Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Mercato del Cinema Classico del Festival Lumière svela il suo programma Rebirth

Il Mercato del Cinema Classico del Festival Lumière svela il suo programma Rebirth

Il mercato internazionale dei film classici del Lumière Festival (MIFC) a Lione, in Francia, mette in risalto documentari storici, esamina il cinema cubano e svedese e mette in mostra il lavoro della Fondazione Wim Wenders come parte di un programma recentemente rinnovato.

Riformando il MIFC, gli organizzatori cercano di avvicinare l’evento alle esigenze del settore, offrire servizi migliori e fornire un quadro più chiaro del mercato dei contenuti del patrimonio in continua evoluzione.

Questo cambiamento “adatterà il mercato affinché diventi meno istituzionale e più orientato al business”, afferma Gerald Duchosoy, che supervisiona la programmazione e il coordinamento del MIFC.

Il mercato, che si svolgerà dal 17 al 20 ottobre, inizierà con un keynote di Claire Brunel e Hella Wenders, amministratore delegato della Wim Wenders Foundation.

L’organizzazione con sede a Düsseldorf, creata con lo scopo di preservare, mantenere e diffondere le opere di Wenders, è davvero unica e la sua presentazione sarà un’opportunità molto interessante per i partecipanti al MIFC per scoprire come viene gestita e come opera sul mercato , dice Duchosoy. .

Il Festival Lumiere onorerà Wenders anche con il Lumiere Award di quest’anno e celebrerà le sue opere cinematografiche e fotografiche.

Un nuovo importante evento che debutta quest’anno è il programma Rebirth, che presenta 12 film in due sessioni separate volte a creare nuove opportunità di business riunendo detentori di diritti sui contenuti storici, acquirenti, venditori, distributori, programmatori, laboratori, editori e altro ancora. Potenziali partner che potrebbero contribuire a finanziare progetti di restauro o offrire nuove prospettive commerciali per i titoli classici.

La prima sessione Re-Birth presenta sei film appena restaurati selezionati per l’etichetta Lumière Classics che saranno presentati con l’obiettivo di trovare un seguito per la distribuzione o la trasmissione, come nuovi formati, canali, nuovi media o territori.

Per gentile concessione di MIFC/Marfilmes

La selezione comprende il film portoghese Enchanted Islands di Carlos Velardebo del 1965; il documentario di René Vauthier del 1978 Marée Noire et Colère Rouge; Il dramma sudcoreano del 1949 Hometown in the Heart del regista Young Gyu-yeon ; Il film neo-noir spagnolo di Juan Antonio Bardem del 1955 Morte di un ciclista; il dramma estone di Arvo Kruusement del 1978 “Woman Heats Sauna”; e il dramma svizzero del dopoguerra di Leopold Lindtberg (1953) The Village.

Il marchio Lumière Classics funge anche da “ponte tra il festival e il mercato”, afferma Duchosoy, aggiungendo che aiuta i film “a trovare nuovi sbocchi che prima non avevano”.

La seconda sessione di Rebirth presenta sei progetti in cerca di sostegno e finanziamenti per realizzare o completare restauri, nonché potenziali partner per la distribuzione.

Tra questi c’è il film italiano “Corruzione” del regista Mauro Bolognini nel 1963; la commedia drammatica francese del 1970 di Jacques Rosier “Du Côté d’Orouët”; Documentario lettone di epoca sovietica del 1986 di Juris Podnieks Is It Easy to Be Young?; Dramma argentino “The Cloud” diretto da Fernando y Solanas nel 1998; e il film spagnolo del 1947 di Carlos Serrano de Osma, “La sirena nera”.

Nella selezione sono inclusi anche i primi quattro film televisivi austriaci e tedeschi diretti da Michael Haneke, tra cui “The Rebellion” e “Three Paths to the Lake” del 1976, nonché la prima e la seconda parte di “Lemmings” del 1979.

I documentari sul patrimonio saranno un filo conduttore tra molti eventi durante la mostra MIFC, che celebra anche l’Anno del Documentario in Francia.

Questa è un’opportunità “per mettere in risalto i documentari classici perché è un campo complesso”, spiega Duchosoy. “È una nicchia nella nicchia.”

Mentre alcuni importanti documentari classici rimangono ampiamente distribuiti, molte opere meno conosciute hanno trovato difficoltà nella distribuzione. Per i titolari dei diritti si tratta di un’opportunità per vedere come si può gestire ulteriormente la pubblicazione e come i loro titoli possono essere preservati, restaurati, consultati e venduti in modo che possano essere nuovamente visti, aggiunge Duchossoy.

Duchosoy sottolinea che la presentazione del documentario includerà un focus su Cuba e sulla scuola di documentario nel cinema cubano, che includerà più opere documentaristiche che hanno scritto sceneggiature cinematografiche.

I film cubani in vendita includeranno il documentario di Ernesto Daranas del 2022 “Landrián”, sulle opere censurate del defunto regista cubano Nicolas Guillén Landrian, e tre cortometraggi restaurati del regista, “En un barrio viejo (1963).” Ociel del “. Toa” (1965) e “Luce del Baile” (1965), mai visti prima in Francia.

Altre tavole rotonde discuteranno di documentari classici e presenteranno rappresentanti di aziende e organizzazioni come Les Films du Losange; Documentario su grande schermo; Film di cibo; Cinema documentario; E l’Istituto tedesco per le arti cinematografiche e video dell’Arsenale.

L’attenzione sarà focalizzata sul cinema svedese attraverso un caso di studio sulle attuali questioni relative al patrimonio culturale del paese e la proiezione del film drammatico di Hasse Ekman del 1950 La ragazza con i gigli.

Un’altra presentazione nazionale esaminerà gli sforzi per ripristinare e preservare la storia del cinema senegalese.

Un panel sul potenziale utilizzo dell’intelligenza artificiale nel settore del patrimonio discuterà le potenziali possibilità future di questa tecnologia.

Inoltre, offerte speciali di mercato per gli espositori includono il classico hindi del 1955 di Satyajit Ray “Pather Panchali” (“Song of the Little Road”); la commedia di Rosier del 1986 “Maine Ocean”; e il thriller di Hong Kong del 1980 Dangerous Encounters of the First Kind di Tsui Hark.

Le modifiche apportate al mercato quest’anno includono anche un MIFC Village ampliato, più stand e spazi per incontri privati ​​per i partecipanti. Al MIFC parteciperanno professionisti provenienti da oltre 500 aziende e organizzazioni, con un totale di 30 paesi rappresentati.

READ  Il Cinema Ritrovato on Tour porta film rari nelle Twin Cities