Giugno 16, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Enel sta aumentando la spesa per guidare le ambizioni verdi

Foto del logo della multinazionale italiana dell’energia Enel presso la sede di Milano, Italia, 5 febbraio 2020. REUTERS / Flavio Le Scalzo

Enel (ENEI.MI), la più grande utility d’Europa, ha aumentato la spesa in energia verde e attività di rete nel primo trimestre mentre cerca di accelerare gli sforzi per ridurre la sua impronta di carbonio.

Il gruppo italiano, che controlla l’Endesa Facility (ELE.MC) in Spagna, mira a ridurre le proprie emissioni di carbonio dell’80% entro il 2030, in parte aumentando la propria capacità di energia rinnovabile a 120 gigawatt dai 48,8 gigawatt di fine marzo.

Nel primo trimestre, il 66% della sua produzione è stata a emissioni zero rispetto al 57% del 2019, grazie in gran parte al forte calo della produzione di energia a carbone.

Il gruppo, che ha ritardato l’eliminazione graduale della produzione di carbone al 2027 dal 2030, ha interrotto la capacità di 2,8 gigawatt lo scorso anno.

“Chiuderemo 2,9 gigawatt di capacità di carbone nel 2021 – 2,6 gigawatt in Spagna e 300 megawatt in Italia”, ha detto agli analisti il ​​Chief Financial Officer Alberto De Paoli in una chiamata giovedì sui risultati del primo trimestre.

Enel, che genera il 70% dei suoi profitti di base da reti di distribuzione e energia verde, ha affermato che un aumento della spesa dell’8,8% in questo periodo la metterebbe sulla buona strada per stabilire un nuovo record nella costruzione di capacità rinnovabili entro la fine dell’anno.

Il gruppo mira a potenziare la pipeline di progetti verdi, che ora ammonta a 222 GW, per dargli più opzioni per selezionare i progetti migliori. De Paoli ha detto che parti del gasdotto potrebbero essere vendute o offerte agli investitori partecipanti.

READ  Lo "storico" piano di ripresa dell'Italia è rivolto alle donne, ai giovani e al Mezzogiorno

Ha detto che il gruppo stava cercando opportunità per espandere la propria attività di rete al di fuori dell’America Latina, dove era già in buona forma. “Gli Stati Uniti rimangono un obiettivo primario per la futura espansione delle reti”, ha detto.

Le principali aziende di servizi pubblici in Europa stanno investendo massicciamente nelle parti più pulite delle loro attività poiché le nuove tecnologie e regole più severe sul cambiamento climatico stanno costringendo le società energetiche a ripensare le strategie.

De Paoli ha detto che una plusvalenza di 1,7 miliardi di euro dalla vendita di una partecipazione nel gruppo di infrastrutture a banda larga Open Fiber aiuterebbe Enel “ad aumentare il livello dei risultati oltre il 2021”.

Nei primi tre mesi, gli utili core normali sono scesi del 12,3% a 4,159 miliardi di euro ($ 5 miliardi), principalmente a causa dei guadagni una tantum registrati lo scorso anno, in linea con il consenso degli analisti.

Enel ha confermato i suoi obiettivi finanziari per quest’anno che includono profitti base regolari di 18,7-19,3 miliardi di euro.

($ 1 = € 0,8301)

I nostri criteri: Thomson Reuters Trust Principles.