Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il governo italiano interferisce su chi gestisce i migliori musei?

Il governo italiano interferisce su chi gestisce i migliori musei?

Il Ministero della Cultura italiano ha nominato dieci nuovi direttori dei principali musei del Paese, favorendo i candidati nazionali rispetto a quelli stranieri. Il partito nazionalista di destra Fratelli d’Italia del primo ministro Giorgia Meloni ha affermato che le mosse stanno “riportando in vita i musei”, mentre i critici hanno affermato che il processo di selezione era un “sistema corrotto” che premiava i candidati non qualificati in base alla volontà politica.

Tutte le nomine annunciate il 15 dicembre vanno a cittadini italiani, poiché il Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano ha abbandonato la riforma limitata dell'ultimo decennio che cercava di iniettare talenti internazionali nel settore museale in difficoltà del Paese. Nel 2014, Dario Francesini, ministro della Cultura del Partito Democratico di centrosinistra, ha proposto una nuova legislazione che darebbe ai grandi musei statali e ai siti archeologici italiani una maggiore indipendenza dal governo centrale.

“Con Francisini eravamo a favore della qualità e dell'apertura agli stranieri”, dice Giuliano Volpe, ex consigliere del Ministero della Cultura durante il mandato di Francisini. Giornale d'arte. “La situazione con il ministro Sangiuliano è molto diversa perché noi 1707212248 Vogliamo un’Italia che si chiude in se stessa, un’Italia nazionalista”.

I nuovi registi provengono da background diversi. Angelo Crespi, critico d'arte e giornalista che ha servito come responsabile della cultura nell'ultimo governo di Silvio Berlusconi, sostituisce il veterano direttore del museo anglo-canadese James Bradburn alla Pinacoteca di Brera di Milano. Renata Cristina Massantini, architetto già responsabile dei progetti di arte e design del palazzo presidenziale del Quirinale a Roma, succede a Christiana Collu alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea. Alessandra Necchi, biografa storica di personaggi tra cui Isabella d'Este, prende le redini dei musei della Galleria Estense di Modena, Ferrara e Sassuolo.

Forse il passo più importante è stato compiuto dallo storico dell'arte di origine tedesca Ike Schmidt, uno dei primi “super registi” assunti nel 2015 e che ha ricevuto la cittadinanza italiana a novembre. Otto anni dopo (la carica più lunga) dirigerà il Museo e Real Bosco di Capodimonte a Napoli alle Gallerie degli Uffizi di Firenze. Gli succederà Simone Verde, reduce dalla realizzazione da 22 milioni di euro del complesso museale della Pilota di Parma.

READ  Un segno di cane appartenente a un soldato Raleigh è stato scoperto in Italia durante la seconda guerra mondiale

Cecile Holberg ha perso una nuova direzione dopo un periodo alla Galleria dell'Accademia di Firenze. Stampa associata/Alamy

Alcuni dei direttori più esperti dell'era Francisini persero incarichi di alto livello, in particolare Cecile Holberg, di origine tedesca, che supervisionò un'importante ristrutturazione della Galleria dell'Accademia di Firenze, e Marco Pierini, che innalzò il profilo della Galleria Nazionale di Perugia. dell'Umbria. Entrambi furono scelti per il ruolo di Capodimonte.

Reclami contro la commissione giudicatrice

Il processo di selezione è stato condotto da una giuria di cinque persone, che l’estate scorsa ha attirato denunce di discriminazione. In una lettera aperta al ministro della Cultura, l'Associazione Italiana degli Storici dell'Arte (CISCA) e il Consiglio dell'Università di Storia dell'Arte hanno espresso “delusione e disappunto” per il fatto che il comitato comprendesse solo due funzionari del Ministero dei Beni Culturali e uno storico dell'arte.

Vogliono premiare le persone che non hanno competenze specifiche

Massimiliano Rossi, Presidente Associazione Storici dell'Arte Italiani

Lo dice Massimiliano Rossi, presidente della Cisca Giornale d'arte Le nomine di Sangiuliano e Massimo Osanna, direttore dei musei del dicastero, sono state “peggiori del previsto” e “oltre le nostre più rosee aspettative”. E aggiunge: “Vogliono premiare chi non ha competenze specifiche”.

