Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

La Stazione Spaziale Internazionale segnala preoccupazioni dopo i problemi al motore con il nuovo modulo russo

Russia scienze unità spaziale Ha causato il panico sulla Stazione Spaziale Internazionale giovedì dopo che i suoi motori si sono inspiegabilmente accesi ore dopo che era stata attraccata in orbita.

Un “riavvio non pianificato” dei motori dell’unità ha inavvertitamente spostato l’intera Stazione Spaziale Internazionale dalla sua posizione per 47 minuti, secondo NASA.

Durante una trasmissione in diretta dell’evento, il Mission Control di Houston ha affermato che la NASA aveva “perso temporaneamente il controllo della guida a causa di un incendio non intenzionale” e che l’errore aveva colpito la stazione di allineamento “di circa 45 gradi”.

La NASA ha poi twittato che Mission Control e l’equipaggio a bordo della stazione avevano corretto l’orientamento e che tutti i sistemi funzionavano normalmente. La Stazione Spaziale Internazionale deve essere orientata con precisione affinché i suoi pannelli solari e le sue apparecchiature radio funzionino correttamente: la stazione ha perso il contatto con il controllo a terra due volte durante l’incidente.

I detriti dei missili controllati dalla Cina potrebbero essere pericolosi e dannosi per l’industria statunitense

L’agenzia spaziale ha poi twittato che “l’equipaggio non era in pericolo”.

Tuttavia, il dottor Jonathan McDowell, un eminente esperto di spazio presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, ha espresso una certa preoccupazione per la sicurezza degli astronauti in orbita.

“L’equipaggio non è mai stato in pericolo… non sono convinto che capiscano il problema abbastanza bene da poterlo dire al momento”, ha scritto. “Questa è la cosa che, secondo me, può – se gestita in modo errato – portare alla perdita della stazione”.

Le autorità non hanno immediatamente avuto una spiegazione del perché i motori fossero in funzione, ma hanno detto che i controllori di volo hanno aggirato la situazione utilizzando propulsori su altri componenti della stazione russa per contrastare i motori non autorizzati.

READ  Una nuova varietà di piante carnivore (Triantha) con un'esclusiva trappola per infiorescenze appiccicose

La missione Nauka è stata ritardata di un decennio per una serie di problemi e ha subito diversi “singhiozzi dell’orbita” e problemi al motore durante il suo incontro con la Stazione Spaziale Internazionale, secondo l’Agenzia spaziale europea.

Inizialmente era previsto che aumentasse nel 2007.

Nel 2013, gli esperti hanno riscontrato una contaminazione nel sistema di alimentazione, che ha portato a una sostituzione lunga e costosa. Anche altri sistemi Nauka hanno subito un aggiornamento o una revisione.

È finalmente arrivato giovedì mentre la Russia spera di rivitalizzare la sua industria spaziale per rimanere competitiva con gli Stati Uniti e in vista dei programmi in crescita in altri paesi, inclusa la Cina.

In questa immagine fornita da Roscosmos Space Press, il modulo Nauka è visto prima dell’attracco alla Stazione Spaziale Internazionale giovedì 29 luglio 2021. Il tanto atteso modulo di laboratorio russo è stato attraccato con successo alla Stazione Spaziale Internazionale giovedì, otto giorni dopo il suo lancio dalla struttura di lancio spaziale russa a Baikonur, in Kazakistan. L’unità Nauka da 20 tonnellate (22 tonnellate), chiamata anche unità di laboratorio multiuso, è attraccata nella posizione orbitale dopo un lungo volo e una serie di manovre. (foto del servizio stampa di Roscosmos via AP)

Il modulo diventerà una parte permanente della stazione orbitale, poiché conterrà apparecchiature di ricerca e di laboratorio.

La stazione spaziale è attualmente gestita dagli astronauti della NASA Mark Vande He, Shane Kimbrough e Megan MacArthur. Oleg Novitsky e Pyotr Dobrov della compagnia spaziale russa Roscosmos; L’astronauta della Japan Aerospace Exploration Agency Akihiko Hoshied e l’astronauta dell’Agenzia spaziale europea Thomas Bisquet.

READ  Il rappresentante Waltz risponde all'ultimo annuncio "Wake Up" della NASA

Il fiasco ha spinto la NASA a ritardare il lancio pianificato della navicella spaziale Starliner di Boeing da Cape Canaveral in Florida venerdì, ma i funzionari hanno affermato che non ci sono stati danni e hanno elogiato l’equipaggio per essere rimasto calmo sotto pressione.

CLICCA QUI PER L’APP FOX NEWS

“Ci vogliono migliaia di persone sulla Terra per garantire la sicurezza di Space_Station e dell’equipaggio”, ha scritto su Twitter l’amministratore della NASA Bill Nelson. “L’ingegnosità e la dedizione della famiglia @NASA non smettono mai di stupirmi, e in giorni come questi, sono più grato che mai per la loro impareggiabile competenza”.

L’Associated Press ha contribuito a questo rapporto.