Ottobre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il leader Mongrel Mob in Nuova Zelanda concede l’esenzione essenziale per i lavoratori per aiutare a potenziare i test COVID | Nuova Zelanda

Primo Ministro della Nuova Zelanda Jacinda Ardern Ha accettato di concedere al comandante Mongrel un’esenzione speciale per attraversare il confine di Auckland in modo da poter aiutare a ridurre la diffusione di Covid-19 nelle comunità difficili da raggiungere.

Il presidente della filiale di Waikato Mongrel Mob, Sonny Fatupaito, ha ottenuto lo status di lavoratore di base, consentendogli di entrare ad Auckland lo scorso fine settimana mentre la città era sotto il blocco di livello tre, con i confini in atto.

“Gli esperti di salute indigena hanno evidenziato che le comunità di bande sono ad alto rischio e necessitano di un intervento su misura per ridurre la diffusione di Covid-19 in comunità più ampie”, ha affermato la portavoce di Mongrel Mob Louise Hutchinson.

Ha detto che il team di gestione delle crisi di South Auckland ha chiesto l’aiuto di Vatopaito per incoraggiare i membri delle bande e le loro famiglie a sottoporsi a test per il virus.

“Questo viaggio è stato effettuato secondo i rigidi protocolli Covid-19 imposti dalle autorità sanitarie e dalla polizia”, ​​ha affermato Hutchinson.

L’epidemia nel paese con 1.381 casi ha dimostrato di esistere insieme rigide linee etnicheCirca l’83% delle infezioni nell’attuale epidemia sono Maori e neozelandesi del Pacifico, che rappresentano solo il 27% circa della popolazione totale combinata. Circa il 56% dei Māori idonei ha ricevuto una singola dose del vaccino Pfizer, rispetto al 73% della popolazione Pacifica e al 79% di tutte le persone di età pari o superiore a 12 anni.

Sono stati segnalati casi in rifugi di emergenza e all’interno di tre diverse bande. Parlando con Radio Hauraki mercoledì mattina, Ardern ha affermato che il capo della Mongrel Mob faceva parte del loro lavoro in corso per tracciare e isolare il virus.

“Abbiamo problemi con le gang e questo rende questo lavoro davvero difficile”.

Le gang esistono da decenni Nuova ZelandaLe loro giacche patchwork li rendono molto visibili nella comunità.

A livello nazionale, il numero di bande è cresciuto di quasi il 50% negli ultimi quattro anni, passando da 5.343 a 8003, secondo il Gang Intelligence Center.

Hutchinson ha affermato che Mongrel Mob è stato in contatto con il Centro di coordinamento sanitario del distretto settentrionale, il Servizio sanitario pubblico regionale di Auckland e la polizia per raggiungere i propri membri.

Il suo lavoro è iniziato con il sottogruppo della Manukau Church of God Association – il più grande in un focolaio di oltre 370 casi – che si è poi esteso al capitolo di Auckland Mongrel Mob. La mafia ha lavorato a stretto contatto con i fornitori South Seas Healthcare e Cause Collective, con sede a South Auckland.

Nel corso del mese si terrà anche un workshop educativo su Covid-19 a Waikato, con esperti di salute indigena.

L’esenzione di base per i lavoratori ha suscitato critiche da parte dei politici dell’NDP, che affermano che le bande sono una priorità, ma coloro che lavorano con la mafia affermano che è uno strumento importante nella lotta al Covid.

Il portavoce di Cause Collective, Jerome Mika, ha affermato che le bande non hanno sempre avuto accesso al wifi e non erano collegate al sistema sanitario e ai servizi come le altre comunità, il che rende difficile per i funzionari accedervi.

“[Fatupaito] Ha lavorato così duramente per sradicare il Covid e penso che, semmai, sia lodevole per un leader di una banda. Abbiamo anche lavorato con lui, poiché era in grado di indossare i DPI completi. Questo è il tipo di leadership di cui abbiamo bisogno per aiutarci a debellare il Covid. Abbiamo bisogno di tutte le mani a bordo”.

READ  Le vaccinazioni COVID di Pfizer iniziano nell'Australia occidentale per le persone di età compresa tra 30 e 49 anni, in mezzo a un forte interesse per l'iniezione