Settembre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris ha lanciato un duro rimprovero a Pechino sul Mar Cinese Meridionale

Il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris ha accusato Pechino di continuare “coercizione” e “intimidazione” nel Mar Cinese Meridionale e ha promesso che Washington avrebbe cercato la libertà e l’apertura all’Indo-Pacifico.

Sono arrivati ​​i suoi commenti Durante un viaggio a Singapore e prima di una visita in Vietnam, in cui i funzionari statunitensi mirano a riaffermare l’impegno di Washington nella regione e ad affrontare le preoccupazioni sulle rivendicazioni della Cina sulle parti contese del Mar Cinese Meridionale.

“Sappiamo che Pechino continua a costringere, intimidire e rivendicare la stragrande maggioranza del Mar Cinese Meridionale”, ha detto Harris in un discorso a Singapore.

“Queste accuse illegali sono state respinte dal tribunale arbitrale del 2016 e le azioni di Pechino continuano a minare l’ordine basato sulle regole e minacciano la sovranità degli stati”, ha affermato, riferendosi a una sentenza del tribunale internazionale sulle accuse della Cina all’Aia.

La Cina ha respinto la sentenza e ha confermato la sua pretesa sulla maggior parte delle acque situate all’interno della cosiddetta Dash Line IX, contesa anche da Brunei, Malesia, Filippine, Taiwan e Vietnam.

La Cina ha allestito avamposti militari su isole artificiali in acque ricche di gas e campi di pesca.

La US Navy, in una dimostrazione di forza contro le rivendicazioni territoriali cinesi, conduce le cosiddette operazioni di “libertà di navigazione” in cui le sue navi passano vicino ad alcune delle isole contese.

La Cina, a sua volta, si oppone alle missioni americane. Dicono che non stanno aiutando a promuovere la pace o la stabilità.

Gli Stati Uniti mettono da anni il confronto con la Cina al centro della loro politica di sicurezza nazionale, e l’amministrazione del presidente Joe Biden ha definito la rivalità con Pechino “la più grande prova geopolitica” del secolo.

Ma un alto diplomatico cinese ha accusato Washington il mese scorso di creare un “nemico immaginario” per distogliere l’attenzione dai problemi interni e opprimere la Cina.

  Kamala Harris e il presidente di Singapore Halima Yacoub siedono uno di fronte all'altro, dietro le guardie e le bandiere di Singapore.
La signora Harris ha incontrato lunedì i leader di Singapore, dove ha concluso accordi sulla sicurezza informatica e la lotta ai cambiamenti climatici. (

Reuters: Evelyn Hochstein

)

La signora Harris lunedì ha incontrato il primo ministro di Singapore Lee Hsien Loong e il presidente Halimah Yacob durante un viaggio volto a rafforzare i legami con i partner nella regione come parte degli sforzi di Washington per contrastare la crescente influenza economica e di sicurezza della Cina.

“Le nostre partnership a Singapore, nel sud-est asiatico e in tutta la regione indo-pacifica sono una priorità assoluta per gli Stati Uniti”, ha affermato la Harris martedì, aggiungendo che la regione è “estremamente importante per la sicurezza e la prosperità della nostra nazione”.

Parte della sua missione durante il viaggio sarà convincere i leader della regione che l’impegno di Washington nel sud-est asiatico è coerente e non parallelo all’Afghanistan.

Il presidente degli Stati Uniti Biden ha affrontato critiche per la sua gestione del ritiro delle forze statunitensi La caotica evacuazione dopo la presa di potere di Al-Barq da parte dei talebani.

La Harris ha ribadito che gli Stati Uniti sono “concentrati al laser” sulla missione di “evacuazione sicura di cittadini americani, partner internazionali, afgani che hanno lavorato al nostro fianco e altri afghani a rischio”.

Ha anche affermato che gli Stati Uniti si sono offerti di ospitare una riunione dell’Asia-Pacific Trade Group APEC nel 2023, che include Stati Uniti, Cina e Giappone.

Reuters

READ  Con l'inizio delle misure di emergenza per il coronavirus emergente, gli indonesiani "gridano" | Notizie sulla pandemia del virus corona