Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I ricercatori vedono per la prima volta un’eco di luce attorno a un buco nero, dimostrando che Einstein aveva ragione

Per la prima volta in assoluto, gli scienziati hanno visto la luce da dietro a Buco nero.

I buchi neri sono regioni dello spaziotempo in cui l’attrazione gravitazionale è così forte che nemmeno la luce può sfuggire alla sua presa. Tuttavia, mentre la luce non può sfuggire al buco nero, la sua intensa gravità distorce lo spazio intorno ad esso, permettendo alla luce di “echeggiare” e piegarsi attorno alla parte posteriore dell’oggetto. Grazie a questo strano fenomeno, gli astronomi, per la prima volta, hanno notato la luce da dietro un buco nero.

In un nuovo studio, i ricercatori, guidati da Dan Wilkins, un astrofisico della Stanford University in California, hanno utilizzato l’Agenzia spaziale europea XMM-Newton e NASA nostar Telescopi spaziali per osservare la luce da dietro un buco nero 10 milioni di volte più grande del nostro sole e situato a 800 milioni di anni luce di distanza nella galassia a spirale I Zwicky 1, Secondo una dichiarazione rilasciata dall’Agenzia spaziale europea.

Diagramma raffigurante la luce da dietro un buco nero. colui il quale

L’eco della luce fu predetto per la prima volta da Albert Einstein nella sua teoria della relatività generale, pubblicata nel 1916.

Questo studio è iniziato con il desiderio dei ricercatori di ampliare la nostra comprensione delle nebulose dei buchi neri, che sono la fonte della luce a raggi X che spesso si irradia dalle vicinanze di questi oggetti. . Lampi luminosi di luce a raggi X dal gas che cade nei buchi neri emettono dai loro dischi di accrescimento, i dischi di polvere e gas che circondano e “alimentano” questi oggetti.

Il team ha rilevato un bagliore di raggi X in I Zwicky 1 che era così brillante che parte della luce si rifletteva sul gas che cadeva nel buco nero. Quando la luce intorno al retro del buco nero è stata riflessa dall’intensa gravità dell’oggetto, il team è stato in grado di individuarlo utilizzando i telescopi spaziali dell’ESA e della NASA.

READ  Test del volo orbitale 2 del Boeing Starliner: aggiornamenti in tempo reale

Non solo il team ha osservato questa luce, la prima volta che tale luce era stata osservata direttamente; Hanno anche osservato come la luce dei raggi X cambiava colore mentre si piegava e si spostava sul retro del buco nero. Osservando il viaggio della luce intorno al retro del buco nero, i ricercatori sperano di capire di più su cosa sta realmente accadendo vicino a questi vortici gravitazionali.

A seguito di questo studio innovativo, il team mira a creare una mappa 3D della circonferenza del buco nero, secondo la dichiarazione. Sperano anche di comprendere meglio le corone dei buchi neri ed esplorare come la corona di un buco nero può produrre questi luminosi bagliori di raggi X.

Questo lavoro è descritto nello studio Inserito mercoledì nella rivista Natura.

Jason Abruzzo Ha contribuito.