Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La missione lunare Artemis della NASA si conclude con uno zampillo d’acqua

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di incredibili scoperte, progressi scientifici e altro ancora.



Cnn

La missione Artemis I – un volo di prova di 25 giorni senza equipaggio intorno alla luna destinato a spianare la strada a future missioni di astronauti – è giunta a una conclusione epocale quando la navicella spaziale Orion della NASA è precipitata con successo nell’oceano domenica.

Il veicolo spaziale ha completato l’ultima tappa del suo viaggio, avvicinandosi allo spesso strato interno dell’atmosfera terrestre dopo aver percorso 239.000 miglia (385.000 km) tra la Luna e la Terra. È schizzato alle 12:40 ET domenica nell’Oceano Pacifico al largo della Bassa California del Messico.

Quest’ultimo passaggio è stato tra le fasi più importanti e pericolose della missione.

Ma dopo che sono uscito, Rob Navias, il commentatore della NASA che ha guidato la trasmissione di domenica, ha definito il processo di rientro “libro di testo”.

“Sono sopraffatto”, ha detto domenica l’amministratore della NASA Bill Nelson. “Questo è un giorno straordinario.”

La capsula sta ora galleggiando nell’Oceano Pacifico, dove rimarrà fino alle 15:00 circa ET mentre la NASA raccoglie dati aggiuntivi ed esegue alcuni test. Questo processo, come il resto della missione, ha lo scopo di assicurarsi che la navicella Orion sia pronta a volare per gli astronauti.

“Stiamo testando tutto il calore che è venuto ed è stato generato sulla capsula. Vogliamo assicurarci di classificare in che modo influenzerà l’interno della capsula”, ha detto ai giornalisti la scorsa settimana il direttore di volo della NASA Judd Freleng.

Una flotta di veicoli di soccorso, tra cui barche, un elicottero e una nave della US Navy chiamata USS Portland, attende nelle vicinanze.

Il veicolo spaziale stava viaggiando a circa 32 volte la velocità del suono (24.850 mph o circa 40.000 chilometri all’ora) quando ha colpito l’aria, così velocemente che le onde di compressione hanno causato il riscaldamento dell’esterno del veicolo spaziale fino a circa 5.000 gradi Fahrenheit (2.760 gradi). . Centigrado).

“Il prossimo grande test è lo scudo termico”, ha detto Nelson alla Galileus Web in un’intervista telefonica giovedì, riferendosi alla barriera progettata per proteggere la capsula di Orione dai dolorosi fattori fisici del rientro nell’atmosfera terrestre.

Il calore intenso ha anche causato la ionizzazione delle molecole d’aria, provocandone l’accumulo Plasma che ha causato un’interruzione delle comunicazioni di 5 minuti, dipendente Al direttore di volo di Artemis I, Judd Frieling.

Interattivo: traccia il percorso che Artemis farà intorno alla luna e ritorno

Quando la capsula ha raggiunto circa 200.000 piedi (61.000 metri) dal suolo, ha eseguito una manovra di rollio che ha fatto risalire brevemente la capsula, un po’ come far saltare un masso sulla superficie di un lago.

Ci sono diversi motivi per utilizzare la manovra di salto.

Joe Bomba, presidente di Thermal Aeronautical Sciences di Lockheed Martin, ha dichiarato: dichiarazione. Lockheed è l’appaltatore principale della NASA per il veicolo spaziale Orion.

“Dividendo il calore e la forza di rientro in due eventi, l’ingresso prioritario offre anche vantaggi come la riduzione delle forze g sperimentate dagli astronauti”, secondo Lockheed, riferendosi alle forze di schiacciamento che gli esseri umani sperimentano durante il volo spaziale.

C’è stato un altro blackout delle comunicazioni che è durato circa tre minuti dopo la manovra di salto.

Quando ha intrapreso la sua discesa finale, la velocità della capsula è rallentata drasticamente, lanciandosi a migliaia di miglia all’ora fino a quando i suoi paracadute non si sono aperti. Quando cadde, Orion stava viaggiando a circa 20 miglia all’ora (32 chilometri all’ora).

Mentre non c’erano astronauti in questa missione di prova, solo alcuni manichini attrezzato per raccogliere dati e bambola ficcanaso – ha sottolineato Nelson, capo della NASA Importanza Per dimostrare che la capsula può ottenere un ritorno sicuro.

I piani dell’agenzia spaziale sono di trasformare le missioni lunari Artemis in un programma che invierà astronauti su Marte, un viaggio che avrà un processo di rientro molto più rapido e audace.

La capsula di Orione cattura una vista della superficie della Luna, con la Terra sullo sfondo come una falce di luna illuminata dal Sole.

Orion ha percorso quasi 1,3 milioni di miglia (2 milioni di km) durante questa missione su una traiettoria oscillante verso una lontana orbita lunare, trasportando la capsula Più lontano di qualsiasi veicolo spaziale progettato per trasportare esseri umani mai viaggiato.

Un obiettivo secondario per questa missione era l’Orion Service Module, un attacco cilindrico nella parte inferiore del veicolo spaziale, per schierare 10 piccoli satelliti. Ma almeno quattro di quei satelliti fallirono dopo essere stati lanciati in orbita, incluso un piccolo lander lunare sviluppato lì Giappone E uno di Il carico utile della NASA Doveva essere uno dei primi piccoli satelliti per l’esplorazione dello spazio interplanetario.

Durante il volo, la navicella viene catturata Foto stupende Dalla Terra, e durante due sorvoli ravvicinati, ho fotografato la superficie lunare e “altezza del pavimento. ”

Nelson ha detto che se finora avesse dovuto dare alla missione Artemis I un voto in lettera, sarebbe stato un A.

“Non un A-plus, semplicemente perché ci aspettiamo che le cose vadano male. La buona notizia è che quando qualcosa va storto, la NASA sa come risolverlo”, ha detto Nelson. Ma se tu Maestra, le darò una A in più.”

Con il successo della missione Artemis I, la NASA si immergerà ora nei dati raccolti su questo volo e cercherà di selezionare un equipaggio per la missione Artemis II, che potrebbe decollare nel 2024.

Artemis II mira a inviare gli astronauti su una traiettoria simile a quella di Artemis I, volando intorno alla Luna ma senza atterrare sulla sua superficie.

missione Artemide III, Attualmente Il lancio è previsto per il 2025è prevista Per restituire le scarpe sulla Luna, i funzionari della NASA hanno affermato che coinvolgerebbe la prima donna e la prima persona di colore a realizzare un’impresa del genere.

READ  Il Falcon Heavy di SpaceX prende il comando dell'USSF-44 nel suo primo volo in tre anni