Il giornalista Maurizio Crippa In Foglio I commenti dei giornali hanno suggerito che il ministero ha promosso amici e alleati attraverso un “sistema rovinato”, con il politico Vittorio Scarpi, sottosegretario al Ministero della Cultura, che sembra essersi preso il merito di alcune nomine. In un comunicato stampa di congratulazioni ai vincitori, Scarpi ha definito Crespi “uno dei miei collaboratori più esperti” e ha ringraziato il ministero per la “fiducia” nella scelta di Masantini.

READ  Nadal ha sconfitto l'italiana Soneko per passare al quarto turno a Wimbledon

Tuttavia, Federico Mollicone, deputato di Fratelli d'Italia e portavoce per gli affari culturali, ha difeso l'esperienza del partito nei musei, affermando che i nuovi direttori avrebbero contribuito ad aumentare il numero di visitatori. “L'Italia è una superpotenza culturale globale”, afferma. “I musei purtroppo in passato erano poco utilizzati, ma oggi, grazie all'impegno del Ministro Sangiuliano, stanno tornando a vivere.”

Gestire il Dipartimento

Anche prima dell'arrivo di Sangiuliano, il suo predecessore aveva avviato misure per rinnovare i musei italiani e ridurre la burocrazia. La cosiddetta Riforma Franchini del 2014 ha concesso ai primi 20 musei e siti “autonomia speciale” dal congelamento della gestione centralizzata da parte della burocrazia di Roma, riflettendo il programma di modernizzazione dell'allora Primo Ministro Matteo Renzi. Successivamente il numero dei musei autonomi è stato aumentato.

“Abbiamo pensato: abbiamo alcuni dei musei più importanti del mondo”, ricorda Volpe. “L'Italia ha un patrimonio culturale globale, quindi apriamo i talenti stranieri. Pensiamo come un Paese europeo aperto al mondo”, ha detto.

La nomina di direttori di musei stranieri – sette dei primi venti su 20 – aumentò le tensioni già allora. Nel 2017 il tribunale amministrativo della Regione Lazio ha annullato alcune nomine, stabilendo che i posti di lavoro nella pubblica amministrazione dovessero essere ricoperti da italiani. Un anno dopo la decisione venne categoricamente bocciata dal Consiglio di Stato, il più alto tribunale amministrativo italiano, e gli amministratori contestati poterono mantenere il loro posto di lavoro.

Eike Schmidt, cittadino italiano, è stato ora nominato direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte a Napoli. ©Alessandro Moggi

I “superdirettori” introdotti da Franchini hanno in gran parte svolto il loro mandato di trasformare i musei ormai superati. A Bradburn è attribuito il restauro accessibile della Pinacoteca di Brera, dove ha introdotto etichette stimolanti scritte da importanti romanzieri e ha sostituito i biglietti giornalieri con un programma di abbonamento che consentiva visite illimitate per tre mesi. Schmidt ha portato agli Uffizi mostre incisive e strategie sui social media per attirare un pubblico giovane ed esperto di tecnologia.

READ  "The Bay" viaggia in Italia per un duello bollente con Christos Andrews e Mike Manning (VIDEO) | Divertimento

Dall'altra parte della città, presso l'Accademia di Firenze, la ristrutturazione di Holberg ha incoraggiato i visitatori a esplorare le numerose gallerie oltre a Michelangelo. Davide, coronata dalla collezione Gipsoteca di oltre 400 calchi in gesso. Lo status autonomo dell'Accademia è stato importante per il progetto perché “ha permesso di pianificare i lavori con il proprio budget” e di garantire la sponsorizzazione privata per la nuova illuminazione e le ristrutturazioni, dice.

Anche musei autonomi

Il ministero Sangiuliano costituisce almeno una delle riforme museali del Franchini. Una legge approvata a novembre ha concesso “autonomia speciale” ad altri 17 musei, portando il totale a 60. L'annessione dei musei dell'Accademia e del Bargello a Firenze è stata promossa dal Ministero dalla categoria di “secondo livello” a “primo livello”. , conferendo al futuro direttore una maggiore libertà decisionale. Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli e il Museo Reali di Torino sono stati spostati nel primo ordine.

L’espansione dell’autonomia è una decisione “responsabile” che “aumenterà la qualità e l’utilità” dei musei e consentirà ai direttori di prendere “decisioni più rapide”.

Mentre Volpe lamenta l'apparente fine di un'era di internazionalismo nei musei italiani, spera che la “speciale autonomia” incorporata nella riforma Francisini venga preservata a lungo termine. “Anche quelli che ci criticarono allora non tornano più adesso”, dice.