Aprile 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L'auto progettata per uccidere la Shelby Cobra

L'auto progettata per uccidere la Shelby Cobra

La De Tomaso Mangusta debuttò nel 1967, appena un anno dopo la Lamborghini Miura, e non c'è dubbio che entrambe le vetture si rivolgessero a un pubblico abbastanza simile, anche se avevano approcci molto diversi.

Entrambe le vetture hanno carrozzerie accattivanti progettate da due dei più grandi designer automobilistici italiani, la Miura di Marcello Gandini e la Mangusta di Giorgetto Giugiaro. Le differenze erano più evidenti sotto la pelle, con la Miura alimentata da un sofisticato V12 e la Mangusta da un Ford 289 HiPo V8 più semplice ma meccanicamente più gradevole (e tascabile).

I fatti in breve – De Tommaso Mangusta

  • Alejandro de Tommaso originariamente immaginava la Mangusta come una diretta concorrente della Shelby Cobra, arrivando addirittura a chiamarla come la mangusta, un animale noto per la sua capacità di uccidere un cobra. È interessante notare che Carroll Shelby, l'uomo dietro la Cobra, fu inizialmente coinvolto nel progetto P70 che portò alla Mangusta, ma la partnership fallì e De Tomaso continuò lo sviluppo in modo indipendente.
  • La De Tomaso Mangusta è stata progettata dal leggendario Giorgetto Giugiaro, che all'epoca lavorava per il carrozziere italiano Carrozzeria Ghia. L'auto ha un aspetto basso e largo e linee affilate e spigolose che le conferiscono un aspetto indimenticabile.
  • A differenza di altre auto sportive italiane che tipicamente si affidavano a motori sviluppati localmente, la Mangusta era alimentata da un motore Ford V8. I primi modelli presentavano un HiPo V8 da 289 pollici cubi (4,7 L) che produceva 306 cavalli, mentre i modelli successivi erano equipaggiati con un V8 da 302 pollici cubi (5,0 L), che produceva tra 230 e 330 cavalli, a seconda della versione specifica. Questa fusione tra design italiano e potenza americana era un segno distintivo delle auto di produzione di De Tomaso.
  • La De Tomaso Mangusta vantava prestazioni impressionanti per l'epoca, con una velocità massima di circa 250 km/h e un tempo di accelerazione da 0 a 97 km/h inferiore a 6 secondi. Tuttavia, la sua manovrabilità ha ricevuto recensioni contrastanti, principalmente a causa del peso posteriore. Ciò ha reso Mangusta difficile da gestire ai suoi confini.

De Tommaso Mangusta

Quando si pensa alle auto sportive italiane, di solito vengono in mente marchi come Ferrari, Lamborghini e Maserati. Tuttavia, molti trascurano lo splendore della De Tomaso Mangusta, un capolavoro accattivante che ha consolidato il suo posto nella storia dell'automobile. Progettata dal leggendario Giorgetto Giugiaro e prodotta dalla casa automobilistica italo-argentina Alejandro De Tommaso, la Mangusta era un progetto ambizioso che combinava il design e l'ingegneria automobilistica italiana con la potenza americana.

READ  IAAF World Indoor Championships 2022: programma e orari per la copertura della BBC

descrizione dell'immaginedescrizione dell'immagineQuesto è il telaio, il motore e le sospensioni di base della De Tomaso P70 come mostrato al Motor Show di Torino nel novembre del 1965. Una disposizione molto simile sarebbe stata successivamente utilizzata nella Mangusta. Immagine gentilmente concessa da De Tomaso Modena SpA.

La De Tomaso Mangusta fu presentata al Salone dell'Automobile di Torino del 1966 ed entrò in produzione nel 1967. Alejandro De Tomaso, l'uomo dietro il marchio, era un pilota da corsa che divenne un uomo d'affari di successo. Ha fondato la De Tomaso Automobili a Modena, in Italia, nel 1959, con l'obiettivo di creare auto da corsa e auto sportive ad alte prestazioni che combinassero l'artigianato e il design italiano con affidabili motori V8 americani. Un percorso non dissimile da quello intrapreso da Renzo Rivolta con la sua Iso Rivolta IR 300 e dai modelli successivi.

