Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Malesia dimezza la pena detentiva e riduce la multa per l'ex primo ministro corrotto Najib Razak per lo scandalo 1MDB

La Malesia dimezza la pena detentiva e riduce la multa per l'ex primo ministro corrotto Najib Razak per lo scandalo 1MDB

Il comitato per la grazia della Malesia ha dichiarato venerdì di aver dimezzato la pena detentiva di 12 anni comminata al primo ministro corrotto Najib Razak e di aver ridotto significativamente la multa.

Ciò avviene a meno di due anni dalla sua condanna in un caso legato al furto di miliardi di dollari dalle casse dello Stato.

Con la commutazione della pena, Najib sarà rilasciato entro il 23 agosto 2028, ha precisato il Consiglio in un comunicato.

Il consiglio ha inoltre ridotto la multa inflitta a Najib da 210 milioni di ringgit (68 milioni di dollari) a 50 milioni di ringgit (16 milioni di dollari).

Non è chiaro se Najib abbia ancora diritto a un congedo aggiuntivo per buona condotta. Se così fosse, potrebbe uscire già nell’agosto 2026.

Nonostante la sua convinzione, Najib ha ancora influenza nel suo partito, la United Malays National Organization (UMNO), che ora è membro del governo di unità del primo ministro Anwar Ibrahim che ha preso il potere dopo le elezioni generali del 2022.

Fu concessa la grazia reale ma non ne fu fornita la ragione

Il Pardon Board non ha spiegato il motivo della commutazione della sentenza di Najib, né perché ha aspettato fino a venerdì per annunciarlo.

Il consiglio non è tenuto a fornire alcuna motivazione per le sue azioni, il che ha scatenato proteste e chiede al governo di giustificare la mossa.

READ  Non bloccata in Bihar, la crociera Ganga Vilas ha attraccato i turisti per esplorare la costa Inland Waterways Authority: The Tribune India

Il Malaysian Pardons Board ha dimezzato la pena detentiva a 12 anni dell'ex primo ministro Najib Razak e ridotto drasticamente la multa inflitta dopo essere stato dichiarato colpevole di corruzione.(AP: Vincent Thien, dossier)

L’autorità ha affermato di aver preso in considerazione la richiesta di grazia reale di Najib durante la riunione di lunedì e di aver deciso di ridurre la pena e la multa dopo aver studiato i consigli e le opinioni.

L'incontro era presieduto dall'allora re del paese, Sultan Abdullah Sultan Ahmad Shah, originario di Pahang, città natale di Najib.

Un nuovo re si è insediato mercoledì sotto la monarchia alternata unica della Malesia.

La decisione è vista come un ulteriore danno alla campagna anti-corruzione di Anwar, pochi mesi dopo che i pubblici ministeri hanno ritirato 47 accuse di corruzione contro il vice primo ministro Ahmad Zahid Hamidi, che è l'attuale capo del partito United Malays National Organization (UMNO).

Anwar ha detto che Najib aveva seguito le procedure legali e aveva il diritto di richiedere la grazia reale. Ha detto che il re ha l'ultima parola.

“Non si tratta del primo ministro o del governo. Rispetto la decisione dell'allora re… Certo è una decisione molto politica, alcuni la sostengono, altri non la sostengono, ma non possono ignorare il fatto che bisogna rispettare i diritti di ogni persona condannata”. “Ricorso davanti al Pardon Board”, ha detto Anwar in un'intervista ad Al Jazeera.

Ha aggiunto che Najib ha ancora altri processi ad esso correlati e continuerà.

È stato condannato per corruzione con fondi statali

Najib, 70 anni, è stato incarcerato nell’agosto 2022 dopo aver perso l’ultimo appello nel primo di numerosi processi per corruzione legati al saccheggio multimiliardario di un fondo statale, 1 Malaysia Development Berhad, o 1MDB.

