Novembre 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Voyager 1 scopre un “ronzio” mentre si trova nello spazio interstellare: rapporto

Voyager 1, Che è l’oggetto di fabbricazione umana più distante dalla Terra e il primo ad entrare nello spazio interstellare, e ha scoperto un “continuo debole ronzio” che gli scienziati hanno attribuito Gas interstellare.

Phys.org, Citando una ricerca pubblicata in Astronomia naturale Ha riferito che il sistema di onde al plasma della navicella aveva catturato una “firma stabile causata dal quasi fragile vuoto dello spazio”.

La NASA attacca la Cina dopo aver distrutto rocce vicino alle Maldive per “ mancato rispetto degli standard responsabili ”

Secondo quanto riferito, James Cordes, professore di astronomia alla Cornell University, ha descritto il suono come “una pioggia calma o dolce”.

Ha detto: “In caso di un’esplosione solare, è come scoprire un’esplosione di un fulmine in un temporale e poi tornare alla pioggia leggera”.

“Stiamo trovando il debole, continuo ronzio del gas interstellare. È molto debole e di colore monotono, perché si trova in una gamma di frequenze ristretta”, ha detto Stella Koch-Auker, una studentessa di dottorato presso l’università che ha guidato la ricerca.

Il volo della Voyager 1 iniziò nel 1977 quando la navicella spaziale e la navicella gemella Voyager 2 furono lanciate in un tour dei giganti gassosi del sistema solare.

Dopo aver assistito ad abbaglianti vedute da cartolina della gigantesca macchia rossa di Giove e degli anelli scintillanti di Saturno, la Voyager 2 ha fatto il salto su Urano e Nettuno. Nel frattempo, la Voyager 1 ha usato Saturno come una fionda gravitazionale per alimentarsi dopo Plutone.

Ora si trova a circa 15 miliardi di miglia dalla Terra.

Scarica l’app FOX NEWS

Voyager 1 ha le dimensioni di un’auto compatta e trasporta strumenti che studiano i campi magnetici, i raggi cosmici e il vento solare.

READ  La perseveranza di guida autonoma della NASA sul Mars Rover "prende il volante"

L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto