Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La luce verde sembra alleviare il dolore e un nuovo studio sui topi spiega perché: ScienceAlert

La ricerca suggerisce che potrebbe esserci un modo “semplice, sicuro ed economico” per alleviare il dolore: il semaforo verde. E un nuovo studio sugli animali rivela le basi biologiche di come funzionano.

Gli scienziati hanno esplorato gli effetti antidolorifici della luce verde per Almeno mezzo decennioper scoprire prove accidentali di come esattamente sia successo.

Questo nuovo studio sui ratti, condotto dal neuroscienziato Yu Long Tang della Fudan University di Shanghai, rivela quali cellule oculari e percorsi cerebrali supportano il sollievo dal dolore a volte avvertito dopo l’esposizione alla luce verde a bassa intensità.

In una serie di esperimenti, i ricercatori hanno scoperto che i coni e i bastoncelli – le cellule oculari che percepiscono la luce – riducono il dolore causato dalla luce verde nei topi sani e nei topi artritici.

Come fanno spesso gli scienziati, i ricercatori hanno disabilitato cellule specifiche per vedere quale effetto avesse sul senso di dolore degli animali. Quando questi bastoncelli sono stati rotti in alcuni topi, quegli animali hanno mostrato solo un sollievo parziale con la luce verde, mentre i topi senza coni non hanno mostrato alcun segno di sollievo dal dolore quando sono stati immersi in un bagliore verde.

“Abbiamo scoperto che i fotorecettori dei coni della retina sono essenziali per l’anodo a luce verde, mentre i bastoncelli svolgono un ruolo secondario”, Spiegare Tang e colleghi nel loro documento pubblicato.

Da lì, hanno tracciato il percorso che i segnali elettrici dagli occhi hanno preso attraverso il cervello.

Immersi nella luce verde, i coni e i bastoncelli hanno stimolato un gruppo di cellule cerebrali nel cervello Il nucleo genicolato ventrale lateraleche ha precedentemente collegato Per gli effetti sedativi della luce intensa in generale.

READ  La contea di Multnomah lascia le restrizioni COVID ad `` alto rischio '', forse per sempre

In questa parte del cervello, questi neuroni mostrano un ormone coinvolto nei segnali del dolore. Queste cellule poi trasmettono il messaggio a un’altra parte del cervello chiamata cervello Nucleo del rafe dorsale Modula il dolore, abbassando efficacemente la pressione sulle sensazioni dolorose intense.

Sono stati identificati vari studi sugli animali altri meccanismi Sono intrecciati negli effetti analgesici della luce verde, come i recettori del dolore nel midollo spinale, cosa non sorprendente vista la complessità dell’esperienza del dolore. Coinvolge l’esperienza sensoriale, fisica e psicologica di stimoli e segnali che rimbalzano tra il cervello, il midollo spinale e i recettori del dolore.

Mentre il sollievo dal dolore nei roditori è molto diverso dagli esseri umani, questo studio riesce a identificare i circuiti del dolore nel cervello dei mammiferi che rispondono all’input visivo e amplia la nostra comprensione di un modo semplice e sicuro per sopprimerli.

“Sebbene non sia chiaro se la percezione del colore sia paragonabile tra umani e roditori, l’esposizione alla luce verde sia negli esseri umani che nei roditori riduce la sensibilità al dolore, suggerendo la condivisione di meccanismi comuni tra le due specie”, Tang e colleghi. Tipoosservando che è probabile che siano coinvolte altre regioni del cervello.

Esporre le persone a otto ore di terapia della luce al giorno, come ha fatto il ricercatore per i topi in questo studio, non è pratico o fattibile, quindi sarà interessante vedere se periodi più brevi di terapia della luce verde sono efficaci nell’alleviare il dolore – e per per quanto.

Su questo punto ci sono risultati incoraggianti da altri studi. Uno studio sugli animali nei ratti ha suggerito che la luce verde allevia il dolore Può durare a lungoe continuato per quattro giorni dopo il trattamento.

READ  Perché un vaccino vecchio di un secolo offre nuove speranze contro gli agenti patogeni

Recentemente Test clinici Ho anche menzionato la terapia della luce verde per alcune ore al giorno Diminuzione dell’intensità del dolore in un piccolo gruppo di pazienti con fibromialgia numero di giorni di mal di testa nell’emicrania. Mal di schiena cronico Un altro obiettivo. La luce verde può trarne beneficio pazienti dopo l’intervento chirurgicoridurre la loro dipendenza dagli antidolorifici.

Anche se potrebbe non funzionare per tutti, se questi studi possono essere replicati in più pazienti, potrebbe aprire la strada affinché la terapia a luce verde diventi un’opzione alternativa per alleviare il dolore.

La sfida costante è che il dolore cronico è una bestia difficile da domare e non tutto il dolore è uguale. Gli oppioidi sono anche incredibilmente efficaci nell’alleviare il dolore, ma creano incredibilmente dipendenza e non sappiamo ancora come si confronta la luce verde.

Dolore cronico a parte, i risultati aggiungono colore alla nostra comprensione della causa Trascorrere del tempo nella natura è così bello. Il bozzolo della foresta, che è di colore verde scuro, può calmare il nostro sistema nervoso in più di un modo.

Lo studio è stato pubblicato in Scienze della medicina traslazionale.