Settembre 24, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il giudice dà a Donald Trump fino a venerdì per spiegare meglio perché voleva il suo master per i documenti di Mar-a-Lago

L’ex giudice federale della Florida ha dato Il presidente Donald Trump Fino a venerdì per migliorare le argomentazioni legali nella sua richiesta di un maestro speciale per supervisionare una revisione delle prove raccolte nella ricerca di Mar-a-Lago.

Il giudice distrettuale Eileen Cannon nel distretto meridionale della Florida ha ordinato agli avvocati di Trump di approfondire le loro argomentazioni sul motivo per cui la corte è in grado di intervenire in questo momento, spiegando esattamente cosa chiede Trump e se il Dipartimento di giustizia ha beneficiato di Trump. Movimento principale speciale.

Cannon ha anche chiesto al team di Trump di considerare l’eventuale impatto che la richiesta potrebbe avere su una revisione separata da parte di un giudice di pace per verificare se eventuali parti della testimonianza ancora sigillata dell’FBI che identificano la probabile causa della ricerca potrebbero essere rilasciate.

Documenti relativi alla perquisizione di proprietà dell’ex presidente Donald Trump a Mar-a-Lago. (AFP)

L’ordinanza del giudice mostra in molti modi che la denuncia di Trump è stata meno del previsto dalla richiesta della corte di nominare un comandante speciale, in particolare in una ricerca ad alto rischio come quella che l’FBI ha effettuato a Mar-a-Lago all’inizio di quest’anno.

“Quello che stai dicendo è, ‘Cosa stai facendo davanti a me?'”, ha detto alla Galileus Web Mark Schnapp, un avvocato difensore penale della Florida che ha trascorso sette anni lavorando per l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale della Florida. “.

In generale, non è al di fuori della regola legale di Trump che vorrebbe un maestro privato coinvolto nella revisione delle prove sequestrate alla sua residenza in Florida. Il suo ex avvocato, Michael Cohen, ha cercato con successo un maestro privato quando l’FBI ha perquisito l’ufficio e le residenze di Cohen nel 2018.

Donald Trump è indagato ai sensi dell'Espionage Act per cattiva gestione di documenti sensibili.
Donald Trump è indagato ai sensi dell’Espionage Act per cattiva gestione di documenti sensibili. (AFP)

Ma Trump ha aspettato due settimane per fare una richiesta del genere, alzando le sopracciglia a causa del tempo che il Dipartimento di Giustizia avrebbe probabilmente impiegato per rivedere ciò che ha sequestrato a Mar-a-Lago. (Per la revisione, il Dipartimento di Giustizia utilizza quella che è nota come una “squadra di contaminazione”, un gruppo di pubblici ministeri che non lavora sull’indagine in questione e che filtra il materiale che non dovrebbe essere consegnato agli investigatori.)

E quando Trump ha presentato la sua domanda alla corte, la denuncia si è basata fortemente su accuse politiche, mentre era leggera sul tipo di discussione legale che spiegherebbe alla corte perché stava interferendo e l’autorità che doveva farlo. Quando gli avvocati di Trump hanno citato le regole del tribunale che hanno affermato di conferire al giudice l’autorità di approvare la richiesta, hanno citato le regole di procedura civile, senza alcuna spiegazione sul motivo per cui tali regole si sarebbero applicate nel contesto di un mandato di perquisizione penale.

Né Trump ha fornito con la denuncia il tipo di richiesta separata – come una richiesta di un ordine restrittivo temporaneo o un’ingiunzione preliminare – che avrebbe accelerato il calendario del giudice per considerare ciò che Trump ha richiesto.

Donald Trump ha cercato un maestro privato per supervisionare i documenti sequestrati dall'FBI.
Donald Trump ha cercato un maestro privato per supervisionare i documenti sequestrati dall’FBI. (AFP)

Né il team legale di Trump ha fornito alcuna dichiarazione, ovvero dichiarazioni di avvocati che si dice abbiano interagito con il Dipartimento di giustizia prima e dopo la ricerca, a sostegno delle affermazioni fattuali della denuncia.

Invece, la denuncia ha riesaminato le accuse riguardanti l’indagine dell’FBI sull’interferenza della Russia nelle elezioni del 2016, suggerendo clamorosamente che le azioni del Dipartimento di Giustizia erano motivate dal desiderio di interrompere le elezioni presidenziali di Trump del 2024. Comprendeva anche il testo completo di un presunto avvertendo che Trump ha cercato di convincerlo tramite il suo avvocato al procuratore generale Merrick Garland.

Schnapp ha affermato che il dossier di Trump è più un messaggio politico che un documento legale.

“Davvero non hanno chiesto nulla”, ha detto Schnapp. “È pazzesco”. “Non hanno chiesto di fare nulla nel prossimo futuro per rallentarlo, anche se è quello che hanno affermato di fare”.

Come i giornali di tutto il mondo hanno risposto ai “mob dell’odio” di Trump

La mossa di Trump di archiviare un caso separato che è stato assegnato al giudice Cannon, piuttosto che presentare la domanda al magistrato che ha firmato la nota, ha anche causato confusione tra esperti legali esterni. Gli avvocati di Trump sembrano aver avuto problemi procedurali relativi alla presentazione della causa e ai loro tentativi di comparire davanti al caso.

Lo scrittore ha pubblicato un avviso all’ordine del giorno affermando che la denuncia “è stata presentata in modo convenzionale” quando “avrebbe dovuto essere presentata elettronicamente”, secondo le regole del tribunale locale.

Un altro avviso dello scrittore indicava che anche gli avvocati di Trump che stavano cercando un’ammissione speciale per partecipare alle udienze dell’habeas corpus perché non erano stati esclusi in Florida non hanno seguito le regole locali nel farlo. È stata data loro un’altra possibilità di entrare correttamente nel loro aspetto.

READ  L'Australia nel raggio di scioperi dell'Esercito Popolare di Liberazione Cinese