Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La National Italian American Foundation ha contribuito a portare il film biografico su Madre Cabrini al pubblico di tutto il paese

La National Italian American Foundation ha contribuito a portare il film biografico su Madre Cabrini al pubblico di tutto il paese

“Osiamo o moriamo”. È così che ho imparato a vivere in America.

Si tratta di una citazione di Madre Francesca Cabrini mostrata nei primi secondi del film Trattore Per il nuovo film degli Angel Studios, Cabrini. Le parole catturano lo spirito audace e coraggioso della stessa Madre Cabrini, dei registi e dei produttori del film sulla sua vita e della National Italian American Foundation, l'organizzazione culturale e del patrimonio che ha contribuito a finanziare il progetto. biografia.

Cabrini Racconta l'avvincente storia del primo cittadino degli Stati Uniti ad essere canonizzato santo dalla Chiesa cattolica. Pubblicizzata come “la vera storia di un'eroina americana”, racconta il suo coraggioso viaggio da immigrata italiana arrivata nella New York del XIX secolo fino alla sua eventuale ascensione alla santità. Inoltre, il film descrive l’orribile verità di una parte della storia americana che spesso viene ignorata: il pregiudizio e la discriminazione contro gli italiani.

È uno dei pochi film a menzionare tale intolleranza, per non parlare di includerla come parte della trama cinematografica degli ostacoli che l'eroe del film deve superare. Diffondere la consapevolezza della storia di perseveranza e dedizione di Cabrini nell'aiutare gli altri nonostante l'implacabile bigottismo razziale è stato uno dei motivi per cui la NIAF ha deciso di contribuire a finanziare la produzione del film.

Cabrini “È un film importante e di grande attualità da guardare per vari motivi”, mi ha detto il presidente della NIAF Robert Allegrini. “In primo luogo, mentre l’immigrazione domina le notizie, il film offre uno sguardo sul terribile pregiudizio che gli immigrati italiani legali dovevano sopportare all’inizio del XX secolo”.

READ  Vancouver Sopranos presenta Nanaimo per la prima volta con lo spettacolo teatrale multilingue Malaspina - Nanaimo News Bulletin

Come accennato in precedenza, Cabrini evidenzia questo fatto cruciale del pregiudizio che sperimentano molti italiani. Allegrini ha spiegato il relativo anonimato di questo fatto e perché era una parte vitale del film e probabilmente della storia della nostra nazione. Ha anche discusso dell'enorme eredità di Carpini in termini di emancipazione delle donne, un'altra parte importante della cultura contemporanea della nostra nazione.

“Molti americani oggi non sono consapevoli dell’esistenza di questo pregiudizio perché, attraverso il duro lavoro e un forte desiderio di contribuire al tessuto della nazione, gli italoamericani oggi sono un gruppo etnico pienamente assimilato come molti dei gruppi che li hanno preceduti e altri. ci è riuscito”, ha detto Allegrini. “Inoltre, poiché l’emancipazione delle donne rimane un obiettivo importante, il film mostra la forza di questa determinata donna italo-americana che, attraverso la determinazione assoluta e la fiducia nella correttezza del suo lavoro, è diventata una delle prime donne CEO in questo paese, anche come, ovviamente, il primo santo americano.

Clicca qui per leggere di più dal Washington Examiner

Come sempre, la NIAF è in prima linea nel promuovere il riconoscimento delle straordinarie conquiste culturali delle persone di origine italiana. Dedica innumerevoli ore e risorse per aiutare a diffondere la consapevolezza degli incredibili contributi globali derivanti dalla diaspora italoamericana. In quanto tale, la NIAF non deve prestare ascolto all'avvertimento di Madre Carpini sull'audacia perché di solito pone le basi affinché altri possano godersi il Rinascimento italoamericano nel 21° secolo. Gli sforzi dell'organizzazione cooperativa e il lavoro su di essa Cabrini Nessuna differenza.

La storia di Cabrini è una storia che il mondo ha bisogno di ascoltare, così come la storia della diffusa discriminazione che gli italiani hanno subito. La NIAF dovrebbe essere lodata per aver avuto il coraggio di portare una storia che comprenda questi due temi al pubblico di tutto il paese. Gli Angel Studios dovrebbero essere lodati per aver raccontato il viaggio di Madre Cabrini. Entrambi dovrebbero essere lodati per aver saputo incanalare lo spirito audace di Cabrini nello sviluppo di questo film.

READ  Il Grand Northcote Theatre si trasforma in un locale di musica dal vivo per 1.500 persone (con Trattoria Italian Restaurant e Rooftop Bar)