Novembre 28, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il braccio robotico della perseveranza inizia a condurre attività scientifiche: il programma di esplorazione su Marte della NASA


L’ultima sonda su Marte della NASA sta iniziando a studiare l’antico fondo del cratere che un tempo conteneva un lago.


La sonda itinerante della NASA è stata impegnata a servire come principale stazione di comunicazione per l’elicottero Mars Innovation e a documentare i viaggi storici dell’aereo. Ma il rover era anche impegnato a concentrare i suoi strumenti scientifici sulle rocce che giacevano a terra Crater Lake.

Le intuizioni che scoprono aiuteranno gli scienziati a creare una cronologia di quando un antico lago si è formato lì, quando si è prosciugato e quando i sedimenti hanno iniziato a accumularsi nel delta che si è formato nel cratere molto tempo fa. La comprensione di questa linea temporale dovrebbe aiutare a determinare la storia dei campioni di roccia – che verranno raccolti più avanti nella missione – che potrebbero preservare un record di microbi antichi.

Le foto di curiosità rock tenacia di Mastcam-Z: Il rover della NASA ha visto queste rocce con un imager Mastcam-Z il 27 aprile 2021. Credito: NASA / JPL-Caltech / ASU / MSSS. Immagine e didascalia complete ›

Una telecamera chiamata WATSON all’estremità del braccio robotico del rover ha scattato istantanee dettagliate delle rocce. Un paio di fotocamere in grado di zoomare quella posa Mastecam-Z Anche il fotografo sulla “testa” del rover ha osservato il terreno. Uno strumento laser chiamato SuperCam ha stordito alcune rocce per rivelarne la chimica. Questi strumenti e altri consentono agli scienziati di saperne di più sul cratere Jezero e di conoscere le aree che potrebbero voler studiare in modo più approfondito.

Una delle domande importanti a cui gli scienziati vogliono rispondere è: queste rocce sono sedimentarie (come l’arenaria) o ignee (formate dall’attività vulcanica). Ogni tipo di roccia racconta un diverso tipo di storia. Alcune rocce sedimentarie – formate in presenza di acqua da frammenti di rocce e minerali come sabbia, limo e argilla – sono più adatte a preservare impronte vitali o segni di vite passate. D’altra parte, le rocce ignee sono orologi geologici più accurati che consentono agli scienziati di creare una cronologia accurata di come si è formata l’area.

READ  L'eruzione del vulcano a Tonga potrebbe aumentare temporaneamente la temperatura globale

Un fattore complicante è che le rocce intorno alla persistenza sono state erose dai venti nel tempo e ricoperte di sabbia e polvere più giovani. A terra, un geologo potrebbe andare in profondità nel campo e rompere un campione di rocce per avere un’idea migliore delle loro origini. “Quando guardi dentro una roccia, è qui che vedi la storia”, ha detto Ken Farley del California Institute of Technology, scienziato del Project Perseverance.

Sebbene la persistenza non contenga un martello da roccia, ha altri modi per scrollarsi di dosso la polvere che ha raggiunto migliaia di anni. Quando gli scienziati trovano un punto particolarmente attraente, possono estendere il braccio del rover e utilizzare un raschietto per macinare e appiattire la superficie delle rocce, rivelando la loro struttura interna e composizione. Una volta terminato, il team raccoglie informazioni chimiche e minerali più dettagliate utilizzando strumenti per il braccio denominati Pixel (Uno strumento planetario per la litochimica a raggi X) e Sherlock (Ricerca di ambienti abitabili con Raman e luminescenza per materiali organici e prodotti chimici).

“Più rocce ho guardato, più sapevo”, ha detto Farley.

Più il team sa, migliori saranno i campioni che potranno eventualmente raccogliere con il trapano sul braccio del rover. I migliori di loro saranno immagazzinati in tubi speciali e depositati in ammassi sulla superficie del pianeta per un eventuale ritorno sulla Terra.

Maggiori informazioni sulla missione

L’obiettivo principale della missione su Marte è Astrobiologia, Compresa la ricerca di segni di antica vita microbica. L’imbarcazione caratterizzerà la geologia del pianeta e il clima passato e aprirà la strada all’esplorazione umana del pianeta rosso, e la prima missione sarà quella di raccogliere rocce e regoliti marziane (rocce rotte e polvere) e conservarle in una memoria temporanea.

READ  Gli ospedali della contea di Los Angeles affermano che ogni paziente con COVID non è stato completamente vaccinato

Le successive missioni della NASA, in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea (ESA), invieranno veicoli spaziali su Marte per raccogliere questi campioni sigillati in superficie e riportarli sulla Terra per un’analisi approfondita.

La missione Mars 2020 Perseverance fa parte dell’approccio di esplorazione lunare della NASA su Marte, che include il Artemide Le missioni sulla Luna aiuteranno a prepararsi per l’esplorazione umana del pianeta rosso.

Il Jet Propulsion Laboratory, gestito dal California Institute of Technology e gestito dalla NASA a Pasadena, in California, ha costruito e gestisce le operazioni del rover.

Per saperne di più sulla perseveranza:

mars.nasa.gov/mars2020/

nasa.gov/perseverance

Notizie e contatti con i media
Andrew Judd
Jet Propulsion Laboratory, Pasadena, California.
818-393-2433
andrew.c.good@jpl.nasa.gov

Karen Fox / Alana Johnson
Sede della NASA, Washington
301-286-6284 / 202-358-1501
karen.c.fox@nasa.gov / alana.r.johnson@nasa.gov