Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Nuova Zelanda vive il giugno più caldo mai registrato nonostante l’eruzione polare | Nuova Zelanda

Nuova Zelanda Giugno è stato il mese più caldo da quando sono iniziate le registrazioni più di 110 anni fa, secondo i dati climatici ufficiali.

Anche se a L’esplosione polare che ha spazzato il paese la scorsa settimanaI dati del National Institute of Water and Atmospheric Research (NIWA) mostrano che la temperatura media di giugno è stata di due gradi Celsius più calda del normale, con ventiquattro località in tutto il paese che hanno registrato massimi record.

Ciò rende la Nuova Zelanda il giugno più caldo di quest’anno dall’inizio della serie a sette temperature di NIWA nel 1909.

Il caldo era diffuso, con ogni stazione di monitoraggio a lungo termine che monitorava temperature ben al di sopra o ben al di sopra della media. Faceva particolarmente caldo a Motueka, vicino alla parte superiore dell’Isola del Sud, dove la temperatura media era di 10,8 °C, 3,2 °C superiore alla media della città per il 1981-2010.

Dei sei centri maggiori, Auckland era il più caldo e soleggiato, Tauranga il più umido, Christchurch il più freddo e secco e Dunedin il meno soleggiato.

La temperatura più alta mai registrata è stata ad Hastings, a Hawke’s Bay, ea Lee, a nord di Auckland, raggiungendo entrambi i 22°C in diversi giorni del mese.

Lo scienziato del clima Gregor Macara ha affermato che l’aumento medio di 2°C è un “spostamento massiccio” dal normale, aggiungendo che il precedente record di giugno era una media di 1,64°C superiore al normale.

NIWA pone l’aumento della temperatura al di sotto della pressione atmosferica al di sopra del normale livello del mare nell’est del paese, e Cambiamento climatico.

Le regioni nordorientali attirano masse d’aria dai subtropicali, quindi sono relativamente calde. Il fatto che abbiamo avuto più nord-est del solito sta spostando più aria calda sul paese di quanto vediamo di solito a giugno”.

Anche le temperature della superficie del mare erano più calde del normale e potrebbero essere un fattore che ha contribuito.

“Poiché siamo un paese insulare, il nostro clima è caratterizzato come un clima marino, il che significa che è influenzato dal mare. Le superfici marine più calde del normale hanno contribuito a mantenere temperature dell’aria più calde del normale”, ha affermato Makara.

Era la base di tutto questo Cambiamento climatico, Egli ha detto.

negli ultimi cento anni, Nuova ZelandaLa temperatura è aumentata di un grado Celsius, ha detto Makara, il che sta contribuendo al riscaldamento generale.

Se i mesi invernali più caldi continueranno nei prossimi anni, potrebbero causare problemi alle piste da sci e al settore agricolo del paese.

“Potrà aumentare le sfide per l’industria dello sci perché sarà più un margine per operare all’inizio della stagione senza nevicate o con temperature troppo calde per fare la neve artificiale”.

All’inizio di giugno, due delle destinazioni sciistiche più famose del paese – Coronet Peak a Queenstown e Wanaka Cardrona Alpine Ski Resort – hanno dovuto ritardare le loro aperture a causa del clima più caldo e delle poche nevicate.

Ha detto che anche le industrie agricole dipendenti dal gelo ne soffrirebbero, ma ha aggiunto che un clima più caldo potrebbe fornire opportunità per riorientare il settore verso colture che fanno bene nei climi più caldi.

I meteorologi di NIWA prevedono che il clima caldo continuerà per tutti i restanti mesi invernali.

READ  Vladimir Putin ha affermato che le relazioni russo-americane sono "al livello più basso degli ultimi anni", ha elogiato Donald Trump