Maggio 24, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

‘Nel nome di Dio, vai avanti’: la rabbia dei conservatori si diffonde mentre Boris Johnson si aggrappa | Boris Johnson

Boris Johnson ha affrontato una defezione e ha chiesto le dimissioni da uno dei suoi parlamentari più anziani durante una tragica giornata a Westminster, con persino gli alleati del primo ministro che hanno avvertito che la situazione attuale non poteva essere sostenuta.

David Davis ha causato onde d’urto quando Lo ha detto a Johnson alla Camera dei Comuni: In nome di Dio, vai. Meno di un’ora fa, Christian Wakeford, deputato di Bury South, conservatore di sinistra Si è unito al partito laburista con rabbia per lo scandalo sui partiti di Downing Street.

Il primo ministro ha promesso di continuare la lotta al numero 10 ei suoi sostenitori hanno insistito sul fatto che ora aveva un respiro per combattere, con diversi parlamentari in attesa dell’esito delle indagini di Sue Gray.

Ma Johnson deve affrontare un crescente clamore da parte dei parlamentari conservatori di acquistare il loro sostegno in qualsiasi voto di fiducia rinunciando a un aumento delle tasse di 12 miliardi di sterline all’anno questa primavera. La tassa di previdenza sociale sarà aumentata Da aprile per finanziare l’assistenza sanitaria e sociale e qualsiasi svolta potrebbe rischiare un confronto con il cancelliere Rishi Sunak.

Johnson è riuscito a superare la giornata senza un voto di fiducia. I parlamentari conservatori hanno stimato che potrebbero essere state inviate fino a 30 delle 54 lettere richieste, e altre dovrebbero arrivare dopo che Gray, un alto funzionario pubblico, ha consegnato le sue conclusioni sulla presunta violazione delle regole a Downing Street la prossima settimana.

Il Guardian comprende che i membri del Comitato dei Rappresentanti del 1922 stanno cercando di abbreviare il periodo in cui un leader è immune da un altro voto di sfiducia da 12 mesi a sei mesi. La stessa mossa è stata presa in considerazione quando Theresa May ha dovuto affrontare un voto di sfiducia nel dicembre 2018 ma è sopravvissuta.

READ  La Corea del Nord lancia un missile balistico in mare, una settimana dopo che Kim Jong Un ha promesso di potenziare il suo programma militare

Eppure guida apertamente la ribellione I parlamentari delusi nel 2019 Preoccupato per il basso supporto nei loro posti. Ma fonti hanno affermato che la prossima ondata di messaggi sarebbe probabilmente arrivata dai conservatori di “One Nation” dell’ala centrista del partito se il rapporto Gray avesse condannato sufficientemente il comportamento di Johnson.

Chiamata

I parlamentari conservatori hanno affermato che Johnson non era fuori pericolo, con due ministri che descrivono la situazione attuale come “sporca”. Un ministro ha affermato di aver mantenuto il potere al di là delle scoperte di Gray, ma che il primo ministro non aveva “carta bianca” per rimanere in carica.

Ha aggiunto che la decisione di molti colleghi di continuare a sostenere il primo ministro può dipendere dal fatto che ritengano che danneggerà seriamente le possibilità del partito alle elezioni locali.

Diversi parlamentari conservatori hanno descritto al Guardian un diluvio di messaggi arrabbiati da parte degli elettori, che vanno da 250 a 2.000 in un caso, superando l’indignazione per i voli contro il blocco dell’ex decimo aiutante Dominic Cummings.

Johnson ha tenuto incontri con i parlamentari mercoledì per cercare di persuaderli a non inviare lettere di sfiducia e ha cercato di corteggiare i suoi parlamentari annunciando un La fine delle normative Covid in Inghilterra.

David Davis parla durante le Domande del Primo Ministro mercoledì. Foto: Parlamento del Regno Unito / Jessica Taylor / Pennsylvania

Tuttavia, i membri della Camera dei rappresentanti hanno affermato che dovrà fare di più e molti rimangono titubanti sul fatto che debba continuare con il lavoro. Un membro di spicco del Parlamento che sostiene fortemente il primo ministro ha affermato che se vuole sopravvivere, avrà bisogno di nuovo personale senior nel 10° “per metterlo in catene”.

Il parlamentare ha anche consigliato un “nuovo funzionario ministeriale”, un rimpasto di gabinetto per rimuovere i membri sleali del gabinetto e un passo per affrontare la crisi del costo della vita sbarazzandosi degli alti contributi dell’assicurazione nazionale. È stato ferito a morte? Questa è la domanda. È ferito. Ma se qualcuno può cambiare questa situazione, può farlo.

Un ministro ha tentato di affermare che la mossa di Wakeford ha avuto un effetto “unificante” tra i conservatori e potrebbe “tracciare una linea sotto tutto” – ma un altro ha affermato che la posizione del primo ministro è rimasta “precaria”.

Fonti di alto rango laburisti hanno affermato di essere in contatto con altri parlamentari conservatori “estremamente sconvolti” sulla prospettiva di entrare a far parte dei laburisti, il che sarebbe un altro duro colpo per l’autorità del primo ministro.

La scissione è avvenuta prima dell’a Domande disordinate per il Primo Ministro, con Wakeford dall’altra parte del pavimento per sedersi con i laburisti e incolpare il comportamento “vergognoso” di Johnson.

Dopo un feroce gruppo di scambi Tra Johnson e Keir Starmer, ha detto il leader laburista: “Il Paese non merita molto di meglio di questo Primo Ministro fuori controllo, fuori controllo, fuori idee e presto fuori carica?”

Poi c’è stato silenzio alla Camera dei Comuni quando Davis si è alzato per dire a Johnson che aveva passato settimane a difenderlo dagli “elettori arrabbiati”, ma i rapporti ripetuti sui partiti che violavano il blocco erano troppi.

L’ex segretario alla Brexit e contendente alla leadership ha dichiarato: “Mi aspetto che i miei leader si assumano la responsabilità delle azioni che intraprendono. Ieri ha fatto il contrario.

Quindi gli ricorderò una citazione che potrebbe essere familiare al suo orecchio, Leo Emery di Neville Chamberlain: “Sono rimasto seduto lì troppo a lungo per tutto il bene che ho fatto. In nome di Dio vai. “

Quando il Guardian gli ha poi chiesto cosa lo avesse spinto a intervenire, Davis ha detto Johnson colloquio “Non è quello che mi aspetterei da un leader”, ha detto a Sky News martedì.

Ha detto: “Finora l’ho supportato … ma non è la leadership”. L’intervista di ieri è stata un tentativo di evasione dalla responsabilità, di non assumerla. Questa è una prova di leadership”.

Resta inteso che i colleghi più giovani stavano facendo pressioni su Davis affinché facesse una dichiarazione pubblicamente invitando il primo ministro ad andare, dicendo che la situazione aveva bisogno di una “grande figura” per intervenire.

Johnson ha insistito alla Camera dei Comuni che non aveva intenzione di dimettersi, mentre il suo addetto stampa ha successivamente detto ai giornalisti che si sarebbe battuto per continuare se fosse stato preso un voto di fiducia.

Il primo ministro ha anche rivelato la possibilità che il rapporto Gray venga pubblicato già la prossima settimana tra le speculazioni che potrebbe arrivare questa settimana. Con il partito ancora nel limbo anche allora, molti membri del Partito conservatore nei loro parlamentari sembravano disperati per la situazione in corso.

Dove sono i leader? Dove sono gli strateghi che ci guidano attraverso questo? “Invece abbiamo questo blu su blu”, ha detto il deputato conservatore ed ex ministro Tobias Ellwood.