Luglio 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Lampedusa: all’interno del campo nel cuore dell’ondata migratoria europea

Lampedusa: all’interno del campo nel cuore dell’ondata migratoria europea
  • Scritto da Reha Kansara e Amir Nader
  • BBC Trending e Newsnight, a Lampedusa

Migliaia di migranti sono arrivati ​​sulle coste di Lampedusa la scorsa settimana, mettendo a dura prova le risorse locali dell’isola italiana. I giornalisti della BBC Reha Kansara e Amir Nader hanno visitato il centro di detenzione, noto anche come “hotspot”, dove sono trattenuti i migranti.

L’hotspot di Lampedusa ha visto giorni più intensi.

Il giorno prima, file di migranti, per lo più uomini provenienti dall’Africa sub-sahariana e dal Medio Oriente, cercavano ombra sotto un gruppo di alberi all’ingresso del campo con il cancello di ferro.

Ora, mentre entriamo, scopriamo che queste aree sono deserte, senza segni di sovraffollamento.

Negli ultimi mesi il centro è stato affollato oltre la sua capacità. La Croce Rossa Italiana stima che la settimana scorsa l’isola abbia ospitato almeno 10.000 nuovi arrivati, molti dei quali arrivati ​​via mare dalla Tunisia.

I residenti locali hanno distribuito cibo, acqua e vestiti mentre i migranti faticavano a trovare un posto all’interno del centro, costruito per ospitare solo 400 persone.

Per un centro che è stato sotto i riflettori internazionali, l’hotspot è sorprendentemente piccolo: è lungo solo 200 metri.

Mentre camminavamo lungo la striscia che costituisce questo campo, un gruppo di uomini ha ballato al ritmo della musica popolare araba e dell’Africa occidentale. Abbiamo provato a parlare con alcuni migranti, ma ogni volta la Croce Rossa ce lo ha impedito, dicendo che per farlo avevamo bisogno di un ulteriore permesso da parte delle autorità governative.

Il giorno prima abbiamo parlato con Ahmed, un egiziano di 20 anni, attraverso il cancello del centro di detenzione.

Ha detto che ha fatto un viaggio in barca di tre giorni dalla Libia per arrivare qui. Mentre stavamo parlando, due soldati lo hanno interrotto e Ahmed li ha subito rassicurati dicendo che stava ricevendo buone cure.

Ha detto che altri migranti avevano paura di parlare con i media.

Ignazio Cinto, della Croce Rossa Italiana, afferma che avere così tante persone in uno spazio così ristretto, con pochi servizi sanitari e poca logistica, potrebbe “far saltare l’intera macchina dell’accoglienza e dei soccorsi”.

Molti di questi migranti sono stati ora trasferiti via traghetto in uno dei quattro centri di trattamento in Sicilia e nell’Italia continentale.

Dopo l’impennata della scorsa settimana, il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha visitato l’isola insieme alla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. In un annuncio fermo nel linguaggio ma leggero nei dettagli, il governo della Meloni ha descritto gli arrivi come una “invasione” e “un atto di guerra”.

Ma il sindaco dell’isola, Filippo Mannino, dice il contrario.

“L’isola sperimenta questo fenomeno da 30 anni, ma per gli estranei c’è la percezione che qui ci sia il caos completo: ‘l’isola sta crollando’, ‘l’isola è sotto attacco’. Ma non è così”, ha dice.

Nel frattempo, l’UE si prepara a trasferire 1 miliardo di euro (872 milioni di sterline) alla vicina Tunisia autoritaria per rilanciare la sua economia e impedire la partenza delle barche.

Poiché è divisa tra potenze internazionali molto più grandi delle sue dimensioni, ciò che accadrà a Lampedusa sarà determinato da intermediari di potere altrove.

Questa non sembra un’isola in crisi, o destinata a esserlo. La sua gente non usa la retorica aggressiva che usano i leader politici in Italia.

Ma chiedono che la sfida venga affrontata e che si trovino soluzioni umane affinché le popolazioni locali che forniscono protezione ai marittimi non vadano perse.

“Non sono io che posso decidere la soluzione perché sono solo il sindaco di una piccola isola”, dice Mannino.

“Ma dobbiamo scegliere se trattare o meno le persone allo stesso modo, che si tratti di ucraini in fuga dalla guerra, o africani in fuga da guerre e persecuzioni. Li trattiamo tutti allo stesso modo o li trattiamo in base al colore della loro pelle?” ”