Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Corte Suprema dell'Albania esamina il controverso accordo sull'asilo con l'Italia

La Corte Suprema dell'Albania esamina il controverso accordo sull'asilo con l'Italia

Giovedì la Corte Costituzionale albanese esaminerà il controverso accordo concordato con l'Italia per l'apertura di due centri di detenzione sul suolo albanese per i migranti soccorsi nelle acque italiane.

L’accordo, firmato l’anno scorso dai primi ministri italiano e albanese, è stato condannato dai partiti di opposizione e dai gruppi per i diritti umani in entrambi i paesi, provocando un ricorso legale da parte della Corte Suprema di Tirana.

“L'accordo, che deve essere approvato in anticipo dal presidente della repubblica, è contrario alle norme internazionali sui diritti dei migranti”, ha dichiarato in un comunicato la coalizione dei partiti di opposizione in Albania.

L'opposizione di destra albanese ha criticato il primo ministro Edi Rama per la mancanza di trasparenza e consultazione dell'accordo, definendolo “un atto irresponsabile e pericoloso per la sicurezza nazionale”.

Pubblicità – Scorri per continuare

A dicembre la Corte Costituzionale ha sospeso le procedure per ratificare l'accordo nel parlamento albanese, dove il partito di Rama ha una solida maggioranza.

I procedimenti giudiziari inizieranno alle 10:00 (09:00 GMT).

I giudici hanno tempo fino al 6 marzo per pronunciarsi, ma fonti vicine alla questione hanno detto all'AFP che la loro decisione potrebbe essere resa prima della scadenza “considerati gli interessi sia dell'Albania che dell'Italia nel caso”.

Pubblicità – Scorri per continuare

L'accordo prevede la creazione di due centri vicino al porto Schengen, dove i migranti potranno registrarsi per chiedere asilo, nonché di strutture nella stessa zona per ospitare coloro che attendono una risposta alle loro richieste.

Secondo le stime ufficiali, i due centri, gestiti dall’Italia, possono ospitare fino a 3.000 migranti al mese.

Funzionari albanesi hanno affermato che l'accordo è in linea con i precedenti accordi firmati con il governo italiano, insieme alle leggi internazionali che regolano i diritti dei richiedenti asilo e alla costituzione del Paese.

“Non venderemo un pezzo di terra all'Albania”, ha detto il mese scorso il ministro degli Interni Dowland Balla in un'intervista all'AFP.

“Quando allestiamo un'ambasciata, di solito regaliamo questa terra all'Italia.”

La giurisdizione all'interno del campo appartiene all'Italia, ma il territorio resterà in mano albanese, ha aggiunto.

Pubblicità – Scorri per continuare

Secondo le autorità albanesi, l'Italia coprirà interamente i costi di costruzione dei due centri e delle infrastrutture necessarie, nonché i costi relativi alla protezione e alle cure mediche dei richiedenti asilo.

L’Italia ha assistito a un drammatico aumento degli arrivi di migranti negli ultimi mesi, dagli 88.000 dell’anno precedente ai 145.000 del 2023.

Rama ha definito l'accordo un gesto di “solidarietà” nei confronti dell'Italia, che ha aperto le sue porte a migliaia di albanesi dopo la caduta del regime comunista all'inizio degli anni '90.

bme/cbo/ds/bc/dhw