Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I blocchi pandemici hanno avuto impatti diversi sulla fauna selvatica

I blocchi pandemici hanno avuto impatti diversi sulla fauna selvatica

Le trappole fotografiche, che catturano automaticamente immagini di animali selvatici quando rilevano movimento e calore corporeo, sono diventate importanti strumenti di ricerca per i biologi della fauna selvatica. Il nuovo studio si basa sui dati di 102 diversi progetti di camera fit in 21 paesi. (La maggior parte era concentrata in Nord America o Europa, ma erano incluse anche Sud America, Africa e Asia.) I dati hanno permesso agli scienziati di studiare i modelli di attività di 163 diverse specie di mammiferi terrestri e di monitorare la frequenza con cui gli esseri umani compaiono anche negli stessi luoghi.

“Uno dei principali punti di forza di questo documento è che fornisce informazioni sia sugli esseri umani che sugli animali”, ha affermato Marlee Tucker. Ecologo della Radboud University nei Paesi Bassi, non è stato coinvolto nella nuova ricerca.

Durante il blocco dovuto alla pandemia, l’attività umana è diminuita in alcuni siti di progetto mentre è aumentata in altri. In ciascun sito di studio, i ricercatori hanno confrontato il numero di volte in cui sono stati rilevati animali selvatici durante un periodo di elevata attività umana e un periodo di bassa attività umana, indipendentemente dal fatto che la diminuzione dell’attività sia avvenuta durante il periodo di chiusura.

I carnivori, come lupi e linci, sembrano essere molto sensibili agli esseri umani, mostrando i maggiori cali di attività quando l’attività umana aumenta. “I carnivori, soprattutto quelli di grandi dimensioni, hanno una lunga storia di ostilità con gli esseri umani”, ha detto il dottor Burton. “Le conseguenze della collisione dei carnivori con le persone o dell’avvicinarsi troppo a loro spesso significano la morte”.

READ  Il sorvolo di Europa della NASA suggerisce che “qualcosa” si muove sotto il ghiaccio

D’altra parte, l’attività dei grandi erbivori, come cervi e alci, aumentava quando gli esseri umani erano all’aperto. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che gli animali devono semplicemente muoversi di più per evitare folle di persone. Ma se le persone aiutassero a tenere lontani i carnivori, potrebbe anche rendere più sicuro per gli erbivori uscire e giocare.

“Gli erbivori tendono ad avere meno paura delle persone e potrebbero effettivamente usarle come scudo contro i carnivori”, ha affermato il dottor Tucker, che ha elogiato gli autori dello studio per essere stati in grado di “disimballare tutte queste diverse influenze umane”.