Febbraio 6, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Gli esperti affermano che il mascheramento può combattere la “tripla epidemia”. Qualcuno ascolterà? | Notizie dagli Stati Uniti

ƒ Il mascheramento può sembrare un ricordo del passato negli Stati Uniti, anche in città come New York e Los Angeles che un tempo adottavano la misura precauzionale. Ma poiché le strutture sanitarie sono alle prese con a “triplicazione” dei virus respiratori – Con Covid, influenza e RSV in aumento contemporaneamente – lo sono anche gli esperti Ancora una volta sollecitando il pubblico indossare mascherine per il viso.

“Non andrei al supermercato senza maschera”, afferma John Schwartzberg, professore emerito di malattie infettive e vaccinologia all’Università della California, Berkeley. “Non andrei al trasporto espresso senza maschera. Non salirei su un aereo o sarei in un aeroporto senza maschera “, né parteciperebbe a un evento all’aperto affollato come un concerto senza di essa, afferma Schwartzberg.

Tuttavia, dopo quasi tre anni di messaggi contrastanti da parte dei funzionari, molti americani sembrano essersi allontanati dal COVID e un presidente che ha detto “L’epidemia è finitaAnche con centinaia di morti ogni giorno, qualcuno ascolterà?

Dal 2 dicembre il ha riferito CDC Una media di sette giorni di 4.201 ricoveri per Covid e 254 decessi. Nel frattempo, le stagioni dell’influenza e dell’RSV sono arrivate insolitamente in anticipo, con i ricoveri per influenza ai livelli più alti in un decennio. Il 2 dicembre, agenzia menzionato 8,7 milioni di casi di influenza, inclusi 78.000 ricoveri e 4.500 morti, in questa stagione. Non abbiamo ancora visto il peggio, considerando che mancano meno di due settimane al Ringraziamento, con molti raduni festivi in ​​arrivo, afferma Schwartzberg.

La buona notizia: “Le maschere funzionano contro COVID, le maschere funzionano contro il virus respiratorio sinciziale, le maschere funzionano contro l’influenza e le maschere funzionano contro altri virus respiratori”, afferma Schwartzberg. “Lavorano davvero per aiutare a prevenire l’infezione delle persone e le conseguenze di tale infezione”.

Abrar Karan, un esperto di malattie infettive presso la Stanford University, è d’accordo, così come A.J numero Da studiCompreso “normale esperienzaConfrontando scuole mascherate e non mascherate a Boston.

“Le maschere aiuteranno a ridurre il rischio di contrarre virus”, afferma Karan. “Migliore è la maschera che usi, più efficace sarà, a seconda della vestibilità e del filtro della maschera” – N95, KN95 e KF94 offrono una buona protezione. La sua stessa esperienza parla della sua efficacia: in anni di cura di pazienti Covid, è stato in grado di evitare l’infezione. “Quando sono stato infettato, in realtà è stato da qualcuno che era malato a casa mia”, dice.

Quando si parla di Covid, si nota che i vaccini funzionano bene contro malattie gravi ma sono meno efficaci contro le infezioni. Le maschere forniscono un’importante linea di difesa aggiuntiva. Per quanto riguarda altri virus meno trasmissibili come l’influenza e l’RSV, “sono praticamente scomparsi quando abbiamo usato la mitigazione” come il mascheramento all’inizio della pandemia, dice. Dopo aver annullato tali misure, “ora abbiamo assistito a un aumento”.

Ma, come sa chiunque sia stato a fare la spesa o abbia preso la metropolitana negli ultimi mesi, cercare di trovare qualcuno che indossi una maschera in questi giorni può sembrare un Dov’è Waldo? E secondo Sarah Wallace Goodman, scienziata politica presso l’Università della California, Irvine, e coautrice di Pandemic Politics: The Deadly Toll of Partisanship in the Age of Covid, è improbabile che questo cambi presto.

Uno stand di prodotti pieno di maschere respiratorie N95 gratuite, fornite dal Dipartimento della salute e dei servizi umani, si trova fuori da una farmacia a Jackson, Mississippi. Foto: Rogelio V Solis/AP

La pandemia ha già eroso la fiducia del pubblico nei funzionari sanitari. E questo tipo ha una capacità di resistenza a lungo termine, afferma Goodman. Gli Stati Uniti non hanno mai “sviluppato una narrativa di risposta politica flessibile” – una “comprensione comune” in cui trattiamo, ad esempio, “la maschera come un impermeabile o come un ombrello: te la togli quando ne hai bisogno, la metti via quando non lo fai”.

I messaggi sul mascheramento, nel frattempo, sono “spostati” dal trattarlo come una questione di risposta della società a una questione di scelta personale. “È davvero difficile togliersi di mezzo questi messaggi e dire che non è più una scelta individuale. Soprattutto in America, siamo decisamente contrari a questo tipo di messaggi”, afferma.

Benjamin Rosenberg, psicologo della salute sociale presso la Dominican University in California, vorrebbe che avessimo sentito di più dagli scienziati sociali quando è venuto alla luce il messaggio pandemico del governo. Tuttavia, a questo punto, Rosenberg, che studia l’interazione psicologica – “cosa succede quando alle persone viene detto cosa fare” – sostiene che il linguaggio dei mandati e delle richieste di conformità farà ben poco per cambiare il comportamento.

Detto questo, ci sono altri modi per aumentare l’uso della maschera. “In generale, alle persone piace scegliere le proprie azioni. Vogliamo avere una volontà, vogliamo avere una scelta in ciò che facciamo e nelle decisioni che prendiamo, quindi delegare qualcosa significa davvero annullare quella scelta”, dice. D’altra parte, spingere per l’occultamento “in un modo più morbido e incoraggiante” significa “dire che avrai davvero quella libertà. Non te la toglieremo… ma ecco alcuni motivi per cui, in questo contesto, potresti prendere in considerazione l’idea di indossarne uno”.

Quando si tratta di messaggi, afferma Karan, i funzionari della sanità pubblica devono essere “più espliciti” con il messaggio che “le mascherine ridurranno il rischio di infezione”. I governi possono anche aiutare aumentando la disponibilità di mascherine. Non tutti hanno accesso a loro e “ci sono state volte in cui ho dimenticato di prendere la maschera e vorrei che ci fosse un modo per ottenerla rapidamente prima di andare in certi posti”.

Goodman vede anche vantaggi nelle “interazioni significative della comunità”. Sarebbe bello se Joe Biden continuasse a indossare una maschera, ha detto, ma vedere i vicini che ne indossano una avrebbe probabilmente un effetto ancora più grande: “Se le persone che conosci e di cui ti fidi indossano una maschera, potresti pensarci due volte prima di non indossarla. “

In definitiva, afferma Schwartzberg, ciò di cui abbiamo bisogno è un cambiamento culturale in modo che le maschere siano “in qualche modo normalizzate, in modo che le persone si sentano più a loro agio indossando una maschera in determinati contesti”. Un cambiamento così ampio non è senza precedenti: la pandemia influenzale del 1918 ha contribuito a realizzare trasformazioni sociali come Espandere i diritti delle donnestimolato, in parte, dal ruolo crescente delle donne nella forza lavoro dell’epoca, osserva.

La storia guarderà indietro e dirà: “Perché le maschere sono state politicizzate in questo paese?” Che strano, “E onestamente, è strano”, dice Schwartzberg. “Ma ora stiamo facendo la storia”.

READ  L'Illinois riporta il primo caso di sottovariante "Stealth Omicron" BA.2 - NBC Chicago