La Mangusta, una parola che significa “mangusta” in italiano, era un intelligente cenno allo scopo previsto dell'auto: essere un feroce rivale della Shelby Cobra. Come ha voluto il destino, Carroll Shelby, l'uomo dietro il Cobra, fu inizialmente coinvolto nel progetto De Tomaso P70 che portò alla Mangusta. Tuttavia, la partnership tra De Tomaso e Shelby fallì e De Tomaso continuò a sviluppare la Mangusta in modo indipendente. Vale la pena notare che rimase in rapporti amichevoli con Shelby, ed entrambi gli uomini sembravano apprezzare la competizione.

Giorgetto Giugiaro, uno dei designer automobilistici più famosi di tutti i tempi, è stato responsabile della progettazione della Mangusta. All'epoca Giugiaro lavorava per la Carrozzeria Ghia, un famoso carrozziere italiano. Il design della Mangusta era caratterizzato dalla sua struttura bassa e ampia e dalle linee affilate e spigolose. La caratteristica più distintiva dell'auto erano gli esclusivi coperchi del motore in stile ad ala di gabbiano, che fornivano un'incredibile visibilità e consentivano un facile accesso al motore e al vano bagagli da entrambi i lati dell'auto.

Il telaio della Mangusta era una struttura portante in acciaio stampato con un sottotelaio che supportava il motore centrale e la sospensione posteriore. Questa configurazione forniva una carrozzeria robusta e relativamente leggera che era in qualche modo simile nell'architettura al telaio di base spesso utilizzato dalla Lotus. Gli interni della Mangusta erano un mix di lusso e funzionalità, con sedili in pelle, volante con bordi in legno e una serie completa di indicatori per mantenere il guidatore ben informato sugli organi vitali dell'auto.

Vettura De Tommaso MangustaVettura De Tommaso Mangusta

descrizione dell'immaginedescrizione dell'immagineIl design De Tomaso Mangusta è una delle auto a motore centrale più popolari di Giugiaro nonostante abbia una produzione di sole 401 unità.

Sotto la carrozzeria italiana, la Mangusta era alimentata da un motore Ford V8. I primi modelli erano dotati di un motore HiPo da 289 pollici cubi (4,7 L), che produceva circa 306 CV. I modelli successivi erano dotati di un motore più grande da 302 pollici cubi (5,0 L), con potenze che variavano da 230 a 330 CV, a seconda della versione. I motori erano accoppiati a un cambio manuale ZF a cinque velocità, che restituiva la potenza a un differenziale a slittamento limitato e alle ruote posteriori.

READ  La Juventus ha fatto 10 punti in Serie A, poi ha perso 4-1 contro l'Empoli

Le prestazioni della Mangusta erano impressionanti per l'epoca, con una velocità massima di circa 250 km/h e un tempo da 0 a 97 km/h inferiore a 6 secondi. La manovrabilità dell'auto ha ricevuto recensioni contrastanti, principalmente a causa della ripartizione del peso posteriore 60/40. I conducenti in grado di controllare l'auto riuscivano a ottenere prestazioni impressionanti, ma i proprietari meno esperti potevano rimanere bloccati e perdere la parte posteriore dell'auto se non stavano attenti.

De Tomaso ha prodotto circa 401 Mangusta tra il 1967 e il 1971, e ora sono considerate altamente collezionabili e scambiate per importi nell'ordine delle sei cifre.

Alessandro de Tommaso

Alejandro de Tommaso è nato il 10 luglio 1928 a Buenos Aires, in Argentina, da una famiglia ricca e politicamente influente. La sua passione per le auto e le corse si sviluppa in tenera età e insegue i suoi sogni in Italia, dove si trasferisce all'inizio degli anni '50.

Alessandro de TommasoAlessandro de Tommaso

descrizione dell'immaginedescrizione dell'immagineAlejandro de Tommaso Questa foto è stata scattata nel 1965, due anni prima del varo del Mangusta. Immagine gentilmente concessa da De Tomaso Modena SpA.

La carriera agonistica di De Tomaso iniziò negli anni '50 quando gareggiò in diverse serie di corse europee, inclusa la Formula Uno. Ha guidato per diverse squadre, tra cui Maserati, OSCA e la sua stessa squadra, la Scuderia Di Tommaso. Sebbene la sua carriera in Formula 1 sia stata breve e non particolarmente fortunata, ha gettato le basi per i suoi successivi impegni automobilistici.

