Maggio 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Federal Reserve provoca volatilità sui mercati finanziari

unbanche centrali Combattendo la peggiore inflazione in una generazione, stanno invertendo le politiche del denaro facile dell’ultimo decennio. La Federal Reserve ha alzato i tassi di interesse questa settimana di mezzo punto percentuale e ha annunciato che presto ridurrà il suo portafoglio di obbligazioni. La Bank of Australia, che non molto tempo fa prevedeva di mantenere i tassi di interesse vicini allo zero fino al 2024, ha sorpreso gli investitori alzandoli il 3 maggio di un quarto di punto. Quando abbiamo pubblicato la nostra edizione settimanale, la Banca d’Inghilterra avrebbe dovuto aumentare i tassi di interesse al livello più alto dal 2009.

Anche se i prezzi delle azioni sono aumentati dopo l’aumento dei tassi della Fed – in apparente sollievo dal fatto che non si sta restringendo più velocemente – i mercati finanziari si sono adattati dolorosamente alla realtà della stretta monetaria. I mercati azionari globali sono scesi dell’8% ad aprile e dell’11% nel 2022, con prezzi per gli investitori più elevati e tassi di crescita inferiori. Il 2 maggio, il rendimento del Tesoro USA a 10 anni, che si muove inversamente ai prezzi, ha raggiunto brevemente il 3% (vedi grafico), quasi il doppio del livello di inizio anno.

Un risultato dell’inasprimento delle condizioni finanziarie è il repricing delle valute. Il dollaro è aumentato del 7% rispetto a un paniere di valute nell’ultimo anno. L’America ha bisogno di tassi di interesse più alti rispetto a qualsiasi altro paese ricco, a causa del suo surriscaldamento dell’economia e del mercato del lavoro. Tassi più alti in America stanno aumentando l’appetito degli investitori per il dollaro, aumentando la domanda per il dollaro causata dalla ridotta propensione al rischio altrove mentre infuriano le guerre in Ucraina e Cina per combattere il virus Corona. Il più sorprendente è stato l’aumento della valuta statunitense rispetto allo yen giapponese, l’unica valuta di un grande paese ricco in cui sembra improbabile che i tassi di interesse aumentino presto. In termini reali, lo yen è al minimo dagli anni ’70.

L’altro risultato è la crescita dei premi per il rischio poiché gli investitori sono preoccupati per le insidie ​​nel nuovo panorama economico. In America, le misure del “premio per il rischio di inflazione”, che aumentano quando i prezzi sono difficili da prevedere, sono ai massimi dal 1994. La liquidità nel mercato del Tesoro sembra indebolirsi. Lo spread sui titoli garantiti da ipoteca sui Treasury a 10 anni è raddoppiato dall’inizio dell’anno, riflettendo i timori che la Federal Reserve possa vendere i suoi titoli ipotecari. C’è stato un modesto aumento degli spread di credito societario poiché gli investitori valutano la possibilità che tassi più elevati renderanno difficile per le aziende il servizio del proprio debito. E in Europa, il differenziale tra ciò che il governo tedesco e quello italiano devono pagare per indebitarsi per dieci anni è aumentato a causa del rischio che una politica monetaria più restrittiva renda difficile per l’Italia far fronte al suo elevato debito.

READ  Shibuh Shubh è un wine bar Brunswick West semplice e molto ricercato

Il terzo effetto è la scarsa performance di portafogli di investimento anche diversificati. In America, investire il 60% in azioni e il 40% in obbligazioni ha generato un rendimento medio annuo dell’11% dal 2008 al 2021, ma quest’anno ha perso il 10%. Mentre il 2021 segna l’apice di “tutto in rialzo” poiché la maggior parte delle attività è aumentata di prezzo, il 2022 potrebbe segnare l’inizio di “tutto in calo”, con la fine dei tassi bassi resi possibili dalla bassa inflazione, la base macroeconomica per investimenti elevati ritorna.

Con gli investitori in difficoltà, i responsabili della politica monetaria potrebbero essere tentati di cambiare rotta. Se smettono di aumentare i tassi di interesse e lasciano salire l’inflazione, gli obbligazionisti perderanno denaro, ma ne trarranno vantaggio gli asset più resistenti all’inflazione, come azioni e case. Il dollaro cadrà, il che aiuta molti paesi che valutano alcune delle loro esportazioni o debiti in dollari.

Tuttavia, è dovere delle banche centrali, inclusa la Federal Reserve, rispondere all’economia interna e fermare l’inflazione persistente a un livello intollerabile. Condizioni finanziarie più restrittive sono una conseguenza naturale dell’aumento dei tassi di interesse e l’adeguamento ha ancora molta strada da fare. Gli investitori continuano a scommettere che i tassi di interesse statunitensi raggiungeranno un picco di poco superiore al 3%. È improbabile che sia abbastanza alto da frenare l’inflazione core, che è salita oltre il 5% secondo la misura preferita dalla Fed. Ci aspetta altro dolore.