Aprile 18, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Cina simula di colpire Taiwan nel secondo giorno delle esercitazioni

La Cina simula di colpire Taiwan nel secondo giorno delle esercitazioni

A partire da domenica a mezzogiorno, il ministero della Difesa di Taiwan ha dichiarato di aver avvistato 58 aerei cinesi, inclusi caccia Su-30 e bombardieri H-6, oltre a nove navi intorno a Taiwan.

Il ministero ha affermato di prestare particolare attenzione alla forza missilistica dell’Esercito popolare di liberazione, che è responsabile del sistema missilistico terrestre cinese.

“Per quanto riguarda i movimenti delle forze missilistiche dei comunisti cinesi, anche l’esercito della nazione ha una stretta comprensione attraverso il sistema congiunto di intelligence, sorveglianza e ricognizione, e le forze di difesa aerea rimangono in allerta”, ha affermato il ministero.

I filmati trasmessi dalla televisione cinese mostrano navi cinesi che navigano nello stretto di Taiwan. CCTV

Ha ribadito che le forze taiwanesi “non intensificheranno i conflitti e non causeranno litigi” e risponderanno “in modo appropriato” alle esercitazioni cinesi.

Gli Stati Uniti stanno osservando le esercitazioni

La vita a Taiwan è andata avanti normalmente, senza alcun segno di panico o tumulto dovuto alle esercitazioni cinesi.

Lo scorso agosto, in seguito alla visita a Taipei di Nancy Pelosi, allora presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, la Cina ha organizzato giochi di guerra intorno a Taiwan, compreso il lancio di missili nelle acque vicino all’isola. Questa volta non ha annunciato esercizi simili.

Mentre era a Los Angeles la scorsa settimana, in quello che è stato ufficialmente descritto come un transito di ritorno dal Centro America, Tsai ha incontrato l’attuale presidente della Camera dei Rappresentanti, Kevin McCarthy, nonostante gli avvertimenti di Pechino contro di esso.

L’attuale ambasciata americana a Taiwan ha dichiarato domenica che gli Stati Uniti stanno osservando da vicino le esercitazioni della Cina intorno a Taiwan ed è “a proprio agio e fiducioso” di disporre di risorse e capacità sufficienti a livello regionale per garantire pace e stabilità.

READ  Migliaia di persone scendono a Sydney, Melbourne, per protestare contro la decisione degli Stati Uniti sull'aborto

Un portavoce dell’American Institute a Taiwan, che funge da ambasciata in assenza di relazioni diplomatiche formali, ha affermato che i canali di comunicazione degli Stati Uniti con la Cina rimangono aperti e gli Stati Uniti hanno costantemente sollecitato moderazione e non modificare lo status quo.

Washington ha interrotto le relazioni diplomatiche con Taipei a favore di Pechino nel 1979, ma è tenuta per legge a fornire all’isola i mezzi per difendersi.

La Cina, che non ha rinunciato all’uso della forza per portare l’isola sotto il suo controllo, afferma che Taiwan è la questione più importante e delicata nei suoi rapporti con gli Stati Uniti, e il tema è una frequente fonte di tensione.

Pechino considera Tsai una separatista e ha respinto i suoi ripetuti appelli a colloqui. Tsai dice che solo il popolo di Taiwan può decidere del proprio futuro.

Combattenti e navi da guerra cinesi

Negli ultimi tre anni circa, la Cina ha intensificato la sua pressione militare contro Taiwan, effettuando missioni regolari intorno a Taiwan, ma non nel suo spazio aereo territoriale o sopra l’isola stessa.

Il ministero della Difesa di Taiwan ha dichiarato domenica scorsa che nelle ultime 24 ore ha rilevato 71 aerei dell’aeronautica cinese e nove navi della marina intorno a Taiwan.

Il ministero ha pubblicato una mappa che mostra circa la metà di quegli aerei, inclusi Su-30 e J-11, che attraversano la linea mediana dello Stretto di Taiwan, che per anni è servito da barriera non ufficiale tra le due sponde.

I media statali cinesi hanno affermato che gli aerei erano armati con armi vere. Gli aerei dell’aeronautica taiwanese di solito trasportano armi vere quando si arrampicano per respingere i raid cinesi.

READ  La Russia annuncia droni lontani dai confini - DW - 03/11/2024

Sabato scorso, il Consiglio per gli affari oceanici di Taiwan, che gestisce la guardia costiera, ha pubblicato un filmato sul suo canale YouTube che mostra una delle sue navi che blocca una nave da guerra cinese, sebbene la sua posizione esatta non sia stata specificata.

Lei danneggia gravemente la pace, la stabilità e la sicurezza nella regione. Per favore, girati e vattene immediatamente. “Se continui a procedere, prenderemo misure di espulsione”, ha detto via radio uno degli ufficiali della guardia costiera alla nave cinese.

Altri filmati mostravano una nave da guerra taiwanese, la Di Hua, che scortava la nave della guardia costiera in quello che un ufficiale della guardia costiera definisce uno “scontro” con la nave da guerra cinese.

Tuttavia, i voli civili intorno a Taiwan, compresi Kinmen e Matsu, due gruppi di isole controllate da Taiwan vicino alla costa cinese, sono continuati normalmente.

Ad agosto, il traffico aereo civile è stato interrotto dopo che la Cina ha dichiarato effettive no-fly zone in diversi blocchi vicino a Taiwan dove stava lanciando missili.

Reuters