Maggio 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La missione Eutelsat segna il primo possibile giorno di lancio del triplo Falcon 9 per SpaceX – Spaceflight Now

La missione Eutelsat segna il primo possibile giorno di lancio del triplo Falcon 9 per SpaceX – Spaceflight Now
Un razzo Falcon 9 è pronto per il lancio per la missione Eutelsat 36D presso il Launch Complex 39A del Kennedy Space Center della NASA il 30 marzo 2024. Immagine: Spaceflight Now

SpaceX mira a raggiungere un'ambiziosa cadenza di lancio sabato sera con il potenziale per tre lanci in meno di cinque ore. La partenza dei primi due razzi Falcon 9 è prevista dalla Space Coast della Florida, con il lancio della missione finale dalla base spaziale di Vandenberg in California.

La prima a bordo è la missione Eutelsat 36D, il cui decollo è previsto dal Launch Complex 39A del Kennedy Space Center della NASA alle 17:52 EDT (2152 UTC). Questa è l'apertura della finestra di lancio, che dura tre ore e 52 minuti.

Spaceflight Now avrà una copertura in diretta a partire da circa un'ora prima del lancio.

Il booster del primo stadio Falcon 9 a supporto di questa missione, che ha il numero di coda B1076 nella flotta SpaceX, effettuerà il suo 12° tentativo di lancio. In precedenza ha supportato missioni come il volo Commercial Resupply Services Dragon 26th (CRS-26) verso la Stazione Spaziale Internazionale, Intelsat IS-40e e Ovzon-3.

Circa 8,5 minuti dopo il decollo, B1076 mira ad atterrare a bordo del drone “basta leggere le istruzioni” di SpaceX nell'Oceano Atlantico. Questo sarà il 76esimo atterraggio a bordo della JRTI e il 289esimo atterraggio dei booster fino ad oggi.

Il satellite completamente elettrico Eutelsat 36D è pronto per il trasporto in Florida da Tolosa, in Francia. Immagine: Airbus

Il carico utile per questa missione è il satellite Eutelsat 36D, che misura 4 x 5 x 4 metri, ovvero le dimensioni di un piccolo camion, secondo il produttore del satellite, Airbus. Il satellite per comunicazioni geostazionarie è arrivato in Florida lunedì 11 marzo a bordo del nuovo aereo BelugaXL di Airbus, basato sulla piattaforma A330-200.

Il satellite è il 22esimo satellite geostazionario prodotto da Airbus Eutelsat. È dotato di 70 ricetrasmettitori fisici in banda Ku e si basa sul bus satellitare Eurostar Neo di Airbus. Eutelsat ha affermato che sostituirà il satellite Eutelsat 36B in una posizione di 36 gradi est.

READ  Bellissimo motivo per cui un intero aereo si è messo a cantare per un passeggero anziano guerriero

Oltre a “fornire più di 1.100 canali TV a milioni di case” nelle regioni dell’Africa e dell’Eurasia, il satellite è stato anche selezionato da Airbus Defence and Space per trasportare il suo ultimo carico utile ad altissima frequenza (UHF) per supportare le comunicazioni transterrestri. . “Regione Europa, Medio Oriente e Africa”, ha affermato Eutelsat in una nota.

Veduta del satellite Eutelsat 36D in orbita a 36 gradi est. Grafico: Eutelsat

Dopo aver tentato di lanciare la missione Eutelsat 36D, SpaceX spera anche di lanciare due missioni satellitari Starlink. Il primo, Starlink 6-45, è destinato a decollare alle 21:02 EDT (01:02 UTC) dallo Space Launch Complex 40 (SLC-40) alla Cape Canaveral Space Force Station.

Il terzo volo notturno del Falcon 9 verrà lanciato dallo Space Launch Complex 4 East (SLC-4E) alle 19:30 PST (22:30 EDT (02:30 UTC). Il lancio di questa missione era originariamente previsto giovedì sera, ma è stato rinviato a venerdì e poi a sabato, poiché un grande sistema di tempeste sta colpendo la California meridionale e non si prevede che l'area venga ripulita fino a domenica, quindi sono probabili ulteriori ritardi per questa missione.