Aprile 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il telescopio Hubble cattura i cambiamenti di Giove e Urano

Il telescopio Hubble cattura i cambiamenti di Giove e Urano

(CNN) Il tempo sta lentamente cambiando su Giove e Urano, secondo il meteorologo interplanetario della nostra galassia.

Il telescopio spaziale Hubble della NASA ha catturato immagini degli esopianeti vicini alla Terra dal 2014 al 2022, documentando i cambiamenti nel tempo e nelle stagioni dei pianeti nel tempo.

con Giove Si trova a circa 484 milioni di miglia (779 milioni di km) dal nostro Sole Urano A circa 1,8 miliardi di miglia (3 miliardi di chilometri) di distanza, ciascuno impiega più tempo per orbitare attorno al sole, il che significa che le stagioni sono più lente. Ma i giganti gassosi affrontano ancora condizioni meteorologiche avverse. Ciò è particolarmente vero per Urano, con il suo asse stranamente inclinato che fa sì che un emisfero sia completamente privo di luce solare per 42 anni alla volta.

Nell’immagine Hubble di Urano del novembre 2022, il polo nord del pianeta contiene un grande cerchio biancastro, causato da una fitta foschia fotochimica simile allo smog proveniente dalle città, insieme a diverse tempeste vicino al bordo del cerchio, secondo la NASA.

In una delle prime immagini dell’Exoplanet Atmosphere Legacy Program, o OPAL, del telescopio spaziale Hubble, la calotta polare settentrionale di Urano appare molto più luminosa rispetto alla sua apparizione nell’immagine del novembre 2014. Un team di ricerca della NASA sta monitorando le dimensioni e la luminosità del calotta polare settentrionale e riferisce che la foschia appare più luminosa ogni generale.

“La mia opinione sui pianeti da bambina è sempre stata che fossero molto statici. Avevi un’immagine da manuale; non li vedevi cambiare. E, naturalmente, non è vero. Queste sono atmosfere giganti, hmm”, ha detto la dottoressa Amy Simon, capo scienziato per la ricerca sull’atmosfera planetaria presso l’Università del Michigan, NASA, che ha partecipato a queste osservazioni di Hubble: Riprodurre continuamente il cambiamento.

READ  Il satellite Measat-3 della Malesia si deteriora in orbita geostazionaria

“Per comprendere i processi in corso, abbiamo solo bisogno di una maggiore copertura temporale. Un anno su Giove richiede 12 anni sulla Terra, e da lì peggiora solo. Stiamo cercando di costruire questo database in modo da poter comprendere i processi in corso su in queste atmosfere.”

Osservare i cambiamenti meteorologici

L’obiettivo di Project Opal è ottenere osservazioni di esopianeti per aiutare gli scienziati a comprenderli meglio Dinamica ed evoluzione atmosferica. Da quando hanno seguito la calotta polare di Urano e come cambia con le stagioni, gli scienziati hanno scoperto che nessuno dei due poli era luminoso durante l’equinozio economico del pianeta del 2007, quando era completamente illuminato dal Sole.

Nelle immagini scattate dal telescopio spaziale Hubble (a sinistra) nel 2014 e nel 2022, è evidente l’aumento delle dimensioni e della luminosità della calotta polare nord di Urano. La foschia luminosa copre il coperchio nell’immagine successiva.

Nel 2028, quando si avvicina il solstizio d’estate settentrionale, gli scienziati della NASA si aspettano che la calotta diventi più luminosa e Hubble darà una visione chiara perché il polo nord di Urano punterà direttamente verso la Terra.

Se stai pensando di tornare indietro Immagini originali Voyager di Urano, era solo una palla azzurra che non conteneva nulla. “Non hai visto le nuvole, non hai visto la nebbia, non hai visto niente… Allora c’era una calotta polare, ma non siamo riusciti a vederla”, ha detto Simon. Quello che abbiamo osservato nel tempo (usando Hubble), è questo accumulo di questa foschia in alto nell’atmosfera, e lo scopo esatto o l’esatto meccanismo dietro di esso, non lo sappiamo, questa è una delle cose che stiamo studiando. “

READ  La scoperta di un nuovo tipo di nucleo atomico

Sistema di tempesta della Grande Macchia Rossa

In questa immagine di gennaio di Giove, la Grande Macchia Rossa del pianeta è sotto i riflettori. Il punto, che in realtà è una gigantesca tempesta secolare, si protende accanto a una delle lune di Giove, chiamata Ganimede. È la luna più grande del sistema solare e leggermente più grande del pianeta Mercurio.

Questa immagine di Hubble mostra che la Grande Macchia Rossa è abbastanza grande da inghiottire la Terra, secondo la NASA.

Sebbene il vortice sia potente, gli scienziati hanno osservato che il punto si è ridotto nel corso degli anni e riferiscono che era alla sua dimensione più piccola di sempre, secondo i dati che includono dati che risalgono a 150 anni fa.

L’attività della tempesta di Giove è aumentata

Al lancio di Hubble nel 1990, non furono osservati uragani o temporali su Giove. Ma nell’ultimo decennio, le tempeste sono aumentate, con una serie di tempeste che appaiono in entrambe le immagini nel novembre 2022 e nel gennaio 2023. Se le tempeste si avvicinano abbastanza l’una all’altra, possono fondersi per formare una supertempesta ancora più grande. delle dimensioni della Grande Macchia Rossa, secondo la NASA.

“Siamo abbastanza abituati a vedere molti grandi cambiamenti su Giove. Vediamo nuvole che cambiano colore, vediamo tempeste in arrivo, abbiamo osservato la Grande Macchia Rossa – mi piacerebbe vedere scoppiare una grande tempesta su Urano , perché è uno dei pochi posti che tendiamo a non vedere. È molto”, ha detto Simon. “Se vediamo una grande tempesta svilupparsi su Urano (usando Hubble), sarei molto eccitato.”

Utilizzando Hubble, gli scienziati sono in grado di monitorare le atmosfere in continua evoluzione di questi esopianeti. Secondo una dichiarazione della NASA, “la nitidezza e la sensibilità di Hubble tengono d’occhio un caleidoscopio di attività complesse nel tempo”.

READ  Come realizzare occhiali per eclissi solare, visori per scatole di cereali e fotocamere stenopeiche per guardare lo spettacolo del 2024 in sicurezza