavano con rabbia perché avevo l'audacia di voler raccontare loro la loro cultura mentre ci preparavano polpette e fritture.

“Chiedono ad altri di farlo, ma è ora che anche l’Italia applichi le stesse regole”.

Un'altra scena del film “La mia ultima notte”

con Ultimo minuto nei miei affari (L'ultima notte d'amore), il regista mantiene alta la tensione fino all'ultima inquadratura in un modo che ci riporta alle dinamiche narrative del genere noir e poliziesco, e ci lascia con un finale fortemente aperto.

“Una volta usciti dalla sala, spero che il finale ispiri gli spettatori a continuare a parlare del film”, aggiunge Andrea Di Stefano.

“Sono entusiasta che il film sia arrivato in Australia e mi piacerebbe venire un giorno. Per ora continuerò a scrivere.

“Non riesco a smettere di pensare a nuove storie da raccontare.”