Giugno 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Siamo a metà strada dal punto di non ritorno per lo scioglimento della calotta glaciale della Groenlandia

Una veduta aerea dei laghi di acqua di disgelo che si sono formati nella parte anteriore del ghiacciaio Russell, parte della calotta glaciale della Groenlandia a Kangerlussuaq, Groenlandia, il 16 agosto 2022. Di fronte a un muro di ghiaccio alto fino a 60 metri, che avanza di 25 metri (82 piedi) ) ogni anno, si trova a 25 km (16 miglia) a est di Kangerlussuaq nel comune di Qigata nella Groenlandia occidentale ed è incluso nel patrimonio mondiale dell’UNESCO Aasivissuit-Nipisat.

Lwimages Op | Getty Images Notizie | Immagini Getty

Una nuova ricerca pubblicata questa settimana sulla rivista Geophysical Research Letters rileva che le emissioni di carbonio sono a metà strada verso un punto critico, oltre il quale un innalzamento del livello del mare di 6 piedi dovuto allo scioglimento della calotta glaciale della Groenlandia sarà inarrestabile.

“Una volta che avremo emesso più di 1.000 gigatonnellate di carbonio in totale, non saremo in grado di impedire lo scioglimento completo della parte meridionale della calotta glaciale della Groenlandia a lungo termine, anche se in seguito smetteremo completamente di emettere carbonio. Questo scioglimento provocherebbe il livello del mare aumenterà di 1,8 metri”, Dennis Honingclimatologo presso Istituto di Potsdam per la ricerca sull’impatto climatico Chi è l’autore principale dello studio, ha detto alla CNBC. (1,8 metri è 5,9 piedi).

“Anche se questo scioglimento richiederà centinaia di anni, le generazioni future non saranno in grado di fermarlo”, ha detto Hueng.

Più la Terra supera il primo punto di non ritorno di 1.000 gigatonnellate di emissioni di carbonio, più velocemente si scioglierà la calotta glaciale della Groenlandia.

READ  Nuovi minerali, mai visti prima sulla Terra, sono stati trovati nel meteorite della Somalia

E ora, siamo arrivati ​​a quasi 500 gigatonnellate di emissioni di carbonio emesse.

“Le aree costiere saranno sicuramente le più colpite da questo, specialmente nei paesi poveri che non dispongono di una moderna gestione costiera”, ha detto Honing alla CNBC.

Gli scienziati trovati in Höning hanno detto Studi precedenti che la calotta glaciale della Groenlandia potrebbe sciogliersi completamente con un riscaldamento globale compreso tra 1 e 3 gradi Celsius (da 1,8 gradi a 5,4 gradi Fahrenheit).

Ma Hueng ha detto alla CNBC che le metodologie degli studi precedenti erano meno accurate perché le ipotesi fatte in quei modelli erano eccessivamente semplicistiche e quindi irrealistiche.

“Sebbene l’esplorazione dei punti critici legati alla temperatura sia utile per comprendere la stabilità del sistema, sono le emissioni cumulative di carbonio nel mondo reale che determinano se un punto critico viene superato o meno”, ha detto Höning alla CNBC. “Questo è il motivo per cui abbiamo esaminato per la prima volta i collegamenti tra le emissioni cumulative di carbonio e l’inversione della calotta glaciale della Groenlandia con un modello del sistema Terra completamente accoppiato, che include tutti i processi di feedback rilevanti”.

Honing ha usato un file Sistema informatico CLIMBER-X Che rappresenta l’evoluzione della Terra in lunghi periodi di tempo e la misura tutta nel suo articolo intitolato: Suscettibilità plurale e risposta transitoria della calotta glaciale della Groenlandia alle emissioni antropogeniche di anidride carbonica.

Misurare lo scioglimento della calotta glaciale della Groenlandia è difficile perché ci vuole molto tempo per sciogliersi e non avviene a un ritmo costante.

“Una volta superata una soglia critica, il comportamento del sistema cambia qualitativamente e si avvicina a un equilibrio completamente nuovo. Ciò è dovuto a meccanismi di feedback auto-rinforzanti: quando la calotta glaciale si scioglie, la sua superficie è esposta a temperature dell’aria più calde a quote più basse e lo scioglimento è inevitabile”, ha detto Huing alla CNN. NBC.

READ  Un nuovissimo bicchiere diamantato realizzato con buckyball in carbonio

È più accurato misurare le emissioni cumulative totali di carbonio, ha detto Höning, che sono quelle rilasciate dal 1850.

Ha aggiunto che se le emissioni totali di carbonio rimangono al di sotto della soglia di emissione di carbonio di 1.000 Gt, lo scioglimento della calotta glaciale della Groenlandia contribuirà “solo” di decine di centimetri all’innalzamento complessivo del livello del mare.

Il secondo punto critico rilevato nella ricerca si verificherà quando 2.500 gigatonnellate di emissioni di carbonio saranno rilasciate nell’atmosfera, a quel punto l’intera calotta glaciale della Groenlandia si scioglierà e il livello del mare aumenterà di 6,9 metri, o 22,6 piedi.

“Ci vorrà del tempo per il completo scioglimento, centinaia o addirittura migliaia di anni, specialmente se superiamo un po’ la soglia”, ha detto Hueng. “Sebbene la concentrazione di anidride carbonica nell’atmosfera diminuirà su queste lunghe scale temporali, non diminuirà abbastanza rapidamente da fermare lo scioglimento della calotta glaciale”.

Teoricamente, una tecnologia sintetica di rimozione dell’anidride carbonica potrebbe estrarre abbastanza carbonio dall’atmosfera abbastanza rapidamente dopo che uno di questi punti critici è stato raggiunto per recuperare l’inevitabile fusione. Ma non è un caso di studio degno di essere approfondito perché al momento non esiste la tecnologia per rimuovere questo volume di emissioni dall’atmosfera.

“Non siamo nemmeno vicini al punto in cui la decarbonizzazione è efficace”, ha detto Hueng alla CNBC.”Evitare le emissioni di carbonio è comunque molto più economico dell’energia necessaria per catturare nuovamente quel carbonio”.