Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il villaggio italiano crea il proprio sole dopo secoli di oscurità

Il villaggio italiano crea il proprio sole dopo secoli di oscurità

Viganella, un villaggio italiano privato della luce solare per secoli, ha installato uno specchio gigante nelle profondità delle Alpi per riflettere i preziosi raggi, portando ogni tipo di calore alla sua fredda comunità.


Pisa è stata recentemente definita una delle destinazioni turistiche più deludenti che il paese altrimenti scintillante dell'Italia ha da offrire. Tuttavia, il piccolo villaggio di Viganella potrebbe essere un caldo contendente per il primo posto… ma “caldo” non è proprio la parola chiave, poiché il villaggio è stato avvolto nell'oscurità invernale per secoli. Almeno finché gli abitanti del villaggio non avranno un’idea brillante…

Isolata ai margini settentrionali dell'Italia mentre l'inverno estende la sua morsa ghiacciata su una vasta distesa di terreno alpino, Viganella è una delle numerose comunità avvolte nell'oscurità per mesi. La strana situazione del villaggio, situato al confine tra Svizzera e Italia, è la seguente: da novembre a febbraio, il sole si ritira dietro le alte montagne, immergendo la città in un eterno crepuscolo.

CORRELATO: Errori di moda che dimostrano che sei un turista in Italia

A Oltre 800 inverni, agli abitanti di Viganella mancava la luce del sole e le loro giornate erano avvolte da un'oscurità sempre crescente. Nell'oscurità perpetua, lo spirito di innovazione brillava… Mi rivelavo.

Nel 1999, l'architetto locale Giacomo Bonzani decise che era troppo. La sua visione per un futuro migliore? Sfrutta la potenza della luce solare e porta il bagliore nel cuore della storica piazza di Viganella. Lavorando con l'ingegnere Gianni Ferrari, la coppia ha trovato una soluzione unica: uno specchio gigante che sovrasta una collina vicina che catturasse i raggi del sole e li riflettesse sulla città sottostante.

READ  L'Italia vieta il chatbot AI ChatGPT a causa di errori nella privacy dei dati
Immagine: Angela Larcher

Dopo anni di lavoro, il loro sogno si è avverato il 17 dicembre 2006. Il vetro, largo otto metri e alto cinque, si è aperto ed è diventato un faro di speranza per il villaggio di Surya Patini. Guidato da un software allora sofisticato, lo specchio tracciava il percorso del sole nel cielo, inondando la piazza principale di Viganella di sei ore di preziosa luce solare ogni giorno.

“Uno specchio alto 5 metri e largo 8 segue il movimento del sole e riflette i suoi raggi sulla storica piazza di Viganella. Lo specchio è costato circa 100.000 euro.

Reuters

L’impatto è stato immediato e profondo. Quando finalmente la luce del sole splendette sulle strade acciottolate e sulle facciate secolari, Viganella visse una rinascita nella vita sociale. Gli anziani che un tempo erano confinati nelle loro case a causa del freddo estremo, ora osano fare il bagno nel calore moderato del sole artificiale. La piazza della città, una volta deserta, divenne un vivace centro di attività.

Al di là del suo utilizzo pratico, lo specchio rappresenta qualcosa di più profondo. L’ex sindaco Franco Mitali ha espresso in modo eloquente questo sentimento:

“L'idea alla base del progetto non ha basi scientifiche, ma umane… Nasce dal desiderio di far socializzare le persone in inverno”.

Franco Midali

La soluzione innovativa di Viganella ha ispirato comunità di tutto il mondo ad affrontare problemi simili. Dai paesaggi innevati della Norvegia ai fiordi senza sole dell’Islanda, il concetto di sfruttare la luce solare attraverso gli occhiali ha ispirato soluzioni simili in tutto il mondo.