Luglio 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“La strada verso il volo inaugurale è chiara.” – Ars Technica

“La strada verso il volo inaugurale è chiara.” – Ars Technica
Ingrandire / La prima fase del programma Vulcan Certification-1 della United Launch Alliance si trova in cima allo Space Launch Complex-41 presso la stazione spaziale di Cape Canaveral in Florida per i test di qualificazione.

Al-Ula

La United Launch Alliance si sta avvicinando al volo inaugurale del suo razzo Vulcan, ancora sulla buona strada per far volare il veicolo per la prima volta il 24 dicembre.

Durante una tavola rotonda con i media mercoledì pomeriggio, Torey Bruno, CEO di United Launch Alliance, ha affermato che “il percorso verso il volo inaugurale è chiaro” per Vulcan. L’ultimo pezzo importante dell’hardware del razzo, lo stadio superiore Centaur V, è arrivato lunedì a Cape Canaveral, in Florida, e tutti i test di qualificazione necessari per il primo volo, compreso lo stadio superiore, sono stati completati.

Nei prossimi giorni, Bruno ha detto che lo stadio superiore del Centauro sarà combinato con il primo stadio di Vulcano. Il veicolo combinato verrà quindi trasportato al sito di lancio per un test di rifornimento noto come “prova sul bagnato” a dicembre. Tuttavia, i motori principali del razzo, i BE-4 forniti da Blue Origin, non verranno attivati. Questo perché la prima fase ha già completato con successo questo test del fuoco caldo a giugno.

Bruno ha affermato che la United Launch Alliance, o ULA, ha un certo margine nel suo programma poiché funziona per il lancio all’1:49 ET della vigilia di Natale. Se il tempo è brutto, l’azienda ha anche opportunità di lancio il 25 e 26 dicembre prima che la finestra di lancio si chiuda quest’anno. La missione Certification 1 avrà un’altra opportunità di lancio durante la prima metà di gennaio.

READ  La Cina lancia l'unità base della Heavenly Harmony Space Station

La missione Certification 1 trasporterà, come carico utile principale, un lander lunare costruito da Astrobotic, che tenterà di effettuare un atterraggio morbido sulla Luna all’inizio del prossimo anno.

Aspettando Vulcano

Vulcano è arrivato da molto tempo. ULA ha sviluppato il missile per più di un decennio mentre cercava di costruire un missile pesante per sostituire la sua flotta di missili Atlas e Delta. Il cambiamento è stato guidato da due esigenze principali. Innanzitutto, la società aveva bisogno di un razzo che fosse più competitivo in termini di costi con i booster Falcon 9 e Falcon Heavy di SpaceX. In secondo luogo, il Congresso degli Stati Uniti ha imposto all’ULA di porre fine alla sua dipendenza dai motori di fabbricazione russa che alimentano il razzo Atlas V.

Il lancio del grande razzo era originariamente previsto per il 2020, ma è stato rinviato a causa di diversi problemi, tra cui un lungo processo di sviluppo per il motore a razzo BE-4 e un grave incidente con lo stadio superiore Centaur V nel marzo di quest’anno.

Con l’aumento dei ritardi, l’ULA ha dovuto affrontare una crescente pressione da parte della forza spaziale americana per iniziare a far volare il Vulcan, che è previsto che effettuerà circa due dozzine di missioni di sicurezza nazionale nei prossimi cinque anni. Ma prima di poterlo fare, Vulcan deve completare due voli di certificazione e inviare i dati ai militari. La prima di queste missioni è una missione Astrobotica, mentre la seconda missione lancerà la navicella spaziale Dream Chaser di Sierra Space. Durante la teleconferenza di mercoledì, Bruno ha rifiutato di specificare un obiettivo specifico per quel viaggio, sottolineando solo che probabilmente avrà luogo nella prima metà del prossimo anno.

READ  Guarda il lancio dell'astronauta privato dell'Ax-2 di SpaceX in questo live streaming gratuito il 21 maggio

Partecipa a molte missioni

L’ULA ha venduto 70 razzi Vulcan, un numero composto per metà da missioni militari e per metà da voli commerciali, ha detto Bruno. Il principale cliente per i lanci commerciali è Amazon, che sta cercando di iniziare a collocare i satelliti Internet a banda larga del Progetto Kuiper nell’orbita terrestre bassa.

Di conseguenza, ULA sta cercando di aumentare la produzione del razzo Vulcan per raggiungere una cadenza di due lanci al mese entro la fine del 2025. Sembra abbastanza ambizioso e potrebbe richiedere molti fornitori, incluso il produttore di motori Blue Origin. Tuttavia, Bruno ha affermato che le sfide amministrative legate a questa espansione sono in fase di risoluzione.

“Ci aspettiamo che Blue rimanga al nostro passo e stiamo lavorando molto duramente per raggiungere questo obiettivo”, ha affermato. “Fin qui tutto bene.”