Novembre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Australia salva solo 26 persone dall’Afghanistan su un volo di evacuazione di 128 persone | Politica estera australiana

La prima missione di evacuazione dell’Australia in Afghanistan Solo 26 persone sono state salvate a causa delle crescenti preoccupazioni per le condizioni pericolose fuori dall’aeroporto di Kabul, ma il primo ministro afferma di sperare di aumentare tali numeri con più voli nei prossimi giorni.

Scott Morrison ha confermato la bassa cifra iniziale – che si ritiene siano per lo più titolari di passaporto australiano – poiché ha affermato che i funzionari australiani “operavano in un ambiente molto pericoloso” dopo che domenica la capitale è caduta in mano ai talebani.

Tra le crescenti richieste per l’Australia Accettare più rifugiati A rischio di ritorsioni talebane, Morrison ha anche indicato che il suo governo intende reinsediare circa 3.000 cittadini afgani quest’anno attraverso l’attuale programma umanitario.

I talebani avevano promesso un “passaggio sicuro” all’aeroporto di Kabul per gli afgani che cercavano di fuggire dal Paese, ma tali affermazioni sono state minate da Segnalazioni di donne e bambini picchiati Sono stati fustigati mentre cercavano di passare attraverso i posti di blocco predisposti dai militanti.

Comprensibilmente, l’Australia ritiene di poter salvare circa 600 persone se l’attuale missione di evacuazione guidata dai militari avrà successo, sebbene Morrison abbia notato che lo scopo del primo volo era quello di portare i funzionari del governo australiano all’aeroporto per aiutare con la logistica per i voli successivi.

“Sarà fatto nel modo più ordinato possibile date le circostanze”, ha detto Morrison ai giornalisti a Canberra mercoledì.

“Dobbiamo essere molto chiari su chi salirà sui nostri aerei, chi andrà alla nostra base e chi verrà qui a vivere in Australia”.

Un C130J Hercules della Royal Australian Air Force – che può trasportare fino a 128 persone – ha lasciato Kabul mercoledì mattina presto con 26 passeggeri a bordo. È atterrato in una base dell’Australian Defense Force negli Emirati Arabi Uniti alle 10:40 EST.

Morrison ha affermato che le 26 persone sul primo volo includevano cittadini australiani e afgani con visto e un funzionario straniero che lavorava per un’agenzia internazionale. Il Guardian ha chiesto maggiori dettagli sulla distribuzione dei numeri.

È “il primo di molti voli, soggetto a autorizzazione e condizioni meteorologiche”, ha affermato il primo ministro. Il suo governo mira a “far uscire più persone il più rapidamente e in sicurezza possibile”.

Iscriviti per ricevere le notizie più interessanti da Guardian Australia ogni mattina

Il governo si sta concentrando sul garantire il passaggio sicuro di oltre 130 australiani in Afghanistan, insieme ai cittadini afgani che hanno lavorato a fianco di truppe e diplomatici australiani e titolari di visti umanitari.

Un giorno dopo aver rinunciato all’Australia Non potrai salvare Tutti gli interpreti e le guardie che hanno assistito il personale australiano in Afghanistan, Morrison, hanno notato le difficoltà che le persone – in particolare fuori Kabul – incontrano nell’attraversare i checkpoint talebani per raggiungere l’aeroporto.

Morrison ha affermato che i funzionari australiani cercheranno di stabilire “comunicazioni con quelli in Afghanistan, in particolare quelli più vicini a Kabul, per garantire che possano essere in grado di essere in aeroporto fino a quando non saranno evacuati sui voli quando arrivano a Kabul, per elaborare i loro imbarco e imbarco.” a quei viaggi.

“Questo non è un processo semplice”, ha detto. “È molto difficile per qualsiasi australiano immaginare il senso di caos e incertezza prevalenti in questo paese, l’interruzione delle comunicazioni ufficiali, la capacità di raggiungere le persone”.

Guida veloce

Come ricevere le ultime notizie da Guardian Australia

mostrare

Foto: Tim Robberts/pietra RF

Grazie per il tuo feedback.

Il segretario di Stato, Marise Payne, ha dichiarato che martedì ci sono stati “diversi chilometri di code fuori dall’aeroporto”.

“Un tempo le persone dovevano essere portate fuori dai cancelli dell’aeroporto”, ha detto. “È molto difficile.”

Quando è stato chiesto se l’Australia avrebbe riconosciuto il governo guidato dai talebani, Payne ha detto che il governo non si era ancora formato, ma ha indicato che avrebbe guardato per vedere se lo fosse. I talebani hanno mantenuto le loro promesse: “La richiesta di fiducia è solitamente soddisfatta dall’aspettativa che la fiducia sarà conquistata”.

La coalizione ha dovuto far fronte alle crescenti richieste di un reddito umanitario speciale per i rifugiati afghani, simile a quanto sta accadendo Governo Abbott istituito nel 2015 per 12.000 rifugiati siriani e iracheni. Una tale mossa andrebbe ad aggiungersi all’attuale apporto umanitario annuale dell’Australia.

Canada Ha detto che ci vorrà Sembra che 20.000 rifugiati afghani e gli Stati Uniti ne ricollocheranno fino a 30.000. Il Regno Unito prevede di dare priorità a donne, bambini e minoranze religiose in un programma di reinsediamento 20.000 rifugiati afghani oltre cinque anni.

Morrison ha osservato che quest’anno il governo australiano fornirà circa 3.000 visti umanitari ai cittadini afghani come parte del suo programma umanitario esistente e non in aggiunta ad esso.

“È più del doppio di quello che abbiamo fatto, e in alcuni casi il triplo di quello che abbiamo fatto quest’anno”, ha detto Morrison, aggiungendo che spera di fare “più di questo”.

Morrison, che ha stabilito una politica dura contro l’arrivo dei richiedenti asilo via mare quando era ministro per l’immigrazione, ha aggiunto che l’Australia “insedierà le persone solo attraverso il nostro programma umanitario formale attraverso i canali ufficiali”.

Ha anche detto che il governo non avrebbe fornito un modo per ottenere la residenza permanente o la cittadinanza per coloro che sono arrivati ​​in barca, in un colpo a più di 4200 cittadini afgani Attualmente vivono in Australia con visti temporanei.

I commenti di Morrison sono arrivati ​​il ​​giorno dopo che il ministro dell’immigrazione Alex Hawke ha dichiarato: Dichiarare che non esiste un titolare di visto afghano Attualmente in Australia saranno restituiti in Afghanistan “mentre la situazione della sicurezza è ancora disastrosa”.

Il governo ha affrontato critiche per Risposta lenta all’escalation della crisi in Afghanistan, compreso l’ex comandante dell’Australian Defence Force Chris Barry, che ABC ha detto La “brutta verità” era che “l’abbiamo lasciata troppo tardi”.

L’ex capitano dell’esercito australiano Jason Skanes, che ha condotto per anni una campagna a favore dei cittadini afgani che hanno servito l’Australia durante la guerra, ha affermato che il ritardo dell’Australia nell’elaborazione delle domande di visto umanitario significa che molti interpreti non possono essere salvati, specialmente quelli bloccati fuori Kabul. proprio adesso.

READ  La "copertura" del rinnovo di Boris Johnson richiede un'inchiesta