Giugno 30, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La compagnia cinematografica spagnola ospita la coproduzione

La compagnia cinematografica spagnola ospita la coproduzione

La presenza della Spagna a Cannes quest’anno offre una testimonianza dell’evoluzione della scena della coproduzione, nonché delle preoccupazioni economiche che guidano la ricerca di partner internazionali e delle ambizioni di una generazione altamente cosmopolita di registi che guidano la produzione di cinema artistico in Spagna.

Quattro lungometraggi spagnoli hanno fatto scalpore a Cannes quest’anno: l’ingresso di Albert Serra nel concorso “Pacifiction”; Rodrigo Soroguín “The Beasts” alla prima; Un titolo classico era di José Luis Lopez Linares “Goya, Carrier and the Ghost of Buñuel”; E il concorso bisettimanale per registi “El Agua” di Elena Lopez Riera.

Tutti e quattro sono coproduzioni internazionali. Sempre a Cannes, una mostra della Spanish Producers Network, sostenuta da ICEX Trade and Investment e dall’ICAA Film Institute, metterà in evidenza otto potenziali progetti di coproduzione all’estero.

La fiorente scena co-pro della Spagna è una reazione alle sfide del mercato locale. Il 29 aprile, il Berlinal “Alcarràs” di Carla Simon, vincitore dell’Orso d’oro, è diventato un film evento, registrando un’impressionante vendita di 60.000 biglietti nel primo fine settimana e accumulando il miglior fatturato medio di stampa di qualsiasi uscita spagnola quest’anno. Tuttavia, la maggior parte dei film d’autore in Spagna affonda senza lasciare traccia. Quindi i registi indipendenti in Spagna hanno bisogno di un secondo paese per produrre film con qualsiasi ambizione.

afferma Alex Lafuente, co-fondatore della società di produzione e distribuzione indipendente Bteam Pictures.

Altri fattori spingono i registi a guardare fuori.

“Abbiamo lavorato per anni per ottenere visibilità internazionale, pensando alla cooperazione internazionale fin dall’inizio”, afferma Lafuente. “Questo genera molti film spagnoli nei festival internazionali e sviluppa la capacità di portarli fuori dai nostri confini”.

READ  La peggior ricetta di Giada De Laurentiis è una "cattiva idea" - 1 recensore dice "è schifoso"

Inoltre, la nuova generazione di registi spagnoli – che sono altamente cosmopoliti, collaborano appassionatamente, rivolti verso l’esterno, molti dei quali hanno studiato all’estero – sono in gran parte riluttanti a girare film basati esclusivamente in un paese.

“Dobbiamo co-produrre in modo che il nostro film sia nei festival, in modo che agenti di vendita internazionali e distributori si impegnino a portarlo in altri paesi”, afferma Maria Zamora, produttrice di “Alcarràs”, co-fondatrice di Elastica Films.

La coproduzione può aiutare a lanciare progetti complessi sul campo. “I forum di coproduzione mi attraggono molto. Credo fermamente nell’universalità: queste storie, non importa quanto locali, possono raggiungere molti luoghi”, afferma Zamora, che ha intervistato il produttore di Kino Produzione Giovanni Bombelli al TorinoFilmLab. Successivamente è passato ad “Alcarràs” come co-produttore, consentendo al film di beneficiare di un fondo di coproduzione di minoranza italiana.

Anche i progetti presentati ai workshop internazionali di scrittura e sviluppo generano un entusiasmo iniziale e consentono ai produttori di ricevere feedback.

Poiché il pubblico in Spagna trascorre sempre più tempo con la televisione di fascia alta creata dagli autori, i produttori cinematografici cercano titoli stranieri per finanziare i titoli.

La sfida, ha affermato Pedro Hernandez di Aquí y Allí Films a Madrid, è che “è davvero difficile per un co-produttore raccogliere $ 315.225 e $ 525.375 dall’estero per investire in un film che probabilmente sarà girato in Spagna”.

Il governo centrale e regionale della Spagna sta esplorando un’altra strada.

Con l’ICAA Film Protection Fund fissato a 102,24 milioni di dollari per il 2022, il gabinetto spagnolo a febbraio ha approvato una richiesta di sostegno selettivo da 16,9 milioni di dollari per progetti di produzione, con un minimo del 5% (844.000 dollari) destinato alle coproduzioni di minoranza con società straniere.

READ  Gaumont Produttore di "Lupin" e "Narcos" su spinoff e serie future - Scadenza

Nel 2020, l’Istituto catalano delle istituzioni culturali (ICEC) ha lanciato un fondo di coproduzione di 1,26 milioni di dollari per una minoranza i cui fondi non possono superare il 60% – con un massimo di 316.200 dollari – della quota del produttore locale. Il finanziamento deve essere garantito al 40% del budget totale del progetto.

Inoltre, il governo regionale della Galizia stanzia parte di un fondo di 2,64 milioni di dollari per la coproduzione internazionale con la partecipazione di una minoranza spagnola.

La coordinatrice cinematografica delle Isole Canarie Natasha Mora ha affermato che le Isole Canarie, in cima all’ondata mondiale di film e televisione con il suo incredibile incentivo fiscale del 50% per le riprese, stanno “lavorando sull’azione” per lanciare un fondo di coproduzione di minoranza. diverso.

Bteam ha beneficiato del fondo di coproduzione catalana per il progetto “Quién Mató a Narciso?” , una coproduzione europea e latinoamericana con La Babosa Cine in Paraguay, per la regia di Marcelo Marinisi “Le ereditiere”.

Tali fondi sono necessari. Ci permette di partecipare a progetti europei o latinoamericani dove spesso troviamo molte difficoltà da fare in Spagna, non solo per i requisiti di cittadinanza, ma anche per le condizioni di finanziamento”, afferma Alex Lafuente di Bteam.

“L’ICAA ha stanziato fondi per sussidi selettivi per poter co-produrre film teatrali, ma è molto limitato”, osserva.

I progetti in primo piano hanno anche accesso a molti fondi internazionali come il Programma Media dell’Unione Europea, Eurimages e Ibermedia.

Nel frattempo, l’Europa, in particolare la Francia, continua ad abbracciare importanti autori spagnoli. Kan sottolinea questo punto.

Solo un esempio: Arcadia Motion Pictures, Caballo Films di Sorogoyen e Cronos Entertainment producono “The Beasts” venduto da Latido, con la francese Le Pacte, partner regolare di Sorogoyen Films, come co-produttore.

READ  Guarda il mondo in un fagiolo del Bengala

“Avere un coproduttore francese aiuta a posizionare il film in Francia. Se è un partner forte, è un valore aggiunto”, afferma Hernandez, produttore di “Aquí y allá” di Antonio Méndez Esparza, vincitore del primo premio alla Critica ‘ Settimana a Cannes nel 2012. .

“Ma ci sono giovani registi spagnoli che stanno suscitando interesse al di fuori del mercato francese”, sostiene.

Un esempio: il servizio di streaming globale MUBI ha recentemente acquisito in Nord America, Regno Unito, Irlanda e America Latina, tra le altre regioni, “Alcarràs” di Carla Simon, in un accordo concluso dall’agente di vendita francese MK2 che includeva l’uscita nelle sale del film .