Luglio 6, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

“Mano di Dio” con Filippo Scotti, Pablo Sorrentino – Contenders New York – Scadenza

"Mano di Dio" con Filippo Scotti, Pablo Sorrentino - Contenders New York - Scadenza

Paolo Sorrentino ha detto che l’esperienza di compiere 50 anni due anni fa lo ha aiutato a incoraggiarlo a ritrarre sullo schermo le esperienze della sua giovinezza. Questo ha portato al film Netflix la mano di Dio.

Regista premio Oscar grande bellezza La decisione di guardare dentro è stata riflessa durante una tavola rotonda al Deadline Contestants di New York sabato. “E ‘stato un buon momento”, ricorda, perché 50 “è un momento così importante nella vita per guardare indietro e non guardare al futuro. Ma allo stesso tempo, questo film mi dà un futuro”.

Nella sua città natale di Napoli, lo scrittore e regista Sorrentino ha attinto dalla sua educazione come fonte per il dramma in lingua italiana. Si svolge negli anni ottanta. la mano di Dio Racconta la storia di Fabito Chiesa (Filippo Scotti), la cui vita turbolenta è piena di alti e bassi inaspettati. Il film ha vinto il Gran Premio della Giuria alla Mostra del Cinema di Venezia a settembre.

I concorrenti: New York – Copertura completa della scadenza

Scotty ricorda di essere stato invitato per un’audizione di persona nel giugno 2020, la sua prima dall’era del Covid, senza sapere chi stesse dirigendo il film. Quando ha scoperto che era Sorrentino, ha riso “Sono andato nel panico”. “Poi ho conosciuto Paolo e sono arrivato dopo tante prove. È stato molto intenso perché Paolo cercava la verità”.

‘Mano di Dio’
Netflix

Mentre cercava di onorare questo fatto, Scotty ha trascorso l’estate a Napoli, vivendo da solo e “creando un ambiente nella mia mente” per interpretare il ruolo.

Sorrentino ha detto ad Anthony D’Alessandro di Deadline, che ha moderato la sessione dei concorrenti, di non avere istruzioni rigide per Scotty o altri membri del cast nel filmare la sua storia di vita. Ha detto: “Quando ho scritto il film, mi importava della mia vita, ma quando sono andato a girare, ho deciso di trattare questa sceneggiatura come un film, non come la mia vita”.

READ  Sonia Yuncheva, Adriana Gonzalez e Jacob Joseph Orlinski Led Festival Radio France 2021 stagione Occitan Montpellier

La direttrice della fotografia Daria D Antonio ha detto, tramite un interprete, che Napoli “è anche la mia città”. Ha aggiunto che è una “città bella e complessa” e il film “parla della nostra giovinezza e parla della giovinezza come un momento specifico della propria vita. L’approccio è stato basato sulle emozioni perché la città, così com’è, è molto diversa ora. Quindi volevo davvero onorare la memoria della nostra giovinezza e rispettare la narrazione”.

Rassegna del cinema di Venezia ‘Hand of God’: Il racconto della maturità di Paolo Sorrentino a Napoli è un meraviglioso e bellissimo film di memorie

Alla domanda sulla forte accoglienza del film in Italia, Sorrentino ha detto: “Fare un film sulla mia vita, c’era il pericolo che se le persone in Italia non lo apprezzassero, sarebbe molto deludente per me. Sono sollevato che il pubblico ami il film e che i giovani apprezzino il film. Questo è molto importante per me”.

Torna lunedì per il video del cartellone.

Sponsor dei contendenti: New York sono Michter’s Distillery, Los Siete Misterios Mezcal, Eyepetizer e modMD.