Maggio 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La diffamazione fa parte del kit di strumenti di Boris Johnson, ma potrebbe essere la causa della sua corruzione | Boris Johnson

Se la premiership di Boris Johnson giunge a una fine umiliante nei prossimi giorni, non sarà solo perché ha permesso che le chiassose feste di chiusura a Downing Street si svolgessero durante la sua sorveglianza, ma perché ha mentito su di loro.

Quando le accuse del partito sono emerse per la prima volta, Johnson ha detto ai membri della Camera dei Comuni che la guida di Covid era stata “completamente seguita al numero 10”, e in un’altra occasione – con forza – è stato “ripetutamente sottolineato” che non c’erano partiti.

Sembra ora difficile credere a queste due affermazioni, come è evidente in Johnson Gli strenui sforzi dei suoi sostenitori per difenderlo. Conor Burns, un filo-assurdo negativo, è sceso a nuove profondità questa settimana dicendo che il primo ministro era “Imboscata di torta”.

Mercoledì i laburisti hanno affermato che c’erano più prove di bugie quando è stato appena rilasciato Le e-mail del Dipartimento di Stato sembrano contraddire l’insistenza di Downing Street Johnson non ha autorizzato personalmente il controverso salvataggio di cani e gatti da un ente di beneficenza britannico in Afghanistan.

Anche i ministri di gabinetto che l’hanno avallato nei giorni scorsi hanno sottolineato la santità della legge ministeriale, che afferma esplicitamente che “i ministri che intenzionalmente fuorviano il Parlamento sono tenuti a presentare le proprie dimissioni”.

Citando la legge mercoledì, il leader laburista Keir Starmer ha invitato Johnson a dimettersi immediatamente. Ma sulla base della metà delle scuse del primo ministro per la sua presenza Festa “Porta il tuo liquore”. Nel maggio 2020, che ha insistito sul fatto che pensava si trattasse di un “evento d’affari”, sembra probabile che sostenga che se ha fuorviato il Parlamento, lo ha fatto inavvertitamente.

READ  Putin cerca di difendere l'invasione dell'Ucraina nel discorso del D-Day

Amber Rudd si è dimessa dalla carica di ministro degli interni nel 2018 quando ha scoperto di aver “inavvertitamente fuorviato” il comitato ristretto degli affari interni, ma sembra improbabile che Johnson adotti lo stesso approccio. I suoi alleati insistono sul fatto che combatterà qualsiasi voto di sfiducia.

Coloro che hanno lavorato a stretto contatto con Johnson nel corso degli anni affermano che mentire è una parte consolidata della sua costituzione psicologica e del suo kit di strumenti politici. Il suo primo istinto, quando è preso da un punto di vista politico, è di dire una bugia deliberata, dicono. In effetti, suggeriscono che, nel tempo, Johnson arrivi a credere nella sua versione della realtà mentre esce dai guai.

“In un certo senso è quasi una superpotenza”, ha detto un ex collega con qualcosa che si avvicinava al timore reverenziale.

È stato licenziato due volte in passato per aver mentito. Nel 1988, il Times si sbarazzò di lui dopo che aveva inventato citazioni in una notizia. In seguito ha ammesso di aver “lucidato qualcosa che qualcuno ha detto con carta vetrata leggera”.

In qualità di membro del Parlamento nel 2004, è stato espulso dall’avanguardia del Partito conservatore, non a causa di una relazione, ma per non aver divulgato la questione. Ha descritto le accuse di una relazione a lungo termine con la collega Spectator Petronella Wyatt come una “chiacchierata completa”.

Durante il concorso per la leadership del Partito conservatore del 2019, i parlamentari conservatori che hanno poi confrontato le note hanno scoperto che ha fatto loro promesse completamente contraddittorie sulla posizione che avrebbe assunto su determinate politiche.

READ  La Cina accusa gli Stati Uniti e il Canada di minacciare la pace dopo che le sue navi da guerra hanno attraversato lo stretto di Taiwan

Niente di tutto ciò sembrava importare molto quando la bugia grottesca faceva parte del carattere del diavolo i cui deputati credevano abbia reso Johnson il “politico di Heineken”, raggiungendo gruppi di elettori che il Partito conservatore aveva precedentemente lottato per vincere.

Ed è stato un pezzo dell’approccio spietato che lui e la sua banda di veterani del Congedo di voto hanno adottato per distruggere la Brexit, anche quando significava aggiornare il Parlamento o strappare una frusta a parlamentari anziani di lunga data.

Poco più di due anni dopo che Johnson si è assicurato una maggioranza parlamentare schiacciante e ha effettivamente “finito la Brexit”, potrebbe essersi innamorato dei tratti altamente dissidenti che lo hanno aiutato a entrare a Downing Street, non ultima la sua incapacità di aggrapparsi alla verità.