Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il governo di destra in Italia sta cercando di impadronirsi della migliore scuola di cinema

Il governo di destra in Italia sta cercando di impadronirsi della migliore scuola di cinema

Una mossa disonesta da parte di membri del governo di destra italiano per cercare di assumere la gestione della Scuola di Cinema Centro Sperimentale di Roma ha scatenato un tumulto tra i suoi studenti e una forte dimostrazione di sostegno da parte dei top manager del paese.

All'inizio di questa settimana, gli studenti del Centro Sperimentale – la scuola di cinema più antica del mondo e tra le più prestigiose – hanno organizzato una manifestazione davanti al parlamento del paese proprio mentre la legislazione che avrebbe cambiato la gestione della scuola veniva rapidamente approvata. Da una commissione parlamentare. Un voto sulla ratifica, previsto nei prossimi giorni, lo renderebbe effettivo.

Se approvata dal Parlamento, la legislazione – che è scritta in piccolo all'interno di un disegno di legge più ampio – licenzierebbe sostanzialmente l'attuale direttrice della scuola, la produttrice Marta Donzelli, la cui società Vivo Film è nota soprattutto per titoli indipendenti come “Nico, 1988″ di Susanna Nicchiarelli. ” e “Siberia” di Abel Ferrara – e licenziò anche il resto dei dirigenti due anni prima della scadenza del loro mandato.

Gli studenti hanno anche lanciato una petizione a sostegno della loro protesta, firmata da quasi tutti i vertici del Paese. Tra i sostenitori ci sono Marco Bellocchio, Luca Guadagnino, Alice Rohrwacher, Paolo Sorrentino, Matteo Garrone, Mario Martone e anche dalla Germania Wim Wenders.

Oltre a spodestare l'attuale amministrazione, il disegno di legge dà anche a diversi ministeri italiani il potere di nominare i membri del comitato consultivo del Centro Sperimentale, che attualmente sono nominati dal presidente della scuola. Ciò conferirebbe al Consiglio consultivo poteri esecutivi di cui attualmente non dispone.

READ  Eurovision 2022: quando inizia e come posso guardarlo?

L'Italia ha compiuto una brusca svolta a destra lo scorso settembre, quando la coalizione guidata dall'attuale primo ministro Giorgia Meloni, il cui partito Fratellanza d'Italia ha radici neofasciste, è emersa come un grande vincitore con oltre il 44% dei voti alle elezioni nazionali del paese. . Da allora, i membri del campo di destra hanno adottato misure per ottenere una maggiore influenza all'interno dei media e delle istituzioni culturali controllate dallo Stato, a cominciare da un cambiamento nell'alta dirigenza dell'emittente statale RAI a maggio.

L'acquisizione da parte degli alti dirigenti della RAI non è stata troppo sorprendente, dato che passi simili erano stati compiuti in passato dai governi di sinistra quando salirono al potere. La maggior parte dei posti di potere all’interno di un’emittente controllata politicamente sono spesso nominati secondo la logica dello spoiler system. Ma quando si tratta del Centro Sperimentale, questa è la prima volta che l’istituzione formativa diventa il bersaglio di una presa di potere politico. In questo caso, la mossa è un simbolo di quanto sia determinata la destra italiana nel cercare di guadagnare un punto d’appoggio all’interno della comunità creativa del paese, che è nota per essere prevalentemente di sinistra.

“Ogni governo ha il diritto di nominare chi vuole”, dice Sarah Narducci, studentessa del Centro Sperimentale che è tra coloro che hanno guidato la protesta. “Ma al Centro Sperimentale non era mai successo che si tentasse di intervenire due anni prima della scadenza dei poteri dell’attuale amministrazione”.

Narducci sottolinea inoltre che il governo di destra in Italia sta cercando di gestire politicamente la scuola aumentando i poteri del comitato consultivo nominato dal governo. Si lamenta anche del fatto che gli studenti non hanno potuto parlare con il co-fondatore di Fratellanza d’Italia Federico Molicone, che è a capo della commissione parlamentare per la cultura che promuove il disegno di legge.

READ  Il Cajun Coffee Shack serve King Cake Lattes e bevande esclusive

“Avevamo un incontro completamente preparato”, ha detto Narducci, ma Molicone “ha annullato l’incontro all’ultimo minuto e si è affrettato a far approvare il disegno di legge dalla commissione”.

Uno scenario probabile è che il disegno di legge venga presto approvato in Parlamento e nel giro di pochi mesi Donzelli e il suo team potrebbero essere portati fuori dal centro sperimentale – dove, a detta di tutti, sta facendo un ottimo lavoro rinnovando la scuola e ampliando la sua attività in altre sedi oltre a Roma.

“Sono preoccupato che il processo di rinnovamento avviato da Marta Donzelli si fermi”, ha detto mercoledì ai giornalisti italiani Alberto Barbera, direttore artistico della Mostra del Cinema di Venezia, quando gli è stato chiesto di commentare la situazione dopo l'annuncio del programma del festival. “La scuola aveva bisogno di essere rinnovata rimuovendo le catene burocratiche. Barbera ha aggiunto che Donzelli stava facendo proprio questo. “È davvero un peccato negarle la possibilità di completare questo processo. Non mi sembra giusto.”

Nessun commento né da Donzelli né dal Centro Sperimentale.