Giugno 15, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Banca centrale europea Martins Kazak: la decisione di rallentare l’acquisto di obbligazioni è possibile a giugno

Scopri cosa sta guidando l’economia globale e cosa significa per i politici, le aziende e gli investitori, mentre sei con The New Economy Daily. Registrati qui

Secondo il membro del consiglio Martins Kazak, la Banca centrale europea potrebbe decidere di ridimensionare il suo programma di acquisto di obbligazioni di emergenza già dal prossimo mese se l’economia della zona euro non si deteriora.

Kazak, che è anche a capo della banca centrale lettone, ha affermato che l’impegno della BCE a mantenere condizioni di finanziamento favorevoli rimane la chiave per determinare di quanto supporto il blocco di 19 nazioni avrà bisogno per recuperare. Mentre i rendimenti nominali delle obbligazioni sono aumentati nelle ultime settimane, quel tasso di inflazione è rimasto basso da quando i funzionari hanno deciso a marzo di aumentare temporaneamente il ritmo del programma di acquisto di emergenza pandemico.

“Se le condizioni finanziarie rimangono favorevoli, possiamo decidere di acquistare meno a giugno”, ha detto Kazak in un’intervista giovedì. “ La flessibilità è al centro di PEPP.

Le obbligazioni di riferimento italiane sono crollate per il terzo giorno secondo il rapporto, facendo salire il rendimento a 10 anni di 1 punto base allo 0,93%. L’euro è salito dello 0,2% a un massimo giornaliero di $ 1,2089.

Kazaks, uno dei 25 politici nel consiglio di amministrazione, ha affermato che l’economia avrà bisogno di un significativo stimolo monetario dopo la fine della pandemia. Ciò si ottiene tramite acquisti di obbligazioni di emergenza, tassi di interesse negativi e prestiti mirati a lungo termine che mantengono i termini del credito bancario per le imprese e le famiglie.

La sua argomentazione suggerisce che ulteriori aumenti dei tassi di interesse di mercato nelle prossime settimane e mesi non necessitano di ulteriore sostegno della BCE. Ha detto che la domanda dei consumatori repressa, i prestiti bancari e le conseguenze del massiccio stimolo fiscale degli Stati Uniti pongono rischi al rialzo per le prospettive economiche.

READ  Business e crypto: ecco le top stories della settimana del 4 giugno 4

“Risponderemo a tutti gli aumenti dei tassi di interesse? No, perché i tassi di interesse a un certo punto dovranno salire”. Stiamo esaminando un’ampia gamma di variabili e la loro importanza può cambiare nel tempo a causa di molti fattori, tra cui la ripresa fase.

A marzo, la Banca centrale europea prevedeva una crescita del 4% quest’anno. I responsabili politici, incluso il capo economista Philip Lane, lo descrivono ancora come realistico, anche dopo il forte calo più del previsto nel primo trimestre, poiché il blocco ha finalmente iniziato ad accelerare il ritmo delle vaccinazioni contro il coronavirus.

Rilievo di Covid

Più del 25% della popolazione dell’Unione europea ha ricevuto almeno una dose del vaccino

Fonte: rilevatore di vaccini Covid-19 di Bloomberg

Le nuove previsioni di giugno forniranno nuove informazioni su quanto tempo impiegherà l’economia per riprendersi e se le pressioni al rialzo sui prezzi hanno preso piede. L’inflazione è aumentata in tutta la zona euro negli ultimi mesi, sebbene i responsabili politici affermino che gli aumenti riflettono in gran parte fattori temporanei e saranno fattori temporanei.

La Banca centrale europea prevede che la crescita media dei prezzi al consumo sarà solo dell’1,4% nel 2023, ben al di sotto del suo obiettivo e poco meno del 2%.