Settembre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La legge del Texas vieta l’aborto dopo sei settimane e consente l’entrata in vigore delle cause civili

Una legge del Texas che vieta la maggior parte degli aborti nello stato è entrata in vigore, ma la Corte Suprema degli Stati Uniti deve ancora agire su un appello di emergenza per ritardare la legge.

Se lasciata rimanere in vigore, la legge segnerebbe le restrizioni più drammatiche al diritto all’aborto negli Stati Uniti dalla storica decisione della Corte Suprema Roe v Wade che ha legalizzato l’aborto a livello nazionale nel 1973.

Firmato dal governatore repubblicano Greg Abbott a maggio e diventato legge in vigore dal 1 settembre, vieta gli aborti una volta rilevato il battito cardiaco di un feto – di solito intorno alle sei settimane – e prima che la maggior parte delle donne sappia di essere incinta.

I fornitori di aborti, che chiedono l’intervento della Corte Suprema, hanno affermato che la legge escluderà l’85 per cento degli aborti in Texas e costringerà molte cliniche a chiudere.

La pianificazione familiare è tra i fornitori di aborti che hanno smesso di programmare aborti dopo sei settimane di gravidanza.

Sedia nello studio del medico.
I cittadini del Texas saranno ora in grado di intraprendere azioni legali contro i fornitori di aborti nello stato.(

Corrispondente estero: Whitney Curtis

)

Almeno altri 12 stati hanno promulgato divieti di aborto all’inizio della gravidanza, ma a tutti è stato vietato di entrare in vigore.

In questa legge del Texas, i privati ​​cittadini possono intraprendere azioni legali contro i fornitori di aborti e chiunque sia coinvolto nel facilitare gli aborti.

Chiunque faccia causa con successo a un’altra persona ha diritto a un minimo di $ 10.000 ($ 13.600).

Il Texas ha sempre avuto alcune delle restrizioni all’aborto più dure del paese.

Un gruppo composto principalmente da donne che urlano e sventolano striscioni a favore della scelta per protestare contro le leggi restrittive sull'aborto.
Gli attivisti pro-choice sperano che la Corte Suprema degli Stati Uniti annulli la nuova legge del Texas.(

Afp: Jay Gunner/Austin statista americano

)

Un’ampia legge approvata nel 2013 è stata infine ribaltata dalla Corte Suprema, chiudendo più della metà delle oltre 40 cliniche per aborti dello stato.

I politici stanno anche avanzando in una sessione speciale in corso in Texas con proposte nuove restrizioni sulla cosiddetta pillola anticoncezionale, che rappresenta circa il 40% degli aborti negli Stati Uniti.

AP / ABC

READ  Due morti e 180 feriti durante gli scontri tra polizia israeliana e palestinesi a Gerusalemme