Nel 1959, De Tomaso fondò la De Tomaso Automobili a Modena, in Italia. Il suo obiettivo era quello di costruire auto sportive ad alte prestazioni che unissero il design e la maestria italiana con l'affidabilità e la potenza dei motori americani. Nel corso degli anni, De Tomaso Automobili ha prodotto molti modelli iconici, tra cui Vallelunga, Mangusta, Pantera, Deauville e Longchamp.

I modelli Mangusta e Pantera sono forse le creazioni più famose e durature di De Tomaso. La Mangusta, come abbiamo discusso in precedenza, era una splendida vettura sportiva progettata da Giorgetto Giugiaro e alimentata da un motore Ford V8. La Pantera, lanciata nel 1971, era un'altra vettura sportiva a motore centrale con motore Ford V8, progettata da Tom Tjaarda. La Pantera fu un notevole successo, con più di 7.000 unità prodotte in 20 anni di produzione, dal 1971 al 1991.

READ  Perché i colloqui di F1 di Porsche con la Red Bull sono crollati?

Le ambizioni di Alejandro de Tommaso andavano oltre l'azienda automobilistica che porta il suo nome. Acquisì diverse case automobilistiche italiane in difficoltà e tentò di risollevare le loro fortune sotto la sua guida. Alcune di queste acquisizioni includevano la casa motociclistica Moto Guzzi, il marchio di auto di lusso Maserati e i carrozzieri Ghia e Vignale. Durante il suo mandato come proprietario della Maserati, De Tomaso ha supervisionato lo sviluppo di modelli come Quattroporte III, Biturbo e Schmalt.

Le iniziative imprenditoriali di De Tomaso si estendono anche alle partnership con le principali case automobilistiche. Negli anni '70 collaborò con la Ford per portare la De Tomaso Pantera sul mercato statunitense. Ford importò e vendette Pantera attraverso i concessionari Lincoln-Mercury, esponendo il marchio a un pubblico più ampio.

De Tommaso Mangusta 4De Tommaso Mangusta 4

descrizione dell'immaginedescrizione dell'immagineGli interni della Mangusta sono pura performance GT degli anni '60, con rivestimenti in pelle, cambio con cancello e numerosi interruttori e indicatori per mostrarti i parametri vitali dell'auto quando sei in viaggio.

Alejandro de Tommaso muore il 21 maggio 2003 all'età di 74 anni. Ha lasciato una meravigliosa eredità nel mondo delle auto, caratterizzata dalla sua passione, ambizione e perseveranza.

Mentre De Tomaso Automobili ha dovuto affrontare difficoltà finanziarie negli anni successivi alla sua morte, il marchio è stato rilanciato nel 2019 con il lancio della P72, un tributo alle aspirazioni sportive originali di De Tomaso, e l'azienda continua ancora oggi.

Qui è mostrato De Tommaso Mangusta nel 1968

La De Tomaso Mangusta del 1968 che vedi qui è un precedente esemplare dotato della desiderabile disposizione a doppio faro. È rifinita in brillante vernice Rosso Aurora su interni neri, una combinazione di colori che si adatta notevolmente all'auto.

La Mangusta è dotata di doppio scarico Ansa con terminali cromati, freni a disco Girling a doppio circuito e ruote Campagnolo 15×8 posteriori e 15×7 anteriori. È alimentato dal nuovo motore Ford 302 V8 che produce 230 cavalli e 310 piedi-libbra di coppia, e ha una classica trasmissione italiana.

Se desideri saperne di più su questo veicolo o registrati per fare un'offerta Puoi visitare l'elenco qui su Mecum. È previsto che venga messo all'asta a metà maggio e al momento in cui scriviamo non è elencata alcuna guida ai prezzi. Le Mangusta in condizioni simili attualmente vengono vendute per circa $ 200.000 – $ 400.000 USD.

De Tommaso Mangusta14De Tommaso Mangusta14
De Tommaso Mangusta13De Tommaso Mangusta13
De Tommaso Mangusta12De Tommaso Mangusta12
De Tommaso Mangusta11De Tommaso Mangusta11
De Tommaso Mangusta 10De Tommaso Mangusta 10
De Tommaso Mangusta 8De Tommaso Mangusta 8
De Tommaso Mangusta 7De Tommaso Mangusta 7
De Tommaso Mangusta 6De Tommaso Mangusta 6
De Tommaso Mangusta 5De Tommaso Mangusta 5
De Tommaso Mangusta 3De Tommaso Mangusta 3
De Tommaso Mangusta2De Tommaso Mangusta2

Foto per gentile concessione di Mecom