Luglio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Le donne condividono storie di segregazione medica

Le donne condividono storie di segregazione medica

3.

“Mentre facevo la doccia ho scoperto un nodulo al seno. Avevo 33 anni ed avevo partorito appena due settimane prima. Naturalmente sono andata dal medico per farmi controllare. Mi ha detto di non preoccuparmi, era solo dotti lattiferi bloccati che scompaiono durante l’allattamento. Il nodulo non è andato via, è cresciuto. Sono tornato e ho chiesto la mammografia. Mi è stata rifiutata. Gli ho parlato del cancro al seno in famiglia. Ha detto che ero molto giovane ed era improbabile che lo facessi avere un cancro al seno. Ho annuito e sono andato invece da un medico privato. Quella era una donna. Ha immediatamente fissato un appuntamento urgente nel reparto di radiologia per una mammografia.

“Al mio appuntamento per la mammografia, l’immagine ha confuso così tanto il medico che ha fatto una lunghissima ecografia del tumore (sembrava vecchio) prima di decidere di fare una biopsia. Si è rivelato cancro e dopo la mastectomia è stato classificato come un tumore cancro molto aggressivo Tumore triplo negativo di tipo BC È molto raro.

Beh, non sono sicuro che sia perché sono una donna, ma è stato lo sfratto più grande che abbia mai avuto. Sono felice di aver insistito per provarlo, sono stato fortunato. Sono in remissione da 11 anni. Oh, ho anche la variante BRCA1 che rende il mio cancro ereditario. “Ho fatto il test perché ero molto giovane e perché il cancro al seno attraversa il mio albero genealogico da mia madre e mio padre.”

u/yanara