READ  Con l'inizio delle misure di emergenza per il coronavirus emergente, gli indonesiani "gridano" | Notizie sulla pandemia del virus corona

È diventato il primo ex leader della Malesia ad essere incarcerato dopo la scioccante sconfitta della sua coalizione di lunga data nelle elezioni generali del 2018 per lo scandalo 1MDB.

1MDB era un fondo di sviluppo istituito da Najib poco dopo aver preso il potere nel 2009.

Gli investigatori sostengono che almeno 4,5 miliardi di dollari (6,9 miliardi di dollari) sono stati rubati dal fondo e riciclati attraverso conti bancari negli Stati Uniti e in altri paesi.

Si presume inoltre che il denaro rubato abbia finanziato film di Hollywood e acquisti stravaganti che includevano hotel, uno yacht di lusso, opere d'arte e gioielli.

Najib Razak lascia il tribunale di Kuala Lumpur

Najib Razak ha mantenuto la sua innocenza durante tutta la serie di processi.(AP: Vincent Thien, dossier)

Più di 700 milioni di dollari sono entrati nei conti bancari di Najib.

Najib è stato condannato nel 2020 per sette capi di imputazione per corruzione per aver ricevuto illegalmente 9,4 milioni di dollari da SRC International, un'ex unità di 1MDB.

Deve ancora affrontare diversi altri processi di corruzione legati a 1MDB.

Anche sua moglie, Rosmah Mansor, è stata condannata nel 2022 a 10 anni di carcere e ad una multa record di 970 milioni di ringgit (313 milioni di dollari) per corruzione in un progetto solare. È libera su cauzione in attesa dell'appello.

Najib si dichiara innocente e sostiene di essere stato ingannato dal finanziere malese Low Taek Jho, ritenuto essere l'ideatore dello scandalo e tuttora latitante.

I doppi standard furono invocati perché il re aveva l’ultima parola

Molti malesi venerdì hanno chiesto di conoscere la giustificazione dell'azione del Pardons Board nel caso di corruzione di alto profilo in cui il governo è stato costretto a spendere miliardi di dollari per onorare i debiti di 1MDB.

Alcuni analisti ritengono che la resistenza sarà probabilmente contenuta. Chiunque insulti il ​​re può essere accusato di sedizione.

“La reputazione di Anwar come riformatore subirà un duro colpo”, ha affermato James Chen, professore di studi asiatici presso l’Università australiana della Tasmania, “Ci sarà un po’ di rabbia, ma le ripercussioni saranno limitate”.

“La società malese è completamente feudale e una volta che gli viene detto che questa è una prerogativa del re, si tireranno indietro”.

Naguib Razzaq in macchina

L'ex primo ministro malese Najib Razak saluta i sostenitori mentre se ne va dopo un'udienza a Kuala Lumpur nell'agosto 2022.(AP: Vincent Thien, dossier)

La famiglia continua a fornire il suo incrollabile sostegno

Nouriana Najwa Najib, la figlia di Najib, ha postato su Instagram che la famiglia ha apprezzato il gesto del consiglio ma è rimasta delusa dal fatto che Najib non abbia ricevuto la grazia completa ed è stato rilasciato immediatamente.

Il testo tradotto del post recita:

“Mentre apprezziamo la riduzione della pena da 12 a sei anni decisa dal Pardons Board dopo aver considerato opinioni e consigli, siamo delusi dal fatto che Dato’ Seri Najib Razak non abbia ricevuto la grazia completa e sia stato rilasciato immediatamente.

Dato' Seri Najib Razak e la sua famiglia restano saldi e sono fiduciosi nella sua innocenza.

Coloro che seguono da vicino il caso SRC sicuramente sapranno e saranno d'accordo con la sentenza del Presidente della Corte Suprema di Sabah e Sarawak dell'anno scorso secondo cui era stata fatta una grande ingiustizia a Dato' Seri Najib e la decisione corretta era che meritava di essere rilasciato e liberato. “

Scarica contenuti Instagram

ABC/AP