Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I pesi massimi della Brexit Tory stordiscono Boris Johnson nelle domande del Primo Ministro

Londra: Boris Johnson è rimasto sbalordito dalle domande del Primo Ministro quando il presidente del Partito conservatore ed ex segretario alla Brexit David Davis gli ha chiesto di dimettersi per il bene del Paese.

La chiamata è arrivata quando Westminster è stata scossa dalla defezione del deputato conservatore Christian Wakeford che ha annunciato che sarebbe passato ai laburisti pochi minuti prima che Johnson affrontasse la sua interrogazione parlamentare settimanale alla Camera dei Comuni.

Il primo ministro britannico Boris Johnson.credito:AP

I membri del Parlamento stanno compilando il numero di lettere necessarie per un voto di sfiducia al presidente del Consiglio, con la speculazione che 54 potrebbero essere raggiunte entro le prossime 24-48 ore.

Mercoledì, mentre faceva notizia con le notizie di legislatori neoeletti che pianificavano di estromettere il primo ministro, è toccato al leader del partito David Davis consegnare il brutale messaggio in faccia al primo ministro.

“Ho passato settimane e mesi a difendere il primo ministro dagli elettori spesso arrabbiati, ricordando loro il suo successo nel fornire Brexit, vaccini e molte altre cose”, ha detto a Johnson in Parlamento l’ex segretario alla Brexit David Davis.

“Ma mi aspetto che i miei leader saranno ritenuti responsabili delle azioni che intraprenderanno”, ha aggiunto, prima di citare una citazione del deputato conservatore Leo Amery all’allora primo ministro Neville Chamberlain nel 1940. “Gli ricorderò una citazione molto familiare a Lui. Suo… In nome di Dio, va’.

Davis era segretario alla Brexit nel gabinetto di Theresa May. Le sue dimissioni per l’accordo offerto con l’Unione europea sono state un catalizzatore della sua caduta.

READ  Chauvin rischia decenni di carcere per la morte di Floyd

Le sue parole di mercoledì sono state altrettanto infauste per il primo ministro, che non è riuscito a calmare l’umore ribelle nel suo partito, riguardo a quelle che dicono siano le sue reazioni insostenibili ai rapporti multipli del partito tenuti a Downing Street mentre il paese era chiuso per rallentare il movimento. La diffusione del COVID-19.

Johnson inizialmente affermò che non c’erano feste e, dopo che sono emerse prove che lui e sua moglie Carrie avevano partecipato, ha detto che pensava che fosse un’occasione di lavoro.