Aprile 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La ribellione di Wagner può essere stata contrastata, ma Putin non è mai apparso più debole e vulnerabile

La ribellione di Wagner può essere stata contrastata, ma Putin non è mai apparso più debole e vulnerabile

È sempre più chiaro che si avvicina l’inquietante fine politica di Vladimir Putin. Tutto ciò che conta ora è se verrà prima o poi.

Dopo essere apparso alla televisione nazionale per avvertire di un tentativo di colpo di stato da parte di traditori – e di un’imminente guerra civile – Putin ha bruscamente cambiato posizione dopo sole due ore. Il Cremlino ha annunciato che Yevgeny Prigozhin, il protagonista principale del romanzo, sarebbe andato in esilio in Bielorussia e tutte le accuse contro di lui sono state ritirate.

Non c’è da stupirsi che Prigozhin, un tempo venditore di salsicce che ha scalato i ranghi del patrocinio di Putin fino a guidare il famigerato Wagner Group, sia stato al centro di disordini politici.

Irritato per settimane chiedendo che i combattenti di Wagner fossero integrati nelle forze armate russe, Prigozhin si arrabbiò quando la base di Wagner aggredirlo dall’esercito russo.

La sua risposta è stata straordinaria: guidando un convoglio in Russia, ha giurato di affrontare il ministro della Difesa Sergei Shoigu e il capo di stato maggiore russo Valery Gerasimov.

Dopo aver catturato il quartier generale del distretto militare meridionale a Rostov sul Don, Prigozhin annunciò la sua intenzione di proseguire per Mosca. Una volta che la carovana ha raggiunto Voronezh, dopo aver percorso indisturbata metà strada verso la capitale, Putin è andato in onda per giurare di eliminare chiunque avesse pugnalato alle spalle la Russia.

Sorprendentemente, il canale Wagner Telegram ha risposto dicendo che Putin aveva torto e ci sarà un errore Presto il nuovo presidente russo. Il convoglio di Wagner si spostò a nord finché non si trovò a sole due ore di macchina dal Cremlino stesso.

READ  Zelensky afferma che il compito principale è rimuovere l'occupazione - DW - 22/04/2023

Poi tutto improvvisamente si è fermato. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha annunciato che il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha mediato un accordo. A Prigozhin sarebbe stato dato un passaggio sicuro a Minsk, dove apparentemente avrebbe mantenuto il controllo delle vaste operazioni di Wagner in Africa. I combattenti di Wagner non saranno accusati di tradimento e saranno integrati nell’esercito russo. Per quanto riguarda Shoigu e Gerasimov, nessuno sembrava saperlo.

Yevgeny Prigozhin ha registrato un videomessaggio a Rostov sul Don, in Russia, sabato.
Servizio stampa Prigozhin / AP


Per saperne di più: Cosa potrebbe significare la rivoluzione del Gruppo Wagner in Russia per la guerra in Ucraina


molte domande

Anche per gli standard russi, questo risultato è stato del tutto strano. E mentre c’è indubbiamente molto che non è stato annunciato ufficialmente, il risultato non può che essere che Putin è stato gravemente ferito dal melodramma.

Fermare i tentativi di colpo di stato – che erano più una rivolta o una ribellione che un colpo di stato – potrebbe rafforzare i leader autoritari se fossero rapidamente soppressi e se i loro leader fossero trattati apertamente e duramente.

Ma questo non è successo. Per prima cosa, è stato Putin a fare marcia indietro, non Prigozhin. D’altra parte – cosa ancora più dannosa – Putin è sembrato distaccato dall’intero processo. È stato il leader di un paese straniero che è intervenuto e ha risolto i problemi, non nessuno nella leadership russa.

Molte altre domande. Come ha potuto Prigozhin impadronirsi così facilmente del quartier generale dell’intero distretto militare meridionale dopo aver annunciato che sarebbe arrivato e senza che nessuno combattesse?

Come ha permesso alla sua carovana di avvicinarsi a Mosca così in fretta? Punti di controllo? Perché l’aeronautica russa incredibilmente assente, a parte alcuni elicotteri, non è intervenuta?

E in che modo i servizi segreti russi apparentemente non sono riusciti a individuare la mossa di Prigozhin, che aveva inviato pubblicamente per un po’ di tempo? l’intelligence americana Aveva già raccolto il piano di Prigozhin a metà giugno.

Un soldato del gruppo Wagner in un carro armato che blocca una strada a Rostov sul Don, in Russia.
Stringa/EPA

Quanto danno è stato fatto a Putin?

Questo deve essere molto preoccupante per Putin. Suggerisce fortemente che elementi di ciascuno dei servizi di sicurezza russi fossero probabilmente complici della mossa di Prigozhin, o almeno indifferenti.

Anche la spiegazione più benigna – l’incompetenza sistemica – suggerisce che la Russia non ha la capacità di affrontare gravi minacce interne contro la sua capitale.

Peggiora per Putin. Prigozhin ha stabilito un precedente criticando pubblicamente il presidente, muovendosi contro di lui e costringendolo a battere le ciglia. Questo non passerà inosservato alle élite russe, che Putin ha strettamente associato a lui attraverso cicli alternati di paura e ricompensa. Una volta che l’autocrate non è più in grado di eseguire minacce di sanzioni per infrazioni, il rischio di agire è notevolmente diminuito.

In effetti, solo dopo che Putin ha condannato pubblicamente Prigozhin, la Russia è diventata fedeli nazionalisti Hanno iniziato a uscire con le loro critiche pubbliche.

I messaggi di Putin dovranno ora compiere nuove imprese di ginnastica retorica. La sua traiettoria discendente da “incombente guerra civile” a “va tutto bene” è già difficile da percorrere. Sarebbe difficile spiegare perché Prigozhin – che è stato acclamato come un eroe vicino a Putin – possa affermare impunemente che l’invasione russa dell’Ucraina sia stata basata su un falso pretesto.

Cosa potrebbe succedere dopo?

Se le cose vanno male per Putin, vanno molto meglio per l’Ucraina. A breve termine, è improbabile che ci sarà molta differenza nella guerra. Le forze di Wagner sono già state ritirate dalla linea del fronte e le forze ucraine hanno dovuto affrontare da tempo un misto di soldati russi e forze ammassate.

Ma con ogni ribellione repressa arriva la ricerca dei colpevoli e l’inevitabilità delle purghe. È probabile che si tratti di un processo lungo e completo che coinvolge l’esercito russo e le sue agenzie di intelligence.



Per saperne di più: Putin sotto pressione: il melodramma militare tra il gruppo Wagner e le forze armate russe


È risaputo che Prigozhin godeva di un sostegno significativo da parte di ufficiali russi di medio rango, e questi individui sono probabilmente l’obiettivo dell’ira del regime. Ironia della sorte, spesso sono anche soldati più efficienti ed esperti in combattimento. Il morale, già basso, subirà un ulteriore colpo.

Alla fine, prima o poi, anche le agenzie di sicurezza russe si renderanno conto che non hanno più bisogno di subire le purghe e che il principale colpevole del fallimento della Russia, Putin, è stato indebolito dalle sue stesse azioni.

Questa è forse la più grande preoccupazione di Putin in tutto questo. Dopo aver incoraggiato per anni le potenti élite del Cremlino a competere per il suo favore, ora ha dato loro una valida ragione per unirsi contro di lui.