Agosto 5, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il primo processo di “sicurezza nazionale” di Hong Kong inizia senza giuria | notizie dal mondo

Il primo processo ai sensi della nuova legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong si terrà senza giuria, un momento storico nella tradizione giuridica in rapida evoluzione del centro finanziario.

Tong Ying Kit, 24 anni, è stato arrestato in base alla nuova legge il giorno dopo l’entrata in vigore, quando presumibilmente ha guidato la sua motocicletta verso un gruppo di agenti di polizia durante le proteste del 1 luglio dello scorso anno. Il suo processo inizia mercoledì.

Il filmato mostrava che la sua moto stava sventolando una bandiera che diceva “Hong Kong libera, rivoluzione del nostro tempo”, uno slogan di protesta popolare ora considerato illegale ai sensi della legge sulla sicurezza.

Tong è accusato di separatismo e terrorismo, oltre a un’accusa alternativa di guida pericolosa.

Due tribunali hanno respinto la richiesta di Tong di una giuria per esaminare il suo caso, che il suo team legale ha sostenuto essere un diritto costituzionale perché rischia l’ergastolo se condannato.

Il processo con giuria è stato una pietra angolare del sistema di common law di Hong Kong, vecchio di 176 anni, e la magistratura della città lo descrive sul suo sito web come una delle “caratteristiche più importanti” del sistema legale.

Ma la legge sulla sicurezza nazionale, redatta a Pechino e imposta a Hong Kong l’anno scorso dopo massicce e spesso violente proteste democratiche, consente ai casi di essere esaminati da tre giudici appositamente selezionati.

Il ministro della giustizia della città ha invocato il requisito che non ci sia una giuria per processare Tung, sostenendo che la sicurezza dei giurati potrebbe essere messa a repentaglio nella frenetica scena politica di Hong Kong, una decisione rivelata per la prima volta dall’AFP.

Il team legale di Tung non ha ancora deciso se portare il caso alla Corte d’appello finale di Hong Kong.

Tuttavia, la formulazione della legge sulla sicurezza di Pechino chiarisce che supera qualsiasi normativa locale in caso di controversia, cosa che le successive sentenze dei tribunali hanno già confermato.

Il caso di Tung è insolito perché è l’unica persona a Hong Kong accusata finora di un atto violento aperto ai sensi del Security Act.

Finora, più di 60 persone sono state accusate in base alla sentenza, inclusi alcuni noti attivisti democratici in città, ma i loro crimini sono legati a opinioni politiche o discorsi che le autorità hanno dichiarato illegali.

Le autorità di Hong Kong e cinesi hanno salutato la legge sulla sicurezza come un riuscito ripristino della stabilità dopo le manifestazioni che hanno scosso il centro finanziario nel 2019.

Ma ha anche cambiato il panorama politico e giuridico della città, che era storicamente confinato al muro di cinta della terraferma autoritaria.

La legge conferisce anche giurisdizione alla Cina in alcuni casi e conferisce agli agenti di sicurezza del continente l’autorità di operare apertamente nella città semi-autonoma per la prima volta.

I critici, inclusi molti paesi occidentali, affermano che la Cina ha infranto la promessa “un paese, due sistemi” che Hong Kong potrebbe mantenere le libertà fondamentali dopo essere stata consegnata dalla Gran Bretagna.

READ  Un miliardario condannato a 12 mesi di carcere per una manifestazione a favore della democrazia