Ottobre 22, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il regista Villeneuve spera di conquistare fan vecchi e nuovi con ‘Dune’

Il regista Villeneuve spera di conquistare fan vecchi e nuovi con 'Dune'

LONDRA: Denis Villeneuve spera di conquistare i fan con l’epico romanzo di fantascienza del 1965 di Frank Herbert “Dunes” e di introdurre nuove storie attraverso il suo adattamento cinematografico di successo, la produzione più impegnativa della carriera del regista canadese.

Timothée Chalamet e Zendaya sono i protagonisti dell’attesissimo film, che uscirà nei cinema statunitensi e britannici alla fine di questo mese e segue i precedenti tentativi di portare sul grande schermo il libro di 400 pagine di Herbert.

Ambientato in un futuro in cui le famiglie nobili governano i feudi dei pianeti, la storia segue Paul Atreides (Chalamet), il cui padre prende il controllo del pianeta Arrakis, noto come le dune di sabbia del suo popolo nativo, in competizione per l’esclusiva merce di spezie trovata nel suo aspro deserto.

“È stata la cosa più difficile che ho fatto nella mia vita”, ha detto a Reuters Villeneuve, meglio conosciuto per le sue ville Blade Runner 2049 e Sicario.

“Ho dovuto trovare un equilibrio tra le persone che hanno letto il libro… volevo che sentissero davvero che si trattava di un profondo omaggio allo spirito del libro. Allo stesso tempo, volevo coloro che non sapevano nulla del libro un libro per sentirsi accolti nel mondo, e non essere lasciati da parte.”

Il film di due ore e mezza, annunciato come la prima parte della storia, è il più grande progetto di Chalamet fino ad oggi, che secondo lui lo ha aiutato a collegare il personaggio di Paul con il superamento delle sue paure.

(Non ho mai lavorato a un progetto di queste dimensioni prima d’ora”, ha detto Chalamet. “A volte le cose che senti sul set possono essere trasferite nell’arco naturale o sviluppare la storia”.

READ  Rassegna gastronomica: i piatti italiani sono buonissimi

“Dunes” di Villeneuve segue il tentativo fallito di Alejandro Jodorowsky a metà degli anni ’70 e la versione critica di David Lynch del 1984.

Con i suoi paesaggi ampi e l’atmosfera oscura, questo film è stato elogiato dalla critica come uno spettacolo da vedere nelle recensioni.

È un libro che è stato la fonte di molte delle più grandi idee come “Star Wars”, ha detto l’attore Josh Brolin, che interpreta il maestro d’armi Gurney.

“Il film è stato girato in epoche diverse con capacità tecnologiche diverse. Ora siamo in un’era tecnologicamente avanzata in cui siamo in grado di vedere questa versione”.

Javier Bardem, che interpreta il leader della tribù Freemen Stillgar, ha detto che l’atmosfera sul set era calma.

“Non ho mai sentito questa pressione su (Villeneuve) quando lavorava con noi”, ha detto. “È enorme e non sarei in grado di tenerlo per me e ottenere l’umorismo, la gioia e l’atteggiamento che aveva”.

Villeneuve ha detto che è troppo presto per parlare di un sequel, ma Zendaya spera che il suo personaggio Chaney, che appare nelle visioni di Paul, venga esplorato.

“Chiunque abbia familiarità con i libri (sa) che c’è molto in cui immergersi e che c’è ancora molto da fare”, ha detto.

“In realtà è solo l’inizio. Quindi spero che potremo restare con questi personaggi ancora per un po'”.

(Segnalazione di Marie-Louise Jomochian; montaggio di Susan Fenton)