Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il centrista elettorale afferma che l’Italia deve tagliare le bollette dell’energia nonostante l’aumento del debito

Il centrista elettorale afferma che l’Italia deve tagliare le bollette dell’energia nonostante l’aumento del debito

L’Italia deve tagliare rapidamente le bollette energetiche per aziende e famiglie, anche se aumenta l’elevato debito pubblico del Paese, ha detto a Reuters il capo di un nuovo gruppo centrista in corsa alle elezioni di questo mese.

I sondaggi suggeriscono che il voto del 25 settembre sarà vinto da una coalizione di destra, ma l’ex uomo d’affari e ministro dell’industria Carlo Calenda crede che la corsa sia tutt’altro che finita e che il suo partito “attivista” centrista mancherà la vittoria.

Il governo uscente di Mario Draghi investirà 10 miliardi di euro (10 miliardi di dollari) per aiutare le grandi industrie consumatrici di gas e rimborsare le persone per parte dell’aumento dei costi del gas e dell’elettricità, ha affermato Calenda.

Ha aggiunto che anche il costo dell’energia da fonti rinnovabili dovrebbe essere disaccoppiato dal costo del gas.

“Come sempre in caso di emergenza, prima agisci, meno devi spendere”, ha detto Calenda in un’intervista giovedì al quartier generale della sua campagna elettorale nel centro di Roma.

I governi di tutta Europa stanno cercando pacchetti multimiliardari per cercare di arginare l’aumento dei costi energetici e proteggere le famiglie dalle ricadute dell’invasione russa dell’Ucraina.

Il governo Draghi ha riformulato il bilancio di quest’anno, che ha stanziato oltre 50 miliardi di euro per la riduzione del prezzo dell’energia senza ricorrere al debito. Calenda ha detto che non basta e che i nuovi prestiti non dovrebbero più essere una barriera.

La riluttanza, ha affermato, causerebbe maggiori danni all’economia, maggiori spese per prestazioni sociali e fallimenti aziendali e rischierebbe di indebolire il sostegno italiano alle sanzioni contro la Russia.

Ha accusato il partito di destra della Lega di “favorire la Russia” creando un collegamento tra sanzioni e aumento dei prezzi dell’energia.

READ  Il Vietnam cerca opportunità per promuovere l'artigianato in Italia | Commerciale

“Dovremmo sapere che se non agiamo, l’opinione pubblica comincerà a vacillare a sostegno dell’Ucraina”, ha detto.

Calenda, un tempo dirigente della casa di auto sportive di lusso Ferrari, ha fatto colpo nel 2019 quando si è candidato alle elezioni il mese scorso insieme all’ex premier Matteo Renzi con un biglietto congiunto con il partito Renzi Italia Viva.

La coalizione centrista sta votando tra il 5% e l’8%, ma Calenda ha detto che la sua visione è al 12%, il che sarebbe sufficiente per privare i conservatori della loro maggioranza al Senato.

“Possiamo ottenere molti voti dalla destra”, ha previsto. In quel momento, ha detto, avrebbe spinto per il ripristino della Coalizione di unità nazionale guidata da Draghi, che include tutti i principali partiti.

Lotta per Draghi

Calenda presenta Draghi come un valido candidato alla carica di primo ministro, anche se l’ex capo della Banca centrale europea non si candida e non ha dato alcuna indicazione di volere un secondo mandato.

Nel caso di un parlamento sospeso, “credo che (il presidente Sergio) Mattarella chiederà a Draghi di continuare”, ha detto Calenda.

Calenda ha respinto l’idea che la mossa potesse dare all’estrema destra, guidata dal partito nazionalista Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, il sostegno di cui ha bisogno per raccogliere una maggioranza parlamentare se non riesce a ottenere una netta vittoria alle elezioni.

Ha negato di sostenere qualsiasi tentativo della destra di spingere attraverso una modifica costituzionale per introdurre l’elezione diretta del capo dello Stato, una riforma favorita da Meloni.

Il presidente italiano è attualmente eletto dal parlamento e qualsiasi cambiamento richiederebbe una maggioranza di due terzi in parlamento o un voto popolare.

READ  La BMW iX1 in Frozen Pure Grey è stata lanciata in Italia

Calenda, 49 anni, ha iniziato la sua carriera politica nel 2013 con Skelda Civica, partito di centrista fondato dall’ex presidente del Consiglio e commissario Ue Mario Monti, durato solo pochi anni.

È entrato a far parte del Partito Democratico (PD) di centrosinistra prima di fondare Action nel 2019. L’anno scorso si è candidato a sindaco di Roma, ma è arrivato terzo al ballottaggio vinto dal candidato del Pd.

I critici affermano che Calenda, che proviene da un ambiente di classe superiore, non ha contatti con la gente comune, mentre i suoi fan la paragonano al presidente francese Emmanuel Macron.

“La nostra posizione politica è molto simile a quella di Macron”, ha affermato Calenda, il cui gruppo centrista “Renew Europe”, come La République en Marche di Macron, è attivo al Parlamento europeo.

Ha detto che l’Italia deve superare le divisioni ideologiche per creare “un buon senso … un’area che ha molto a che fare con ciò che Macron ha creato nella sua ultima campagna elettorale”.

($ 1 = 0,9896 euro)

(Scrittura di Gavin Jones; Montaggio di Frank Jack Daniel)