Agosto 4, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

L’Apple Daily di Hong Kong chiuderà come prima persona ad affrontare un procedimento giudiziario ai sensi della legge sulla sicurezza

Il quotidiano pro-democrazia di Hong Kong, l’Apple Daily, pubblicherà la sua edizione finale giovedì, afferma il giornale, dopo un anno burrascoso in cui la polizia e un uomo d’affari hanno fatto irruzione nel suo proprietario e altri dipendenti in base alla nuova legge sulla sicurezza nazionale.

Il consiglio di amministrazione di Next Media ha dichiarato in una dichiarazione che le edizioni cartacee e online dell’Apple Daily saranno interrotte a causa delle “condizioni attuali prevalenti a Hong Kong”.

L’annuncio è arrivato dopo che cinque redattori e amministratori delegati sono stati arrestati la scorsa settimana e un congelamento dei beni di 2,3 milioni di dollari (3 milioni di dollari) ai sensi del National Security Act della città.

“Grazie a tutti i nostri lettori, abbonati, clienti pubblicitari e Hong Kong per 26 anni di enorme amore e supporto”, ha affermato Apple Daily in un articolo sul suo sito web.

Agenti di polizia di Hong Kong in camicie blu che camminano per strada
La polizia di Hong Kong ha arrestato editori, scrittori e amministratori delegati dell’Apple Daily.(

Afp: Vincent Yu

)

Funzionari cinesi affermano che la libertà di stampa non può essere usata come scudo

La chiusura dell’Apple Daily arriva mentre le autorità reprimono il dissenso dopo mesi di proteste antigovernative nel 2019.

L’annuncio ha coinciso anche con l’inizio del primo processo ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino circa un anno fa.

La leader di Hong Kong Carrie Lam sorride mentre parla ai microfoni
La leader di Hong Kong Carrie Lam ha ridimensionato le sue critiche ai raid sull’Apple Daily.(

AP: Ken Cheung

)

La mossa, ampiamente attesa, di chiudere l’Apple Daily ha fatto seguito agli arresti della scorsa settimana di cinque redattori e dirigenti, arrestati con l’accusa di collusione con stranieri per mettere in pericolo la sicurezza nazionale.

La polizia ha citato più di 30 articoli pubblicati dal giornale come prova di un presunto complotto per incoraggiare i paesi stranieri a imporre sanzioni a Hong Kong e alla Cina.

Il congelamento dei beni è stato il motivo della scomparsa del giornale.

Il consiglio aveva scritto all’inizio di questa settimana all’ufficio di sicurezza di Hong Kong chiedendo che alcuni dei suoi fondi fossero rilasciati in modo che l’azienda potesse pagare gli stipendi.

Mercoledì scorso, la polizia ha arrestato un uomo di 55 anni con l’accusa di collusione straniera per mettere in pericolo la sicurezza nazionale.

Secondo Apple Daily, che cita fonti sconosciute, l’uomo ha scritto editoriali per il quotidiano con lo pseudonimo di Li Ping.

L’operazione di polizia contro l’Apple Daily ha suscitato critiche da Stati Uniti, Unione Europea e Gran Bretagna, secondo cui le autorità di Hong Kong e della Cina stanno prendendo di mira le libertà promesse alla città quando l’ex colonia britannica è stata restituita alla Cina nel 1997.

Il leader di Hong Kong Carrie Lam ha affermato che le critiche al raid e agli arresti sono stati tentativi di “abbellire” azioni che mettono in pericolo la sicurezza nazionale.

Una pila di giornali con un uomo in copertina e un titolo in calligrafia cinese.
I giornali pro-Pechino hanno condannato il fondatore di Apple Jimmy Lai come un “animale simile a un cane” e un “traditore”.(

AP: Ken Cheung

)

Funzionari cinesi e di Hong Kong hanno affermato che i media devono rispettare la legge e che la libertà di stampa non può essere utilizzata come “scudo” per attività illegali.

Una legge sulla sicurezza nazionale imposta lo scorso anno criminalizza la sovversione, il separatismo, il terrorismo e la collusione straniera.

Tong Ying Kate si dichiara non colpevole di accuse di terrorismo

La prima persona ad essere processata secondo la legge, Tong Ying Kit, si è dichiarata non colpevole di accuse di terrorismo e separatismo guidando una moto che ha scioccato gli agenti di polizia durante un raduno del 2019 mentre portava una bandiera con lo slogan “Free Hong Kong, the revolution of il nostro tempo”.

Un certo numero di agenti sono stati pizzicati e tre sono rimasti feriti.

Il suo processo determinerà la gestione da parte di Hong Kong dei crimini di sicurezza nazionale.

Lo slogan “Hong Kong libera, la rivoluzione del nostro tempo” è stato spesso ripetuto durante le manifestazioni anti-governative che chiedevano più ampie libertà democratiche.

Un uomo che indossa una maschera sul viso seduto nel retro di un'auto
Tong Ying Kit rischia l’ergastolo ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong.(

Afp: Vincent Yu

)

I manifestanti accusano Pechino di aver rinnegato la promessa, fatta quando Hong Kong è stata consegnata dalla Gran Bretagna nel 1997, che la città avrebbe potuto mantenere le sue libertà.

La Cina ha risposto con misure drastiche per mettere a tacere le voci dissenzienti, inclusa la legge sulla sicurezza nazionale.

La legislazione rende illegali le richieste di indipendenza di Hong Kong e un avviso del governo lo scorso luglio ha dichiarato che lo slogan della protesta era una richiesta di indipendenza e di indebolimento del potere statale.

Un tribunale ha stabilito il mese scorso che Tung sarà processato senza giuria, in violazione della tradizione di common law di Hong Kong.

Ai sensi del National Security Act, un collegio di tre giudici può sostituire i giurati e il capo della città ha il potere di nominare giudici per esaminare tali casi.

La legge prevede una pena massima dell’ergastolo per reati gravi.

Il signor Tong è processato dalla Corte Suprema, dove non c’è un tetto massimo alle pene.

Finora, più di 100 persone sono state arrestate ai sensi del Security Act, inclusi importanti attivisti pro-democrazia come l’imprenditore dei media Jimmy Lai, editore di Apple Daily.

I giornali pro-Pechino Wen Wei Po e Ta Kung Pao hanno pubblicato mercoledì pagine speciali che descrivono Lai come un “animale simile a un cane”, un “traditore” e un lucidatore di scarpe che fa offerte statunitensi.

AFP/Reuters

READ  Gli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo approvano gli spettatori domestici in mezzo alle restrizioni COVID-19 ma non è consentito cantare